Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

COMUNICATI e (ANSA)
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4 ... 14, 15, 16  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Lug 01, 2008 4:43 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA) -16:57 ha scritto:
CONSIGLIO: VDA, IN AULA TRA PAURA, FIEREZZA E ORGOGLIO/ANSA
SI APRE 13/A LEGISLATURA, SORRISI TIRATI E SOBRIETA' NEGLI ABITI

AOSTA, 1 LUG -

La serenità che illuminava il volto di Carmela Fontana, con il suo vestito fucsia e l'acconciatura fresca di coiffeur, faceva a pugni questa mattina nell'aula del Consiglio Valle con lo sguardo preoccupato di Carlo Norbiato, sulla cui elezione pende la mannaia dell"ineleggibilita" invocata da Pd e Vda Vive-Rv. Per Carmela Fontana, entrata in Consiglio a metà della XII legislatura, il voto del 25 maggio è stato un vero successo, essendo l'unica ad essere rieletta del suo gruppo. Norbiato invece è una new entry che rischia di trasformarsi in una meteora che sfila via nel Consiglio Valle.

In aula spiccava il sorriso tirato di Luciano Caveri, che da presidente della Giunta uscente inizia la nuova legislatura come consigliere semplice non essendo entrato nell'organigramma governativo del suo successore, Augusto Rollandin. I due, neanche a farlo apposta, sembravano usciti dalla stessa 'maison'di alta moda: per l'occasione abito blu e cravatta azzurra. Pochi metri e tanti pensieri li hanno separati in queste poche ore. A fare da 'cuscinetto' Diego Empereur, nuovo capogruppo del Leone Rampante.

Se Carmela Fontana era la più appariscente tra le cinque colleghe, Patrizia Morelli in giacca e pantaloni noisette era la più casual. Tailleur classico bleu per Manuela Zublena e tubino con giacca per Helene Imperial. All'insegna della sobrietà l'abbigliamento della più giovane del Consiglio Valle, Emily Rini: trucco leggerissimo, pantaloni neri e giacca del medesimo colore sopra una camicetta le cui tonalità sfumavano dal grigio-verde al nero.

Tra gli uomini ha un po' "deluso" la mise di Claudio Lavoyer, che ha abbandonato le vistose cravatte colorate per un più anonimo grigio. Unici senza cravatta Raimondo Donzel e Alberto Bertin. Sotto la corazza forti sensazioni un po' per tutti. Dalla felicità dei neo consiglieri all'orgoglio del presidente incaricato, dalla rabbia di chi non ha avuto un 'posto al sole' alla fierezza dell'opposizione. Particolarmente emozionato è apparso Giuseppe Cerise che dopo tanti anni di consiglio comunale a Fenis è sbarcato a 'Place Deffeyes': con i suoi 62 anni è il più anziano dell'Assemblea e quindi si è trovato catapultato alla presidenza per l'adunanza di avvio legislatura. A ricuorarlo e a sostenerlo Emily Rini (consigliere segretario) e soprattutto Cristine Perrin, dirigente dell'Ufficio di Presidenza e per l'occasione gran cerimoniere.

Con qualche, piccolo, intoppo l'adunanza è scivolata via nella mattinata. Tra qualche 'lo giuro' e altrettanti 'je jure' i 'magnifici' 35 hanno promesso fedeltà alla Costituzione repubblicana. Alternanza di italiano e francese anche nel discorso di Augusto Rollandin, presidente incaricato, che ha presentato il programma tutto d'un fiato. Quaranta minuti per descrivere cosa vuol fare il governo rossonero nei prossimi 5 anni. E i valdostani lo hanno seguito assiepando la tribunetta, ma anche sul web e sul digitale terrestre. Una grande curiosità e tanta attesa per il ritorno dell'"imperatore" Augusto. (ANSA).



Auguri di buon lavoro a tutti...indistintamente.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Mar Lug 01, 2008 4:43 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Vanni








