Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Il I° febbraio e l'8 marzo li dedico a....
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> DIRITTI E PARI OPPORTUNITA'
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Gio Mar 08, 2007 9:34 am    Oggetto:  Il I° febbraio e l'8 marzo li dedico a....
Descrizione:
Rispondi citando

Apro questo post perchè come avrete capito non amo le mimose, non amo le dichiarazioni rilasciate in questo giorno e poi dimenticate...
ma solitamente in questo giorno omaggio sempre la donna che mi ha dato e mi da tanto. La mia NONNA.
Ha vissuto una vita difficile come prima figlia femmina in una famiglia di 7 figli. Nonostante sia una persona molto intelligente non ha potuto studiare, ha conosciuto gli orrori della guerra e la disperazione di essere una ragazza madre ma per fortuna poi, mentre era al pascolo, ha conosciuto mio nonno in un modo un pò imbarazzante (lui stava rubando delle mele dal loro frutteto e uno dei miei zii gli sparò del sale).
Ha poi avuto una figlia, mia mamma, da lui e ha allevato 3 nipoti e 2 bisnipoti, i miei figli.
Nonostante la sua apparente freddezza ha dato tanto a tutti e anche oggi che è su una sedia a rotelle lotta come una leonessa.
Molte cose da allora sono cambiate ma bisogna fare ancora molto per quelle donne meno fortunate, per quegli uomini troppo maschilisti che pensano che con la forza si possa fare tutto... Noi dalla nostra abbiamo la forza del Pensiero. Usiamola...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Gio Mar 08, 2007 9:34 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Mar 08, 2007 1:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Grazie ! Auguri a tutte le Donne meravigliose di questo forum...


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Gio Mar 08, 2007 4:26 pm    Oggetto:  Napolitano
Descrizione:
Rispondi citando

Questa volta sono riuscita a precedere pure il Presidente. Leggete il suo discorso. Cita anche lui le nonne....

NAPOLITANO, DONNE LAVORINO PER LE DONNE
"Con questo 8 Marzo vogliamo chiamare le donne italiane a lavorare per la causa delle donne, per i loro diritti, per i loro progetti. Questa è la chiave che abbiamo scelto quest'anno" , ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano celebrando al Quirinale la Giornata internazionale delle donne, con una cerimonia durante la quale hanno preso la parola i ministri Barbara Pollastrini, Giuseppe Fioroni e Fabio Mussi.
Napolitano celebra al Quirinale l' 8 Marzo citando le parole dell' articolo 3 della Costituzione che chiede di "rimuovere gli ostacoli", quelli che "impediscono il pieno sviluppo della persona umana" senza distinzioni di sesso e di razza. E' il principio fondativo delle pari opportunità che richiama "questioni di libertà e di democrazia" e porta alla questione di riconoscere il ruolo delle donne nella società, nel lavoro e anche nella politica. Nel nostro Parlamento, dice il capo dello Stato, "ci sono solo pattuglie di elette". "La barriera che blocca l' accesso delle donne agli alti gradi, in Italia è ancora particolarmente robusto. Ci sono stati solo deboli segnali di miglioramento". Napolitano cita la crescita delle imprese a conduzione femminile, l' aumento dell' occupazione femminile, poi osserva: "ma lo squilibrio è ancora altissimo, uno dei più alti in Europa. L' occupazione femminile italiana è ancora ben lontana dall' obiettivo del 60 per cento previsto dal Consiglio di Lisbona del 2000 per l' anno 2010". Non solo le donne italiane sono troppo poco occupate, ma quando lo sono fanno assai più fatica degli uomini ad avanzare in tutte le sfere di attività, dalle imprese private, alla pubblica amministrazione, alla politica, "come ben sanno le pattuglie, solo pattuglie, di elette nel nostro Parlamento".
Napolitano ricorda i troppi episodi di violenza sulle donne, un fenomeno "grave e intollerabile". Definisce "errore fatale" quello che compiono le donne che non denunciano la violenza subita, ma riconosce che anche questa è una delle conseguenze dell' essere vittima: ad esempio, tra le donne costrette alla prostituzione forzata ci sono "vittime di persone di cui si fidavano". "Dobbiamo attrezzarci - dice il presidente della Repubblica - a combattere discriminazioni piccole e grandi, violenze minori e maggiori. Perché la situazione cambi, perché le donne godano davvero di pari opportunità, perché cessino sfruttamenti e violenze, è necessario un robusto tessuto normativo. E tuttavia le leggi, come sappiamo, sono essenziali ma non bastano. E' indispensabile un impegno collettivo, un impegno fortissimo, di educazione, fin dai primi gradi del sistema di istruzione, al rispetto della donna, alla cultura della non violenza, al principio della parità. Se non si crea anzitutto i ragazzi, tra i giovani, nelle scuole e nel Paese, un nuovo costume civile, tale da sconfiggere le posizioni più incolte e le pulsioni più rozze, la battaglia della sicurezza, della piena serenità e dignità per le donne non può essere vinta". Il capo dello Stato sottolinea che un impegno delle donne a favore di sé stesse e delle altre donne è comunque "indispensabile". Ed è per favorire tale impegno che è stato promosso il concorso 'Donne per le donne', in collaborazione con i ministri della Pubblica istruzione, dell' Università e delle Pari opportunità, a cui il capo dello Stato ha concesso l'Alto patrocinio. A questi doveri delle donne verso sé stesse e le altre donne, ha spiegato Napolitano, è stata inoltre ispirata la scelta delle donne che sono state premiate con onorificenze.
Fra loro, ha detto, ci sono anche un'imprenditrice che cura la produzione di 'taglie comode' (Elena Miroglio), e una ricercatrice che opera nel campo della prevenzione dei tumori dell' utero (Silvia Franceschi). Una scienziata, ha sottolineato Napolitano, che lavora in Francia presso un'organizzazione internazionale, lo Iarc. "Non è questo il caso, ma non possiamo nasconderci - ha detto Napolitano - il fatto che la fuga di cervelli riguardi anche le donne, come in generale i giovani altamente qualificati". Napolitano spiega poi lo spazio dato nella celebrazione odierna alle nonne, per l'importanza del tipo di aiuto che danno all' interno della famiglia. "Le nonne - ha detto - contribuiscono alla crescita affettiva ed intellettuale dei bambini e consentono alle figlie e alle nuore di lavorare e di fare carriera". Un esplicito riconoscimento "ad una sollecitudine delle nonne", che però, ha tenuto a precisare il capo dello Stato, "non esime i poteri pubblici dalla necessità di fornire supporti finanziari e servizi alle famiglie". Il ruolo delle nonne sul piano affettivo, comunque, resta insostituibile. Ma sono altrettanto insostituibili "anche i nonni, quando accettano anche loro di prendere sul serio questo ruolo. Sono utili alle loro famiglie e si fanno pure un grande regalo". Qui Napolitano ha ricordato l'insegnamento delle femministe e ha concluso: "E' una buona cosa che più padri e più nonni si occupino dei figli e dei nipoti. Per mia esperienza, vi risparmio l'autobiografia e l'autocoscienza, so che i padri ne sono spesso troppo distolti, considerandosi magari giustificati. Dico comunque che la condizione di nonno può rappresentare una sorta di seconda grande occasione. Per quel che mi riguarda, mi ci sono provato, prima di essere in extremis richiamato in servizio. Insisto tuttavia nel sottolineare questa opportunità, nel confermare la bellezza del rapporto con i figli dei propri figli".
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mer Apr 04, 2007 12:42 pm    Oggetto:  Questo è successo ieri 03. 04. 2007
Descrizione:
Rispondi citando

