Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Il carcere di Brissogne
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> POLITICHE SOCIALI
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Ago 06, 2009 11:23 am    Oggetto:  Il carcere di Brissogne
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa 06 Agosto 2009 ha scritto:

LA POLIZIA PENITENZIARA
«Carcere sovraffollato, tra i peggiori»


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Tra le tredici regioni italiane le cui carceri risultano sovraffollate c’è anche la Valle d’Aosta. Lo denuncia il Sappe, Sindacato autonomo di polizia penitenziaria, che ieri ha diffuso una nota con le città a rischio. Il carcere di Brissogne ospita sei reparti, ognuno con 23 celle; ogni camera di detenzione progettata per un detenuto ne accoglie due. La popolazione carceraria è di 261 unità, a fronte di una capienza massima di 100. I detenuti stranieri sono 156, il 59,77 per cento. Gli agenti di polizia penitenziaria presenti sono 150, contro i 210 previsti dall’organico.


Il Welfare in Valle d'Aosta passa anche per la carceri.
Il carcere di Brissogne è tra i peggiori d'italia.
Tra tutti gli altri numeri ci sono anche 150 agenti
di polizia penitenziaria "incarcerati".
Visto che in totale dovrebbero essere 210

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Gio Ago 06, 2009 11:23 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Ven Ago 07, 2009 11:12 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

12vda.it -Mercoledì 05 Agosto 2009 18:00 ha scritto:
Anche nella Casa circondariale di Brissogne sovraffollamento dei detenuti:
oltre cento persone oltre la capienza

Scritto da douze

C'é anche la Valle d'Aosta tra le regioni italiane in cui verifica il sovraffollamento nelle carceri: nei sei reparti della Casa circondariale di Brissogne ci sono ventitré celle, progettate per accogliere due detenuti, con una capienza massima totale di cento persone. Invece la popolazione carceraria in Valle è formata da 261 persone, di cui 156 stranieri. Problemi anche con il personale: gli agenti di polizia penitenziaria dovrebbero essere 210 ma a Brissogne lavorano solo in 150.
A livello nazionale, da dati diffusi dal ministero della Giustizia, il numero complessivo dei detenuti sono 63mila e 587, di cui 30mila e 436 in via cautelare in attesa del processo, e 31mila 192 stanno scontando la pena: oltre alla Valle d'Aosta, fenomeni di sovraffollamento delle carceri si stanno verificando in altre dieci regioni, come la Campania, l'Emilia-Romagna, il Friuli Venezia-Giulia, la Liguria, le Marche, la Puglia, la Sicilia, la Toscana, il Trentino Alto Adige ed il Veneto.


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Dom Ago 09, 2009 12:11 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA) Data: 08/08/2009 ha scritto:
16:42 CARCERI: SINAPPE, QUELLO DI BRISSOGNE A RISCHIO IMPLOSIONE

(ANSA) - AOSTA, 8 AGO -
"Tra le 11 regioni a maggior sovraffollamento non fa eccezione l'istituto penitenziario della Valle d'Aosta, sovraffollato e a rischio d'implosione". A lanciare il grido d'allarme è Mauro Mondolivo di Trani, segretario regionale del Sindacato nazionale autonomo di polizia penitenziaria (Sinappe):

"Quello di Brissogne - aggiunge in una nota - è un penitenziario piccolo che teoricamente dovrebbe ospitare un centinaio di detenuti e invece adesso ne contiene più del doppio, costringendo il personale di polizia penitenziaria a turni massacranti di otto e più ore di servizio e a sacrificare la giornata di riposo, diventata ormai una chimera".

Secondo il Sinappe, "i penitenziari sparsi su tutto il territorio nazionale sono come delle pentole a vapore che rischiano di esplodere da un momento all'altro se non si interviene con mezzi adeguati e garantendo a detenuti e agenti quello che la legge prevede". "Alla fine dell'anno - conclude Mondolivo di Trani - sarà raggiunta quota 70.000 detenuti a fronte di poco più di 62.000 posti disponibili nelle carceri, ben oltre la tolleranza prevista". (ANSA).