Registrato: 19/02/07 19:24
Messaggi: 12
Vanni is offline 






MessaggioInviato: Mar Lug 01, 2008 7:25 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ma se è importante vincere, perchè mai non dovremmo votare Rollandin che almeno dimostra di saperci fare? E di riuscire a cambiare?
Credevo di aver partecipato, si di aver partecipato non meno di altri che pure se la tirano assai più di me, alla costruzione di un partito diverso.
Scopro con sempre maggiore sconcerto che è tutta una bufala.
Sono stato tutto il giorno in montagna per lavoro. Al rientro vengo a sapere che il PD scopre sempre nuove e insospettate competenze che fino a ieri nessuno conosceva. Ne sono contento, ma .... non viene a nessuno qualche dubbio?
Vengo anche a sapere che si preferisce presiedere una commissione consiliare permanente che sottrae tempo prezioso, invece di dedicare il tempo alla ns presenza nelle istituzioni e a costruire la ns presenza sul territorio. Non ne sono per nulla contento, ma ...
Mi incuriosisce però il fatto che queste decisioni vengano assunte da una assemblea costituente convocata, per la prima volta, in modo riservato. Mi chiedo dove stia il PD. E dove sia la democrazia al suo interno.
Oggi, nel PD, ai compagni peones non si chiede neppure più di votare in silenzio. Si è passati brevemente a non convocarli neppure!
Raimondo Donzel avrebbe fatto fuoco e fiamme di fronte ad una tale scelta della vecchia, superata, idiota, ecc. ecc. direzione dei DS.
Oggi va bene così.
Ma forse tutto è giustificato dalla vecchia e superata logica, che il gruppo dirigente del PD usa a mano bassa e con la più magnifica faccia di bronzo, che i fatti della politica servono prima di tutto a risolvere le contraddizioni interne.
Esattamente come accadeva nel partito di Ferraris e Fiou.
Alla faccia del nuovo e del merito!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mandrake







Età: 83
Registrato: 10/05/07 10:00
Messaggi: 23
Mandrake is offline 

Località: USA

Impiego: Magician


MessaggioInviato: Mer Lug 02, 2008 1:24 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

E CHI E' STO VANNI: IL NOVELLO ZARATHUSTRA CHE COMPARE SUL BLOG

SCESO DAI MONTI FA LA PREDICA A NOME DEI PEONES (MA SE NON E' UN ERRORE DI OMONIMIA NON ERA UN CONSIGLIERE REGIONALE ESPULSO DAI VERDI FINITO IN TUTTE LE SEGRETERIE GV-DS E PD DEGLI ULTIMI ANNI? ALTRO CHE PEONE!)

I PEONES NON HANNO NULLA A CHE SPARTIRE CON CHI DA SEMPRE NON LI HA MAI RAPPRESENTATI IN NESSUNA SEDE MA HA SEMPRE FATTO UNA POLITICA ELITARIA LONTANA DALLE MASSE IERI E DALLA GENTE OGGI!!!

LA DEMOCRAZIA E' IL GOVERNO DEL POPOLO E DEI SUOI RAPPRESENTANTI NON DEI CAPI BASTONE

UNA DOMANDA: SE A DI PIETRO O A VELTRONI AVESSERO OFFERTO UNA PRESIDENZA PER GARANTIRE SPAZI ALLA MINORANZA, CHI AVREBBE ECCEPITO?

SE IL PD FARA' L'OPPOSIZIONE DEI VERDI E DEGLI ARCOBALENI ALLORA SAREBBE STATO MEGLIO NON FARLO NASCERE. UN PARTITO NUOVO FACCIA QUALCOSA DI NUOVO CON GENTE NUOVA....

E IN BOCCA AL LUPO PERCHE' SARA' DURA...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mer Lug 02, 2008 5:50 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Vanni ha scritto:
giorgio ha scritto:
Citazione:

Si è stabilito da lungo tempo
che in una società democratica il voto di un cretino conta tanto quello di un super intelligente. Lo gnosticismo è un movimento filosofico - religioso, molto articolato, la cui massima diffusione si ebbe nel II e III secolo dell'era cristiana. Gli gnostici dunque erano "persone che sapevano", e la loro conoscenza li costituiva in una classe di esseri superiori, il cui status presente e futuro era sostanzialmente diverso da quello di coloro che, per qualsiasi ragione, non sapevano.

Il leninismo e la gnosi sono legati dalla medesima concezione elitaria, che cioè solo un ristretto numero di persone è in grado di analizzare e comprendere la realtà, di rendersi conto di ciò che succede realmente. E’ da qui che parte la grande battaglia all’interno della vecchia Gv-Ds. Da questa constatazione le strade divergeranno quanto al che fare. Ma la concezione elitaria non è patrimonio esclusivo del leninismo e della gnosi, e la sua origine è tutt'altro che intellettuale, anche se è indubbio che le intelligenze sono distribuite in maniera difforme.

Se degli individui intelligenti si mettessero insieme e operassero secondo il principio del rabbino di non fare agli altri ciò che non si vorrebbe venisse fatto a loro, non ci sarebbe nulla da ridire. Il problema emerge quando questo gruppo di intelligentoni decide che cosa è il bene e cerca di realizzarlo. Ma prima ancora di questo fatale programma, c'è l'ancora del più complesso problema di chi mai stabilisca un criterio di intelligenza minima per essere membri che contano in un partito, visto che anche al suo interno le intelligenze, è da presumere, non saranno distribuite imparzialmente. E qui voglio ricordare per l'ennesima volta ciò che è successo nel 3°congresso dei Ds-Gv a Quart nel 2004, con la sconfitta degli intelligentoni.

