Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Cognome al femminile
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> DIRITTI E PARI OPPORTUNITA'
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
faustocoppi








Registrato: 08/01/07 17:44
Messaggi: 201
faustocoppi is offline 






MessaggioInviato: Gio Gen 18, 2007 4:31 pm    Oggetto:  Cognome al femminile
Descrizione:
Rispondi citando

Non è passata la proposta della Bindi.

La Bindi proponeva di passare ai figli sia il cognome materno che quello paterno, ma questo, che va bene per la prima generazione, diventava un casino per la seconda, quando i cognomi diventano quattro. Propongono di scegliere in ordine alfabetico, ma questo porterebbe, nel giro di poche generazioni, a un elenco telefonico composto dalle sole lettere a e b. Salvi propone la libera scelta del cognome da portarsi apresso, Bindi dice che in una cultura maschilista come la nostra, praticamente è come non cambiare nulla. Vince la libera scelta: con il costo giornaliero del parlamento abbiamo buttato nel cestino della spazzatura il costo dello stipendio annuale di un paio di centinaia di lavoratori.

P.S. Forse, se si trasmettesse sempre il solo cognome della madre non ci sarebbero problemi, né discriminazioni fra figli legittimi e naturali. Ma sarebbe troppo facile ed inutilmente sensato, probabilmente. A volte, anche a non essere maschilisti, ci pensano proprio le "quote rosa", a farti venire qualche dubbio...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Gio Gen 18, 2007 4:31 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Ven Giu 20, 2008 5:56 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa 20 Giugno 2008 ha scritto:
ALLARME. UN OPUSCOLO DELLA CONSIGLIERA DI PARITA’ E DEI SINDACATI

“Mi licenzio per fare la mamma”


Prima pensano di farcela, di riuscire a trovare una quadra tra il lavoro e l’impegno di mamma. Alla fine si arrendono e gettano la spugna. In parole povere, si licenziano. Anche perché non di rado sono «incoraggiate» a farlo.

Capita sempre più spesso anche in Valle d’Aosta. Fino a quando il figlio non ha compiuto un anno, le donne sono in una botte di ferro. Dopo, la situazione diventa complicata. Soprattutto nel settore privato, ma non mancano casi nel pubblico. Nulla di eclatante, ma alla fine tra una discussione in ufficio e una corsa tra lavoro e asili, le mamme optano per le dimissioni. «Non sono tantissimi casi, dice Antonella Barillà, Consigliera di Parità regionale, ma sono in aumento. C’è da dire che a livello locale siamo ancora fortunati, perché i servizi sociali ci sono».

E’ da tempo che la Consigliera di Parità batte sul tasto della comunicazione. L’ultima iniziativa, condotta con Cgil, Cisl, Savt e Uil, è l’opuscolo «I diritti di mamma e papà». Con una precisazione: «Non è un’iniziativa spot - dice -, ma fa parte di una strategia». Non di rado far passare l’informazione è più complicato di quanto possa sembrare «a tavolino». Dice ancora Barillà: «In Valle solo tre le aziende hanno presentato progetti sulla conciliazione tra tempi di lavoro ed esigenze familiari. Questo anche se c’è una legge nazionale che stanzia parecchio denaro per esperienze di questo tipo».

Aggiunge il segretario regionale della Cgil, Claudio Viale: «Iniziative di comunicazione sono importanti soprattutto ora, quando in tutta Europa i diritti acquisiti sono messi in discussione a causa di logiche di mercato». La questione tocca anche il delicato tema dell’indice demografico. Si fanno pochi figli, in parte perché c’è meno desiderio di un tempo, in parte perché è difficile conciliare aspirazioni personali, lavoro e portafoglio. «Siamo in una regione dove già oggi ci sono 45 mila pensionati - aggiunge Viale - e solo 20 mila giovani».

Nell’opuscolo «I diritti di mamma e papà» (50 pagine) le informazioni sono in italiano, francese, inglese, spagnolo e arabo. Da qualche anno, non solo le mamme hanno diritto di stare a casa per accudire i figli. Anche i papà hanno delle possibilità in questo senso. «L’opuscolo - dice Barillà - sarà distribuito in tutta la regione. Useremo una rete capillare di servizi: l’ufficio della Consigliera di Parità, i sindacati, i Centri per l’impiego, le agenzie formative, l’ospedale Beauregard dove ci sono i reparti materno-infantili, i servizi sociali, i Comuni e le biblioteche».

Sfogliando la guida, si trovano anche informazioni per le mamme (o aspiranti tali) libere professioniste, imprenditrici o alle prese con un «contratto atipico», di solito di lavoro a progetto. Situazioni sempre più diffuse proprio tra le donne più giovani, che potrebbero aver voglia di fare un figlio senza aspettare di arrivare vicino all’esaurimento dell’orologio biologico.


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> DIRITTI E PARI OPPORTUNITA' Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008