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Ago 13, 2009 3:27 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA) - Data: 13/08/2009 ha scritto:
10:54 CARCERI: DELEGAZIONE CONSIGLIO VALLE IN VISITA A BRISSOGNE
- AOSTA, 13 AGO -
Una delegazione del Consiglio regionale della Valle d'Aosta visiterà, domani, alle 10.30, la casa circondariale di Brissogne, in occasione dell'iniziativa 'Ferragosto 2009 in carcere', organizzata dai Radicali Italiani, con il coinvolgimento di parlamentari nazionali ed europei, di consiglieri regionali dei diversi schieramenti politici e dei Garanti per i Diritti dei detenuti. Parteciperanno il presidente del Consiglio regionale, Alberto Cerise, e i consiglieri Raimondo Donzel, Roberto Louvin e Francesco Salzone.

La presenza dei consiglieri regionali in carcere si pone l'obiettivo di "una verifica - spiega una nota diffusa oggi dall'Ufficio stampa del Consiglio regionale - della situazione all'interno della Casa Circondariale, oltre che il confronto con tutte le realtà operanti nell'istituto di pena, in primis il personale di custodia, che svolge efficacemente il proprio compito nonostante le croniche carenze di organico e il riscontrato aumento di fenomeni legati alla microcriminalità".

"Il Consiglio regionale - spiega il presidente Alberto Cerise - segue con particolare attenzione la situazione carceraria valdostana, al fine di sostenere soluzioni per rendere più agevole il duro lavoro svolto dai personale di custodia, garantendo loro condizioni di sicurezza e assicurando vivibilità alla popolazione carceraria, ben conscio della missione rieducatrice di una struttura di pena". (ANSA).



Ondate emotive anche giustificate dell’opinione pubblica rischiano di far pagare, come è avvenuto, tempi addietro, a migliaia di poveri, di umili, di indifesi, fatti i criminalità con i quali hanno ben poco a che fare. Pagano anche le carenze e le colpe di uno Stato che è capace di attuare con efficienza, solo una vergognosa giustizia di classe, mentre è incapace di fare funzionare e di assicurare la giustizia della Repubblica. Ecco perchè noi del Pd plaudiamo al gesto della delegazione entrata nelle Carceri di Brissogne. I diritti e la Costituzione vanno sostenuti anche in carcere. E' andata in porto la famosa riforma carceraria? Non si sa! Anche se la riforma carceraria fosse divenuta legge della Repubblica, l’attuazione di questa è insoddisfacente, contraddittoria e limitativa. Dunque ora è necessario che dall’esterno del carcere, cioè con i nostri consilieri, l'attuazione per la riforma venga ripresa e sviluppata e che l’onere della lotta non sia lasciato ai soli detenuti.

Ma ci sono anche i diritti degli agenti da rispettare. Una settantina. Tanti sono agenti di Polizia penitenziaria che si sono tolti la vita negli ultimi 10-12 anni. I numeri, allarmanti, sono stati diffusi dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria. Sindacati e ministero si sono trovati d’accordo sulle soluzioni, di medio e lungo termine, per “mettere in campo un programma articolato di interventi” con l’obiettivo di migliorare la qualità dei vita degli agenti. Ora si tratta di metterle in pratica.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Ven Ago 14, 2009 11:33 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa - 14 Agosto 2009 ha scritto:
BRISSOGNE.PER VERIFICARE LA SITUAZIONE
Consiglieri regionali in visita nel carcere