Allora cominciamo ad individuare una caratterizzazione del concetto di élite:
Esiste una élite quando, essendo dato un problema sociale, politico, etico, a un gruppo esteso di persone, all'interno di tale gruppo esteso alcuni individui si associano perché accomunati dalla convinzione di avere capito a fondo e realmente il problema, e dalla volontà di dedicarsi a tempo pieno alla sua soluzione in base alla comprensione suddetta. Come dire: noi i problemi li abbiamo capiti, lasciateci lavorare in pace da queste “poltrone” che ci siamo procurate.

Esiste poi un'altra caratteristica formale dei gruppi elitari: In essi si entra solo per cooptazione. In altre parole sono i membri dell'élite a decidere chi entra a far parte del gruppo, vuoi per allargare il gruppo vuoi per sostituire chi è morto o chi avesse abbandonato o come rappresentante di una parentela. Ricordate anche qui la fine ingloriosa delle varie Fgci e Sinistre giovanili valdostane che non riuscivano mai a fare un passo in tutta autonomia? E normalmente i cooptati sono tali per una riconosciuta omogeneità di analisi e comprensione dei fenomeni - sociali, politici - e, come detto sopra, per lo zelo dimostrato nel perseguire gli obbiettivi o i programmi del gruppo. Possiamo quindi tentare di precisare ulteriormente la definizione formale di élite aggiungendo alla affermazione di cui sopra che altri membri della comunità possono entrare a farne parte se, e solo se il gruppo elitario li accetta al suo interno. Capito? Mi sono spiegato? Dove sono finiti tutti quei giovani che facevano parte del partito? Oggi purtroppo per loro che sono diventati adulti è rimasta solo la via del chinare ancora il capo o di andarsene in altri partiti o pietire posti di “portaborse”.

Un proverbio siciliano dice 'cummannari è megghiu che futtiri' , e questo ci fa tornare al problema degli effetti dell'esistenza di una élite. Essi sono stati per lo più devastanti. Il proverbio siciliano succitato corrisponde alla raccomandazione “fate la guerra non fate l'amore”, e questa è la storia come non solo viene insegnata nelle nostre scuole, ma come effettivamente si è svolta. Non sorprenderà quindi che la funzione della scuola anche politica sia quella di “formare la classe dirigente”. Formare la classe dirigente appunto a fare la guerra e non l'amore, perché “cummannari è megghiu che futtiri ”. Queste le profonde basi etiche della formazione dell'élite politica. La sua filosofia è una brillante sintesi in contrasto con l'altra di un certo barone Pierre de Coubertin: "Alle elezioni è importante partecipare e vincere".




Ma se è importante vincere, perchè mai non dovremmo votare Rollandin che almeno dimostra di saperci fare? E di riuscire a cambiare?
Credevo di aver partecipato, si di aver partecipato non meno di altri che pure se la tirano assai più di me, alla costruzione di un partito diverso.
Scopro con sempre maggiore sconcerto che è tutta una bufala.
Sono stato tutto il giorno in montagna per lavoro. Al rientro vengo a sapere che il PD scopre sempre nuove e insospettate competenze che fino a ieri nessuno conosceva. Ne sono contento, ma .... non viene a nessuno qualche dubbio?
Vengo anche a sapere che si preferisce presiedere una commissione consiliare permanente che sottrae tempo prezioso, invece di dedicare il tempo alla ns presenza nelle istituzioni e a costruire la ns presenza sul territorio. Non ne sono per nulla contento, ma ...
Mi incuriosisce però il fatto che queste decisioni vengano assunte da una assemblea costituente convocata, per la prima volta, in modo riservato. Mi chiedo dove stia il PD. E dove sia la democrazia al suo interno.
Oggi, nel PD, ai compagni peones non si chiede neppure più di votare in silenzio. Si è passati brevemente a non convocarli neppure!
Raimondo Donzel avrebbe fatto fuoco e fiamme di fronte ad una tale scelta della vecchia, superata, idiota, ecc. ecc. direzione dei DS.
Oggi va bene così.
Ma forse tutto è giustificato dalla vecchia e superata logica, che il gruppo dirigente del PD usa a mano bassa e con la più magnifica faccia di bronzo, che i fatti della politica servono prima di tutto a risolvere le contraddizioni interne.
Esattamente come accadeva nel partito di Ferraris e Fiou.
Alla faccia del nuovo e del merito!



Caro Vanni, innanzi tutto bentornato! Voglio rispondere facendoti notare quanto la frase :"Alle elezioni è importante partecipare e vincere", l'abbia scritta in maniera alquanto provocatoria sia quando faccio riferimento alla correttezza del pensiero del barone Pierre de Coubertin sia quando si dovesse tenere conto delle mie aspre critiche che facevo continuamente ai dirigenti Ds-Gv, che per governare il vecchio partito, essi usavano strumentalmente la concezione elitaria in maniera molto rigida. Dunque caro Vanni nessuna bufala!

