Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

A PROPOSITO DI OPPOSIZIONE
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 11, 12, 13  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mer Ott 01, 2008 7:34 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
12:49 GIUNTA: VDA; ROLLANDIN, DISGUITO NELLA VOTAZIONE
(V.'CONSIGLIO:VDA; NON PASSA PROPOSTA ASSESSORE...' DELLE 12.19)
(ANSA) - AOSTA, 1 OTT
- Per il presidente della Regione, Augusto Rollandin, nella votazione per l'elezione dell'assessore tecnico alla Sanità si è verificato "un disguido in quanto l'espressione di voto a favore è stata posta fuori dalla casella". In base al conteggio dei voti calcolando i voti nulli che comunque esprimevano un voto favorevole all'elezione dell'assessore tecnico, alla maggioranza sono mancati due voti.

"Ritengo - ha detto il presidente - che non si debba parlare di caso politico e che sabato il Consiglio eleggerà l'assessore tecnico".

Per l'opposizione, invece, l'esito della votazione rappresenta "una sonora sconfitta" (Raimondo Donzel); "é la dimostrazione che non si può andare avanti con la politica di prepotenza" (Enrico Tibaldi, Pdl). Per Roberto Louvin (Rv-Vda Vive) il voto è stata una "dimostrazione di sfiducia nei confronti di Rollandin". (ANSA).


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Mer Ott 01, 2008 7:34 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mer Ott 01, 2008 8:06 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
12:53 CONSIGLIO: VDA; NON PASSA PROPOSTA ASSESSORE TECNICO (2)
(ANSA) - AOSTA, 1 OTT -
Nel corso del dibattito che ha preceduto la votazione si è espresso Gabriele Maquignaz (Uv) che ha parlato di "scelta che destabilizza l'opinione pubblica". "La mia - ha aggiunto - è una scelta che all'interno del movimento è minoritaria". Il Conseil Federal dell'Union ha, infatti, approvato la soluzione dell'assessore tecnico pressoché all'unanimità. La votazione ha registrato solo due astensioni; quella dello stesso Maquignaz e di un altro componente.

Massimo Lattanzi e Enrico Tibaldi (Pdl) hanno poi parlato di decisione "imbarazzante, legittima, ma inopportuna". Inoltre, hanno evidenziato che "la scelta comporta un aumento dei costi della politica lasciando per di più congelato un assessorato quanto mai importante".

Di "situazione pasticciata per questioni interne all'Uv", ha parlato Roberto Louvin (Vda Vive-Renouveau), per il quale "nessuno coglie l'opportunità di questa soluzione; meglio sarebbe stato che il presidente della Giunta avesse, al limite, mantenuto l'interim anche per un anno". Per il Pd sono interventi Gianni Rigo e Raimondo Donzel, che nel manifestare il voto contrario del gruppo, hanno definito l'assessore tecnico "un corpo estraneo all'Assemblea che può creare difficoltà gestionali".

Per l'Union Valdotaine è intervenuto il capogruppo Diego Empereur il quale ha sostenuto che "nei momenti difficili è importante saper mantenere la calma e avere la capacità di gestire i problemi. Ed in questa direzione il gruppo Uv è convinto nel sostenere la proposta formulata da Rollandin". (ANSA).


Ecco tre istantanee scattate al capogruppo dell'UV... Diego Empereur, subito dopo la dichiarazione rilasciata all'ANSA

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mer Ott 01, 2008 8:13 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
12:41 CONSIGLIO: VDA; CONVOCATO SABATO PER ELEZIONE ASSESSORE
(V. 'CONSIGLIO: VDA, NON PASSA PROPOSTA...' DELLE 12.20)

(ANSA) - AOSTA, 1 OTT -
La conferenza dei capigruppo ha deliberato di convocare per sabato mattina alle ore 9 il Consiglio regionale con all'ordine del giorno la nomina dell'assessore regionale alla Sanità e Politiche sociali. (ANSA).