Repubblica ha scritto:
L'incendio si è sprigionato nei magazzini dell'azienda alle sei del mattino
L'operaia era rientrata negli spogliatoi per recuperare la borsetta
Ancona, fiamme nello stabilimento Arena
Una dipendente muore soffocata

La fabbrica alimentare dà lavoro a 600 persone. Preoccupazioni per il futuro dell'impianto


L'incendio allo stabilimento Arena a Castelplanio
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
CASTELPLANIO (Ancona)- C'è una vittima nel rogo dello stabilimento Arena di Castelplanio, ad una quarantina di chilometri da Ancona. E' una dipendente di 59 anni, trovata dai vigili del fuoco soffocata nei bagni dello stabilimento. Alcuni compagni di lavoro hanno riferito che appena scoppiato l'incendio la donna si era allontanata di corsa insieme a loro. Poi però è tornata indietro per recuperare la borsa. Probabilmente le fiamme le hanno tagliato la strada e nel tentativo di sfuggire al fumo si è rinchiusa nel bagno dove è stata trovata morta. La vittima si chiamava Alite Cardella, era originaria di San Severino Marche (Macerata) ma risiedeva a Pozzetto di Castelplanio. Era vedova, e lascia due figli. All'Arena lavorava come operaia.


Ancora una donna!