Chiarito che questo assunto (concezione elitaria) non sia da seguire assolutamente e per proseguire nel dialogo che hai impostato (anche se intravedo la solita polemica), voglio dire che le tue sollecitazioni mi hanno fatto ritornare a tempi che credevo lontani nella memoria, ai momenti cioè della giovinezza e dello studio; mi è tornata in mente Sofocle e la “tragedia” di Antigone. Tempi andati, perchè pensavo che la democrazia fosse un fatto oramai acquisito in generale, ma soprattutto all'interno del nostro partito, che con tutti i suoi nobili e storici rappresentanti ci hanno dato un'impronta ben precisa, e molti la vita...

Il nucleo del dramma di Sofocle risiede nello scontro fra due volontà e due concezioni del mondo: quella di Antigone, fanciulla fragile fisicamente, ma fortissima moralmente, di rispettare le leggi non scritte della natura e quella di Creonte tesa a imporre la forza dello Stato e della legge. «Neppure pensavo - dice Antigone a Creonte - i tuoi decreti avere tanta forza, che tu uomo, potessi calpestare le leggi degli dèi, quelle leggi non scritte e indistruttibili. Non soltanto da oggi né da ieri, ma da sempre. Esse vivono, da sempre: nessuno sa da quando sono apparse».

Per parte sua Creonte invoca la ragione del diritto positivo, della disposizione di legge, e verso il figlio, venuto a perorare la causa di Antigone ha queste parole: « Ubbidire, ubbidire, e nel molto e nel poco, nel giusto e nell'ingiusto, sempre e comunque, all'uomo che sia posto al timone dello Stato. È l'anarchia il pessimo dei mali: distrugge le città e sconvolge le case, mette in fuga e fa a pezzi gli eserciti in battaglia. Ma è l'ubbidienza, l'ubbidienza ai capi la fonte di salvezza e di vittoria. Noi dobbiamo ubbidire alle leggi, alle leggi scritte». Così posta, la preoccupazione di Creonte non è meno vera.

Come sempre o meglio da quando abbiamo appreso ciò dagli antichi tragici greci, le tragedie deflagrano non quando la ragione sta da una parte o dall'altra, chiara, ben definita, che possa metterci al riparo di una difficile scelta, ma quando tutti hanno ragione - la Propria ragione - soggettivamente e oggettivamente e come in questo caso, il diritto non riesce a cogliere due ordini morali entrambi legittimi. Ma noi oggi diciamo: Il potere è anche quello di fare e dire ciò che il re vuole. La democrazia invece, è il rispetto delle idee altrui e la possibilità di manifestarle: senza pressioni, minacce e ricatti.

Lo voglio ricordare a tutti indistintamente, perchè qui molti di noi, me compreso, si riempiono la bocca di proclami e di frasi fatte senza tenere conto che poi all'atto pratico, l'agire e non il parlare è molto più difficile da realizzare. Prendiamo atto che al congresso si è detto, si è scritto, declamato e approvato un programma. Ora al momento di metterlo in pratica, risorgono i vecchi e detestabili vizi che hanno contraddistinto questo partito ad agire secondo molti personalismi, abbandonando sempre i buoni propositi. Così non si assecondano i comuni interessi della gente che aspetta da noi un vero rinnovamento e una gestione diversa dall’attuale per la nascita del Partito Democratico. Dunque chiudiamola con i vecchi rancori, con le vecchie posizioni di trincea, con strani e insorgenti moralismi e vediamo di rispettare la linea del segretario Donzel che può apparire come Creonte

D'altro canto ora si riparla di democrazia interna, ma è vero o non è vero che in assemblea costituente "alcuni dissidenti" avevano attaccato il segretario chiedendogli di chiudere questo forum? Ora sono veramente contento che anche tu possa dire la tua davanti a centinaia di persone che ti leggono e mi auguro che altre persone di buona volontà si presentino a dire la propria da questo "ridicolo forum" come qualcuno l'ha da sempre descritto...Ed inoltre voglio ricordare che io, e lo scrissi in un documento, mai mi sarei prestato a fare eleggere un segretario prima che non si fossero definite alcune circostanze. Questo perchè e oggi ne abbiamo la dimostrazione che se lui non avesse agito in questa maniera, sarebbe rimasto ostaggio del vecchio gruppo dirigente, con grande discapito di questo ineluttabile rinnovamento politico.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
melina per tutti