Una delegazione del Consiglio regionale visiterà oggi alle 10,30 la casa circondariale di Brissogne, in occasione dell’iniziativa «Ferragosto 2009 in carcere», organizzata dai Radicali Italiani con il coinvolgimento di parlamentari nazionali ed europei, di consiglieri regionali dei diversi schieramenti politici e dei Garanti per i Diritti dei detenuti. Parteciperanno il presidente del Consiglio regionale, Alberto Cerise, e i consiglieri Raimondo Donzel, Roberto Louvin e Francesco Salzone. «La presenza dei consiglieri regionali in carcere - spiega una nota diffusa oggi dall’Ufficio stampa del Consiglio regionale - si pone l’obiettivo di una verifica della situazione all’interno della casa circondariale, oltre che il confronto con tutte le realtà operanti nell’istituto di pena, in primis il personale di custodia, che svolge efficacemente il proprio compito nonostante le croniche carenze di organico e il riscontrato aumento di fenomeni legati alla microcriminalità».
«Il Consiglio regionale - spiega il presidente Cerise - segue con particolare attenzione la situazione, al fine di sostenere soluzioni per rendere più agevole il duro lavoro svolto dal personale di custodia, garantendo condizioni di sicurezza e assicurando vivibilità alla popolazione carceraria».

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!



_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Dom Ago 16, 2009 9:42 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa - 15 Agosto 2009 ha scritto:
BRISSOGNE.L’APPELLO AI POLITICI
I detenuti: “Non dimenticateci”



Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Anche il Consiglio Valle ha aderito a «Ferragosto 2009 in carcere», un’iniziativa promossa dai Radicali Italiani, che ha visto il coinvolgimento parlamentari ed eurodeputati. La delegazione dei consiglieri regionali ha visitato la casa circondariale di Brissogne nella mattinata di ieri. Assieme al presidente del Consiglio, Alberto Cerise, c’erano Raimondo Donzel (Pd), Roberto Louvin (VdA Vive), Francesco Salzone (Stella Alpina) e Diego Empereur (Uv). «Che io ricordi è la prima volta che si fa» dice Roberto Louvin. «E’ stato un momento importante, penso che sia un diritto dei consiglieri, nonché un loro dovere, visitare la struttura. Abbiamo fatto una visita approfondita – prosegue Louvin - durata circa due ore».

Secondo Alberto Cerise, uno degli obiettivi prioritari da raggiungere è una maggiore integrazione del carcere con la realtà territoriale circostante. «La situazione valdostana è un po’ atipica nel panorama carcerario italiano, la struttura ha dei pessimi rapporti con il territorio, anche perché la percentuale dei detenuti locali è molto bassa. Si dovrebbe cercare di coinvolgere, sempre più, anche le aziende e le cooperative sociali della regione, affinché utilizzino i carcerati in diversi lavori». Quella di ieri è stata la prima visita dei consiglieri al carcere ma, molto probabilmente, non sarà l’ultima. «I detenuti hanno chiesto di potersi confrontare con noi, questa volta per motivi di organizzazione non è stato possibile, in futuro credo proprio che lo faremo, tutti i consiglieri presenti si sono mostrati disponibili».

Sono molti i problemi che affliggono la struttura di Brissogne, in primis il sovraffollamento e la carenza di personale. Il carcere ospita 246 detenuti, tutti uomini, ma i posti sono solo 181, con una capienza limite di 188. «Bisogna cercare di riequilibrare – dice ancora Cerise - la popolazione carceraria con gli spazi disponibili. Altro disagio è la mancanza di personale, ci sono poi molti dipendenti distaccati che sulla carta sono dipendenti delle Carceri ma sono altrove». L’iniziativa si poneva l’obiettivo di verificare da vicino la situazione della prigione. «E’ fondamentale – prosegue Louvin – che la giunta si attivi al più presto affinché si ottenga il passaggio di competenze dallo Stato a livello di sanità. Una regione come la Valle d’Aosta non può lasciare indietro la sua struttura carceraria».


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Set 08, 2009 2:56 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA) Data: 07/09/2009 ha scritto:
15:58 CARCERI: SAPPE,64.179 DETENUTI,SUPERATA CAPIENZA TOLLERABILE(2)
- ROMA, 7 SET -
I dati del Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, rielaborati dall'Associazione pianeta carcere e dal sindacato Sappe, evidenziano che la presenza di detenuti è quasi una volta e mezzo (il 148%) la capienza regolamentare del sistema carcerario italiano che è di 43.327 posti. Gli stranieri sono 23.785, il 37,06% del totale.

