AREA DEMOCRATICA

POLITICHE SOCIALI - Ricongiungimenti famigliari...

carmelo.pace - Dom Gen 14, 2007 2:50 pm
Oggetto: Ricongiungimenti famigliari...
Finalmente...non vorrei fare come la Litizzetto ma...
Da Repubblica di oggi
lla Giornata mondiale messaggio del Papa ai migranti
"Quelli per ragioni economiche sono 200 milioni nel mondo"
Benedetto XVI all'Angelus
"Immigrati, grande risorsa"
"Servono misure concrete per favorire i ricongiungimenti"

Benedetto XVI all'Angelus: "Immigrati, grande risorsa"

Benedetto XVI
ROMA - Il Papa rivolge lo sguardo ai migranti nel giorno a loro dedicato a livello mondiale. Servono misure concrete che agevolino i ricongiungimenti familiari e l'immigrazione regolare, con particolare attenzione per donne e bambini, dice il pontefice che definisce i migranti "grande risorsa per l'umanità".

E' importante che vengano messe in atto rapidamente misure in favore dell'emigrazione regolare e dei ricongiungimenti familiari, dice il Papa in occasione dell'Angelus celebrato in piazza San Pietro.

"Auspico - afferma Benedetto XVI - che si giunga presto ad una gestione bilanciata dei flussi migratori e della mobilità umana in generale, così da portare benefici all'intera famiglia umana, cominciando con misure concrete che favoriscano l'emigrazione regolare e i ricongiungimenti familiari, con particolare attenzione per le donne e i minori".

Quindi, il Papa osserva che "anche nel vasto campo delle migrazioni internazionali, la persona umana dev'essere sempre posta al centro".

"In realtà - aggiunge il pontefice - il fenomeno della mobilità umana è molto ampio e diversificato. Secondo recenti stime delle Nazioni Unite, i migranti per ragioni economiche sono oggi quasi 200 milioni, circa 9 milioni i rifugiati e circa 2 milioni gli studenti internazionali".

"A questo gran numero di fratelli e sorelle - aggiunge - dobbiamo aggiungere gli sfollati interni e gli irregolari, tenendo conto che ad ognuno fa capo, in un modo o nell'altro, una famiglia". Quindi, Ratzinger sottolinea l'importanza di "tutelare i migranti e le loro famiglie mediante l'ausilio di presìdi legislativi, giuridici e amministrativi specifici, ed anche attraverso una rete di servizi, di punti di ascolto e di strutture di assistenza sociale e pastorale".
giorgio - Mar Gen 16, 2007 10:24 pm
Oggetto: Erba, un campanello d'allarme...per tutti.
Ciò che è successo quella mattina dell'11 dicembre in un paesino normale, in provincia di Como è la sintesi di una folle normalità. Fatta di liti condominiali, di paranoie da casalinghe alienate, di bambini che fanno rumore, strani vicini, discriminazioni razziali, complicità coniugali, pregiudizi, incomprensioni, problemi con la droga, solitudine, depressione, manie. Vite normali. Intanto il mondo, indifferente, continuava ad andare avanti. La strage di Erba è la fotocopia rovinata della nostra società contemporanea. Fuori confusione, competizione, precarietà, insicurezza, frenesia, stress. Dentro, nelle anime degli individui, solitudine, disillusione, frustrazione, stanchezza. Prima di tutto vorrei soffermarmi sul luogo. La benestante Como, nella Brianza produttiva, laboriosa. La Brianza che ce l'ha duro, che odia i terroni ignoranti ed invadenti, i musulmani infami, i rumeni rapinatori, gli zingari delinquenti e ladri. Quella Brianza che odia tutti. Che a forza di odiare coltiva odio. E raccoglie odio. Morte.

Cosa si nasconde dietro quel benessere, quell'orgoglio silente, isolato, individualista, freddo, tipico della Padania? Credo solitudine, ignoranza, intolleranza verso la diversità, frustrazione, alienazione, stanchezza. Di vivere, forse. In secondo luogo, un giornale. L'organo di stampa di un partito italiano che offende la costituzione, che ha tra i suoi principali obiettivi quello di dividere fisicamente il paese, che non riconosce la bandiera. Una fonte di notizie che semina ogni giorno odio ed intolleranza, che non ha esitato ad accusare della strage il classico "islamico di media età, corporatura ed altezza". Il classico dei classici.

È incredibile che un insieme di politicanti, continui ad avere il diritto di poter dire ciò che vuole, sempre e comunque, contro tutto e tutti, purchè prevalga intolleranza razziale. Inaccettabile che tali individui usufruiscano di fondi statali per finanziare un'attività propagandistica pericolosa. Soldi di tutti. Ma poi mi si dirà che in fondo hanno una rappresentanza politica reale, che rispecchiano il volere di una parte degli italiani. Italiani che non vogliono essere italiani. Quelli che...io l'Italia gliela dividerei veramente...

Ogni tanto, in lontananza, confuso, appena percepibile, mi sembra in questa nobile e accogliente generosa regione, di udire le note di un campanello ancora un pò sordo...

Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Powered by phpBB2 Plus based on phpBB