Registrato: 09/06/08 22:23
Messaggi: 9
melina per tutti is offline 






MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2008 12:33 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Rientrata oggi dopo un periodo di lavoro all'estero apprendo, non senza stupore, che Melina è capogruppo del PD in Consiglio. Ho pensato ad uno scherzo ... avevo dimenticato però, essendo appena tornata, che questo Paese ha perso ogni senso del ridicolo e del pudore.
Per quale ragione non è capogruppo Donzel?
Ma basta l'impegno dei capibastone sopracitati da Mandrake, e 900 e spiccioli voti per acquisire competenze ed essere investiti di incarichi che richiedono consapevolezza, preparazione e senso di responsabilitò per le ricadute inevitabili, a breve e lungo termine, su quanti fanno riferimento al PD e soprattutto sui tanto invocati ed evocati giovani?
Ripeto la domanda che ho fatto a più ripese: è questo che si vuole spacciare per il NUOVO?
Considerati i risultati nazionali e regionali comincio ad avere, e non sono la sola, seri dubbi su quelle che sono diventate preoccupanti DEMOCRAZIE DEI NUMERI.
Anzi ad essere sincera questo continuo richiamo esaltato di chi ha raccolto, NON IMPORTA COME, 900, 1000, 2000 o più voti ...., mi inquieta. Soprattutto a sinistra!
Allora chi di voti ne ha raccolti quasi 3000 come Claudio è diventato un "guru" malgrado i suoi incidenti di percorso?
E chi, malgrado i precedenti, di voti ne ha totalizzati quasi 14000, è da beatificare?
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2008 7:26 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Cara Melina,
in ogni gruppo democraticamente si decide e visto che erano in 3, fra loro hanno scelto.
Vorrei poi farti notare che se il capogruppo fosse stato Raimondo avrebbero detto che non era corretto che facesse pesare i suoi voti e se fosse stato Rigo avrebbero detto che rappresenta la minoranza del Partito, inciucia con l'UV...
Come vedi è praticamente impossibile accontentare tutti. Ci sono problemi anche sull'accettazione di una Presidenza di Commissione...
Ma siamo li per opporci e basta o per lavorare???
Sento poi in continuazione parlare di radicamento sul territorio, ma sono i consiglieri o i peones che dovrebbero cercare di far questo?
In questi giorni il sindaco Gyppaz critica aspramente l'ampliamento dell'aeroporto, il programma di Rollandin non parla di Università... Non dovremmo discutere di questi temi anziché parlare della spartizione delle poltrone?
Non è questa la politica NUOVA di cui parli?
Scusa ma nei tuoi interventi non ho mai visto mezza proposta costruttiva o idea propositiva. Solo attacchi alle persone.
Se ti va quindi in questi giorni vedrò di reperire il programma presentato dal Presidente e discuteremo di quello.
A presto!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
paolog







Età: 65
Registrato: 03/01/07 17:55
Messaggi: 196
paolog is offline 






MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2008 1:52 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Rolling Eyes Arieccoli, i gossipari della gauche, sempre pronti a sparlare dei compagni/amici, non capisco il motivo di questi attacchi a Fontana, non sarà gelosia?
Ma cosa dobbiamo pensare, noi la base i veri "Peones", di questi sofisti Twisted Evil della politica, che mai si indignavano quando si parlava delle tanto evocate quote, della fondazione, del Travail.
Embarassed Mai una parola, mai uno scritto, forse erano all'estero.
Risvegliarsi "peones" è dura la realtà.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
AREA DEMOCRATICA
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2008 4:16 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

L'ANSA non finisce di stupirmi. Ora si parla anche dei look dei Consiglieri!!!!e volendo fare del Gossip non si nota che l'unionista RINI non sa pronunciare il cognome del nostro Segretario e lo valdoten President du Conseil si ostina a parlare in francese non conoscendo la differenza fra Nom et Prénom.
In merito alla Presidenza della Commissione ritengo invece sia di grande importanza e Rigo è sicuramente competente in materia. Cosa vuol dire che non bisogna lavorare per questo? Siamo li per opporci o siamo li per il bene dei valdostani? In merito al radicamento sul territorio ci sono i circoli che dovrebbero essere preposti a questo o il principio di sussidiarietà lo applichiamo solo per quello che ci interessa?
Continuo a sentire che nulla va bene e allora perchè anziché borbottare non si lavora? Nei circoli c'è tutto lo spazio di manovra e se veramente è il radicamento sul territorio che vogliamo non c'è dubbio che è importante essere a coordinamento di un circolo. Inizio ad essere stanca delle critiche senza proposte. In più quella riunione è stata convocata non con l'assemblea costituente ma con tutti gli organi del partito ossia più di 50 persone. Direi piuttosto rappresentativa o no??? No ? Calcolando poi che ora bisognerebbe lavorare allo Statuto, urge comunicare i nomi dei volontari per la festa del PD, costituire i gruppi di lavoro da affiancare ai consiglieri...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
faustocoppi