Di seguito la mappa del sovraffollamento regione per regione.
REGIONE - DETENUTI - LIMITE REGOLAMENTARE - TOLLERABILE
ABRUZZO 1.914 1.475 2.247 BASILICATA 650 439 671 CALABRIA 2.765 1.778 2 966 CAMPANIA 7.300 5.362 7 228 E-ROMAGNA 4.652 2.308 3 796 F.V.GIULIA 878 548 841 LAZIO 5.754 4.452 6.507 LIGURIA 1.623 1.140 1.594 LOMBARDIA 8.607 5.506 8.518 MARCHE 1.153 753 1.068 MOLISE 434 356 510 PIEMONTE 4.870 3.358 5.276 PUGLIA 4.296 2.510 3.917 SARDEGNA 2 407 1 971 2.652 SICILIA 7 499 4.898 7.220 TOSCANA 4.333 3.032 4.197 TRENTINO A.A 372 256 294 UMBRIA 1.303 1.127 1.358
VALLE D'AOSTA - 252 - 181 - 188 - VENETO 3.117 1.877 2.883 TOTALE 64.179 43.327 64.111. (ANSA).


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Ven Set 18, 2009 5:34 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa 18 Settembre 2009 ha scritto:
Il direttore Mazzeo
«I detenuti sono 250 in una struttura concepita per 180»

“Il carcere scoppia ormai siamo al limite”


Duecentocinquanta detenuti in una struttura concepita per ospitarne un massimo di 180. Gli italiani sono 67: tutti gli altri sono stranieri con una maggioranza di maghrebini. Il sovraffollamento della casa circondariale di Brissogne rischia di diventare cronico. Anche se, ad oggi, non si sono ancora verificati aumenti dovuti al reato di clandestinità inserito nel «pacchetto sicurezza».

«La situazione è insostenibile - dice Salvatore Mazzeo, direttore dell’istituto penitenziario regionale -. La mia proposta? Semplice e realizzabile in tempi quasi immediati. Per 135 dei 250 detenuti il “fine pena” scade il prossimo anno. Mi chiedo perchè non si possa far scontare questo tempo residuo con impieghi nei Lavori socialmente utili. Sarebbe un metodo ottimo per alleggerire la pressione all’interno del carcere». Mazzeo giudica «esagerato» il ricorso allo strumento penale e sollecita l’applicazione di soluzioni alternative «per restituire alla società persone riabilitate». E aggiunge: «Non occorrono programmi ambiziosi. Abbiamo strumenti validi ed efficaci».

Al direttore del carcere preme sottolineare una seconda opportunità per ridurre il numero dei detenuti: l’espiazione della pena nei Paesi di origine. «Ma non secondo i criteri attuali che prevedono, in base alla convenzione di Strasburgo, l’obbligo di chiedere l’assenso al detenuto. Il trasferimento dovrebbe avvenire d’ufficio. E’ chiaro - continua il direttore - che tutti si rifiutano. In Italia offriamo carceri con elevati standard qualitativi sia strutturali sia professionali».

Un decreto ministeriale ha definito il «piano di dismissione» per gli istituti penitenziari obsoleti. E’ articolato in base allo stato di degrado e comprende tre scaglioni partendo dalla dismissione in tempi molto brevi per gli edifici più malconci. Alla seconda fascia appartengono le carceri ancora funzionali ma non del tutto rispondenti alle esigenze dell’amministrazione penitenziaria. Della terza fanno parte penitenziari ristrutturati e utilizzabili per un periodo più lungo. La problematica del sovraffollamento carcerario e della massiccia presenza di immigrati è, tra l’altro, oggetto di una richiesta di interessamento dell’Unione Europea da parte del ministro della Giustizia Angelino Alfano. Lo riferisce ancora Mazzeo che rilancia: «Non possiamo impedire l’ingresso degli stranieri in Italia. Ma per chi delinque si devono stabilire leggi appropriate».

Il carcere però dovrebbe essere considerato solo l’«extrema ratio». «Il sovraffollamento origina fortissime tensioni fra i detenuti» rimarcano i rappresentanti sindacali degli agenti di polizia penitenziaria più volte coinvolti in situazioni interne al carcere difficili da gestire.


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> POLITICHE SOCIALI Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008