PS. Questo è successo ieri 03. 04. 2007

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Ven Ott 05, 2007 12:22 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La vita ahime mi riserva un'altra prova difficile. La leonessa a cui ho dedicato l'8 marzo è malata e quindi chiedo scusa a tutti ma non potrò essere così presente come dovrei. Farò tutto il possibile però.
Ringrazio nuovamente Raimondo per la sua comprensione e per la sua grande umanità.
Grazie anche a Paolo che immagino disturberò spesso in questo periodo...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Feb 07, 2012 6:43 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Il I° febbraio era ricorsa una data speciale: con il Decreto luogotenenziale del 1° febbraio 1945 n. 23 a firma di Umberto di Savoia, il Consiglio dei Ministri presieduto da Ivanoe Bonomi riconosce il voto femminile, su proposta di Palmiro Togliatti e Alcide De Gasperi. L’estensione del diritto al voto compie 67 anni, anche se fu solo un anno più tardi che le donne ebbero la possibilità di essere anche elette, oltre che eleggere. La prima occasione di voto sono state le elezioni amministrative fra il marzo e l’aprile del 1946 e subito dopo, il 2 giugno 1946, gli italiani il voto fu fondamentale per il referendum istituzionale tra Monarchia o Repubblica.

Questo post vuole essere un augurio alle donne, ancora oggi vittime a volte di abusi e preconcetti. Se infatti da una parte quella di oggi è una donna forte e sicura di sè, dall’altra deve fare i conti con una disparità professionale ancora incline alla mentalità maschile. Sul Corriere della Sera un anno fa era uscita un’interessante intervista a due scrittrici diverse solo per generazione, Silvia Ballestra, 41 anni, e Isabella Bossi Fedrigotti, venti di più, nella quale entrambe rivendicano parità ed educazione. Nell’ambito dell’ultimo forum sull’occupazione femminile, solo qualche tempo fa è inoltre emersa una nuova notizia: la preparazione di un osservatorio permanente che funzioni come centro per la raccolta dei dati statistici e contemporaneamente come motore per la preparazione di percorsi formativi dedicati alle donne e al lavoro in rosa. Insomma ce n’è ancora di strada, ma cogliamo questa data per rinnovare l’impegno di uguaglianza del 1945.

Qui sotto invece inserisco il video realizzato per l’evento ideato da Società Usa e Getta, il blog su società, politiche, donne e marginalità curato da Sara Mago. La musica è di Giovanni Nuti, il testo della poetessa Alda Merini "Il regno delle donne".


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Feb 07, 2012 6:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ogni conquista va difesa e se oggi le donne non vedono in pericolo il loro diritto al voto, vedono però il tentativo di riproporre alle donne il ruolo di "importanti gregarie", piacevoli alla vista e compiacenti con il potente di turno. E' un gioco sottile fatto di complimenti e apprezzamenti ipocriti, che mira a tenere le donne distanti dai ruoli importanti.........gli ultimi anni sono stati deleteri per le donne, abbiamo visto sdoganare concetti vecchi e stantiii, questo ci ha insegnato che non bisogna mai abbassare la guardia e una certa mentalità bacchettona è sempre pronta a fare capolino dietro ogni diritto acquisito faticosamente.

La parità sostanziale tra uomini e donne è ancora lontana, i lavori meglio retribuiti oppure di più elevata qualificazione continuano ad essere in netta prevalenza svolti da uomini, il lavoro domestico e familiare è ancora quasi esclusivamente femminile, se uno dei genitori deve stare a casa col figlio quasi sempre è la donna, le elites sono in netta prevalenza maschili. La parità raggiunta è solo giuridico-formale, ed è stata raggiunta decenni dopo il riconoscimento del diritto di voto, ancora negli anni 60 le donne non potevano entrare in magistratura, e negli anni 70 in polizia, gli ultimi a cedere sono stati i corpi militari negli anni 90.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Mar 08, 2012 3:31 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Beh questa è una di quelle feste che mi piacciono meno, una specie di festa del ringraziamento per il cappone.Laughing
Non dovrebbe esistere nessuna festa per le donne, anzi non dovrebbe proprio esistere la categoria "le donne", come non è mai esistita una categoria "gli uomini" (non intesa come genere umano, ma come genere). Si dirà che ciò è utopistico, perché le donne nella storia hanno subito di tutto e di più. [size=11]Purtroppo la storia non fa mai nemesi, e quando ne fa son dolori, e non solo per i vincitori sconfitti, ma per tutti. Vorrei tanto che si parlasse di donna e basta, al singolare, come è sempre stato per gli uomini, così non mi va di regalare mimose alle donne in generale, ne regalo solo alle donne che conosco, alle donne della mia vita, alle donne in gamba di questo forum e di chi ci legge.
(giorgio)

**********
Per tutte le violenze consumate su di lei, per tutte le umiliazioni che ha subito, per il suo corpo che avete sfruttato, per la sua intelligenza che avete calpestato, per l’ignoranza in cui l’avete lasciata, per la libertà che le avete negato, per la bocca che le avete tappato, per le sue ali che avete tarpato, per tutto questo: in piedi, signori, davanti ad una Donna!

(William Shakespeare)


A TUTTE GLI ABBRACCI DI GIORGIO E AREA DEMOCRATICA, E SPERIAMO CHE OGGI ANCHE LA URRU POSSA SORRIDERE
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> DIRITTI E PARI OPPORTUNITA' Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008