Registrato: 08/01/07 17:44
Messaggi: 201
faustocoppi is offline 






MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2008 5:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

melina per tutti ha scritto:
Rientrata oggi dopo un periodo di lavoro all'estero apprendo, non senza stupore, che Melina è capogruppo del PD in Consiglio. Ho pensato ad uno scherzo ... avevo dimenticato però, essendo appena tornata, che questo Paese ha perso ogni senso del ridicolo e del pudore.
Per quale ragione non è capogruppo Donzel?
Ma basta l'impegno dei capibastone sopracitati da Mandrake, e 900 e spiccioli voti per acquisire competenze ed essere investiti di incarichi che richiedono consapevolezza, preparazione e senso di responsabilitò per le ricadute inevitabili, a breve e lungo termine, su quanti fanno riferimento al PD e soprattutto sui tanto invocati ed evocati giovani?
Ripeto la domanda che ho fatto a più ripese: è questo che si vuole spacciare per il NUOVO?
Considerati i risultati nazionali e regionali comincio ad avere, e non sono la sola, seri dubbi su quelle che sono diventate preoccupanti DEMOCRAZIE DEI NUMERI.
Anzi ad essere sincera questo continuo richiamo esaltato di chi ha raccolto, NON IMPORTA COME, 900, 1000, 2000 o più voti ...., mi inquieta. Soprattutto a sinistra!
Allora chi di voti ne ha raccolti quasi 3000 come Claudio è diventato un "guru" malgrado i suoi incidenti di percorso?
E chi, malgrado i precedenti, di voti ne ha totalizzati quasi 14000, è da beatificare?


Siamo di nuovo alle solite manfrine degli scontenti, degli emarginati partitici - quelli che avrebbero voluto, ma non hanno potuto - dei delusi, degli avviliti, degli ingannati. Sì anche degli ingannati da chi è riuscito a prodursi in un successo e loro...sono rimasti dietro o arrivati quasi alla soglia, ma esclusi senza aver potuto beneficiare completamente della scia, che come si sa (studi aerodinamici) dovrebbe favorire quello che segue il precedente. Io come ciclista esperto lo so! Ma i risultati ottenuti, come nelle precedenti comunali, mettono in mostra quanto il candidato che segue nell'accoppiata, sia invece sfavorito dalla scia di quello che lo precede. Svantaggiato dal fatto che l'altro concorrente è più forte nell'affrontare e a fronteggiare una pressione decisamente più elevata, smentendo di fatto, studi articolati e complessi.

No melina per tutti, non basta l'impegno dei capibastone sopraccitati da Mandrake, per acquisire competenze ed essere investiti di incarichi che richiedono consapevolezza, preparazione e senso di responsabilità. I motivi sono diversi a partire dal fatto che per ora non ne disponiamo. Ma i voti sì, i voti contano eccome. E non per come dici tu... per le ricadute inevitabili, a breve e lungo termine, su quanti fanno riferimento al PD e soprattutto sui tanto invocati ed evocati giovani! Anche qui permettimi, cara melina, tu sei completamente fuori da ogni logica. Dimmi chi dei nostri giovani è entrato nel novero degli eletti? La sensazione cara melina è che qui si continui a parlare solo per dare fiato alle corde vocali. Un’altra piccola domanda, visto che sei talmente scandalizzata da “sparare” un «…questo Paese ha perso ogni senso del ridicolo e del pudore…», e cioè questa: "se un gruppo consiliare è composto di tre persone tu pensi che loro nella saletta antistante il Consiglio abbiano fatto la conta tipo: “an ghin go tre galline tre capò, per andare alla cappella, c'era una ragazza bella, che suonava il ventitre, un due tre… toccherebbe proprio a te”?
Dai non mi dire che in questi casi tre persone elette democraticamente, nello stesso partito, non possano arrivare ad un semplice accordo! Se poi l’assennatezza e la lungimiranza di un segretario - che fa parte di questo gruppo - stabilisce che questo accordo porti stabilità e tranquillità politica all’interno del Pd, ben venga Carmela Fontana capogruppo e Gianni Rigo presidente della V° Commissione. Ora può sembrare una stupidaggine, ma il fatto che le opposizioni abbiano perso le elezioni, non ha fatto altro che portare scontento e pessimismo all’interno anche del nostro partito. Se poi questo è il Pd che è un partito nuovo, tale situazione può apparire ancora più pesante. Non necessitiamo di contrasti interni…Ora noi abbiamo bisogno di lavorare in tutta tranquillità per costruire le basi future. Non dobbiamo ascoltare sirene o seguire i movimenti ritmici degli incantatori di serpenti. Non dobbiamo neanche cedere a nomi altisonanti che si sono già presentati nello splendore del loro enorme EGO. Siamo lì per presentare il conto delle Opposizioni ogni qualvolta se ne renderà necessario, senza guardare in faccia a nessuno, senza farci tirare per la giacca da tutti quelli che si vedono già in pole position nel pretendere la bacchetta del direttore d'orchestra dell'Opposizione.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

faustocoppi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
melina per tutti








Registrato: 09/06/08 22:23
Messaggi: 9
melina per tutti is offline 






MessaggioInviato: Sab Lug 05, 2008 12:11 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Caro Fausto Coppi,
il mio riferimento al paese non riguardava la Valle d'Aosta, ma l'Italia. Non sono esterofila, ma ultimamente, ogni volta che rientro, mi sembra di entrare in un paese sospeso tra i balocchi e l'assurdo, mentre anestetizzato segue il pifferaio di turno.
Per quanto concerne la nostra Valle, il rancore degli esclusi, fondato o no, non è affar mio. La mia è piuttosto delusione per un progetto politico che molti di noi avevano creduto possibile e che oggi sembra miseramente naufragato.
E' delusione per la "raccolta differenziata" di voti fatta con metodi che sono diventati il cancro della democrazia in Valle d'Aosta, per non parlare del resto del Paese.
Grazie a Giorgio per la lezione sul termine opposizione, ma nessuno spero si opponga a Rollandin come persona. E' evidente che l'opposizione riguarda i metodi, il sistema con cui ha scientificamente e metodicamente creato consenso e fidelizzato i "clientes". Lo sai bene anche Tu. Non fare torto alla Tua intelligenza.
Caro Fausto Coppi, per il capo gruppo, l'idea della conta era magnifica, anche perchè avrebbe magari dato un esito più adeguato!
Era imperativo che Donzel fosse capogruppo, per età, competenza e capacità di rappresentanza, simboleggiando LUI si, il Nuovo!
Qualcuno nel blog, continua a parlare con trionfalismo, di vittoria. Sarà forse deformazione professionale la mia, ma quando la squadra perde (sempre che squadra ci fosse), l'intero team è sconfitto e chi vuol crescere e andare avanti con risultato, parte dall'analisi di ciò che non ha funzionato, dagli errori e dalle manchevolezze e non spreca energia e risorse inutili, patetiche e dannose farneticazioni.
Da ciclista quale sei, non puoi non essere d'accordo anche TU, credo!
Hai ragione, la salita è molto dura, ma senza una squadra all'altezza del compito anche il grande campione rischia di non raggiungere il traguardo e "buttare il suo talento".
PaoloG mi definisce gossipara. E' vero: adoro il gossip, ma quello più piccante e divertente!
Gelosa di Melina? NO, non diciamo sciocchezze. Personalmente e non solo io, sono contenta della posizione che ha raggiunto. Se lo merita, l'ho già detto e lo ripeto!
I metodi di raccolta voti ... va beh!
A questo proposito, ieri sera, a cena da me eravamo in 14, 7 coppie, tutti "terroni", come affettuosamente amiamo definirci. Meglio, oriundi. Abbiamo fatto un calcolo, mentre ci dilettavamo con apprezzamenti sui capibastone che Noi conosciamo bene, alcuni del resto molto brillanti. Dal nostro calcolo, seppure grossolano e poco scientifico, abbiamo verificato che tra legami di sangue, amicizie, possibili favori che possiamo elargire, ma soprattutto tenuto conto delle professioni dei nostri mariti e conviventi che danno da "mangiare" a molta gente, se uno di noi scendesse in campo, con una raccolta differenziata, scientificamente controllata, tenendo conto che non si sputa nel piatto in cui si mangia, caspita, che numeri ...!
Vogliamo, non ora, perchè parto in vacanza, cara Erika, che mi definisci non costruttiva, porci il problema della democrazia dei numeri o devo raccogliere la sfida e scendere in campo per dimostraVi quanto sia fondato quanto asserisco?
Dove stà il lavoro in tutto questo che non costa, te lo garantisco, nessuna fatica se non avvalersi di uno staff?
Ahimé, non sarò ad Aosta per la festa dei Santi Patroni, ma come Cicciuzzo sosteneva ieri sera a cena, l'elettore basta curarlo per due anni. A me serve molto meno, considerato che nessuno, "famiglie" comprese, sputa nel piatto in cui mangia!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mandrake







Età: 83
Registrato: 10/05/07 10:00
Messaggi: 23
Mandrake is offline 

Località: USA

Impiego: Magician


MessaggioInviato: Dom Lug 06, 2008 10:15 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:

CARA MELINA,

TIRATELA DI MENO...

SNOBBI LA FATICA DELLE FORMICHE, PARLI DI CLIENTELE CON DISPREZZO E "MINACCI" O "MILLANTI" DI SCATENARE LE TUE "FAMIGLIE" AMICHE.

NON UN RAGIONAMENTO SUI CONTENUTI.

SOLO VOMITO E NON UN'IDEA DI CHE FARE OLTRE A LAMENTARSI.

FORTUNA CHE LE FORMICHE LAVORANO, LAVORANO.

CANTA PURE MIA CARA CICALA E BUONE VACANZE...

P.S.
MA SCUSATE DONZEL E' UN TERRONE DELLA FAMIGLIA DEI SINAGRA? CHI GLI HA PORTATO I VOTI CHE TANTO FANNO MAL DI PANCIA A QUALCUNO?

Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Mar Lug 08, 2008 1:12 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Complimenti Melina!
Continuo a ribadire che è inutile parlare di novità e poi limitarsi a determinati concetti.
Piuttosto cosa ne pensi della riduzione del cda del Casinò, dell'adeguamento dei PRGC al PTP che continua a stentare, della metropolitana leggera, del termovalizzatore,... secondo te cosa c'è da migliorare nei servizi alla persona, nell'istruzione,...
Cosa proponi?
Ricorda che anche la democrazia dei numeri impone di dover lavorare una volta eletti.
Continua ad offrire cene..metti la tua faccia su un cartellone e poi lavora. Dopo potremo discutere!!!
Naturalmente potresti iniziare da ora rispondendo alle domande di cui sopra...e magari elaborando qualche pensiero diverso dall'attacco becero alle persone.
Buone vacanze!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Sab Set 27, 2008 11:19 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA) ha scritto:
12:37 PD: RIGO, NOSTRO PARTITO E' AUTONOMISTA DA SEMPRE
AOSTA, 25 SET 2008

Il Partito democratico
"é un partito autonomista da sempre, è il partito delle autonomie locali, perché attraverso gli enti locali si forniscono servizi fondamentali per la vita dei cittadini". Lo ha detto Gianni Rigo, presidente della Commissione Servizi sociali, intervenendo in aula per illustrare un'interpellanza relativa al trasferimento ai Comuni in relazione alla soppressione dell'Ici.

"Il federalismo fiscale è necessario per il Paese, ma serve - ha aggiunto Rigo - una riorganizzazione profonda, che se ben congegnata può dare una spinta importante alla riqualificazione della finanza pubblica". Il tutto secondo Rigo può avvenire "responsabilizzando gli amministratori locali nell'uso dei soldi dei contribuenti e costruendo una perequazione meno di facciata e molto più focalizzata sul livello e l'efficienza dei servizi pubblici essenziali che, in molte regioni, oggi esistono sulla carta".

Più in generale, Rigo voleva conoscere dalla Giunta regionale quali azioni intende mettere in atto per salvaguardare i diritti dei comuni al totale rimborso del minor gettito dell'imposta comunale sugli immobili perché "la mancanza di certezza finanziaria preoccupa per le difficoltà reali e concrete che i comuni incontreranno nelle prossime settimane in fase di predisposizione dei bilanci per l'anno 2009".

A tal proposito Rollandin ha sottolineato che è già stata trasferita ai comuni la prima tranche di quanto il governo ha trasferito alla Regione ma soprattutto ha evidenziato che il governo regionale ha già approvato il protocollo di accordo con il Consiglio permanente delle collettività locali per la ripartizione dei fondi. Inoltre, ha evidenziato, che nei confronti dei governo sono già state espresse contrarietà allo schema d'accordo della Conferenza Stato-Regioni che non prende in considerazione le richieste della Valle d'Aosta. (ANSA).


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Ott 07, 2008 3:33 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA) ha scritto:
14:51 PD: VDA; MASSIMO VERDUCI NOMINATO TESORIERE

(ANSA) - AOSTA, 7 OTT -
Massimo Verduci, 37 anni, auditor dell'ufficio Audit e Sicurezza della Valle d'Aosta, è il nuovo tesoriere del Partito democratico della Valle d'Aosta. Lo ha nominato ieri l'assemblea costituente del partito.

Verducci, che sarà affiancato da un comitato di tesoreria ancora da definire, sostituisce Tiziana Limonet che ha svolto l'incarico nel primo anno di vita del Pd. (ANSA).



All'amico Massimo Verduci vadano tutti i nostri migliori auguri di buon lavoro convinti come siamo della sua grande professionalità e disponibilità.
Buon lavoro caro Massimo!
Area Democratica nel contempo coglie l'occasione per ringraziare la nostra cara Tiz, Tiziana Limonet, che non ostante le grosse difficoltà anche personali ha portato avanti questo incarico con grande abnegazione e sacrifici. Cara Tiziana ti giungano i nostri migliori auguri per una vita serena che finalmente possa arridere anche a te, auspicando noi un futuro pieno di ottimismo.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
paolog







Età: 65
Registrato: 03/01/07 17:55
Messaggi: 196
paolog is offline 






MessaggioInviato: Mer Ott 08, 2008 2:19 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Mi associo all'amico Giorgio, Auguri di buon lavoro a Massimo Verduci.
E un Grazie a Tiziana.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
AREA DEMOCRATICA
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, 4 ... 14, 15, 16  Successivo
Pagina 3 di 16

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008