Citazione:
19:07 ANSA VALLEE D'AOSTE: LES NOUVELLES DU JOUR
(ANSA) - AOSTE, 1 OCT - CONSEIL REGIONAL: REJETEE' NOMINATION ASSESSEUR TECHNIQUE


La Conseil régional de la Vallée d'Aoste a aujourd'hui rejeté la proposition de nomination de Albert Lanièce à la charge de Assesseur technique de la Santé, du Bien-être et des Politiques sociales. Ont voté en faveur 16 conseillers et 14 contre. Les bulletins nuls ont été quatre et un bulletin blanc. Le Conseil a été à nouveau convoqué samedi prochain pour l'election de l'Assesseur.





Al presidente comincia a far male la testa...
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
bruno courthoud








Registrato: 22/08/07 15:34
Messaggi: 123
bruno courthoud is offline 






MessaggioInviato: Mer Ott 01, 2008 8:21 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

E' chiaro ormai che la Giunta ed il suo Presidente sono sotto ricatto. Morte della politica? Può darsi. In ogni caso c'è da mettersi le mani nei capelli per quanto riguarda il modo (avvertimento più o meno firmato ma criptato per i non addetti? pugnalata nella schiena da parte di chi non ha il coraggio delle proprie azioni?).
Sabato, se Lanièce verrà confermato, avremo la prova che il ricatto è andato in porto. A quale prezzo?
Una legislatura che comincia peggio di quella appena trascorsa. Una pagina nera, nera, nera, per la VDA.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Ott 02, 2008 12:19 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA) ha scritto:
09:59 PD: VDA; APRIRE TAVOLO LAVORO SU DECRETO BRUNETTA-TREMONTI
(ANSA) - AOSTA, 2 OTT -
Aprire di un tavolo di confronto presieduto dal Presidente della Regione Valle d'Aosta, Augusto Rollandin, sul tema della diretta applicabilità delle norme del decreto Brunetta-Tremonti al comparto unico regionale. E' una delle richieste avanzate, in una nota, dall'assemblea costituente del Partito Democratico della Valle d'Aosta.

Oltre a condividere "la richiesta venuta da tutte le Organizzazioni Sindacali di sospendere qualsiasi decisione in merito all'applicazione del decreto legge Brunetta-Tremonti", l'assemblea chiede inoltre di: assumere comportamenti identici in tutti gli enti del comparto, anche al fine di evitare sul nascere scelte che producano sperequazioni e disparità di trattamento tra i lavoratori del pubblico impiego; e fornire indicazioni omogenee in tutti gli altri enti (scuola, sanità) del pubblico impiego ove la Regione ha responsabilità e svolge funzioni di indirizzo.

"Le norme contenute nel decreto, se applicate in modo indiscriminato, possono comportare gravi disservizi - si legge nella nota - nei servizi della regione, dei comuni, nella scuola, nella sanità e rischiano di creare situazioni di disparità di trattamento lesive dei diritti dei lavoratori. In Valle d'Aosta è inoltre prioritario verificare l'applicabilità delle nuove norme alla luce delle competenze statutarie in materia di stato giuridico ed economico dei dipendenti della regione, nonché di ordinamento degli enti locali e della Legge Costituzionale 2/93, che ha trasferito alla nostra Regione la competenza normativa primaria in materia di enti locali". (ANSA)


12vda.it ha scritto:
Rimandata a sabato la nomina tecnica di Albert Lanièce: entrati in Consiglio Prola e Maquignaz

mercoledì 01 ottobre 2008


Quattro voti nulli hanno negato, durante la riunione del Consiglio Valle di mercoledì 1° ottobre, la nomina tecnica di Albert Lanièce alla guida dell'assessorato regionale alla sanità, salute e politiche sociali che resta così, ad interim, assegnato al presidente della Regione Augusto Rollandin: «si è verificato un disguido - ha spiegato - perché l'espressione di voto a favore è stata posta fuori dalla casella. Questo non è certo un caso politico, visto che stiamo parlando di una nomina tecnica».
Durante la votazione segreta, che ha visto l'astensione del rientrante Gabriele Maquignaz, i voti a favore sono stati sedici, mentre quelli contro quattordici, due in più della minoranza consiliare: «il regolamento del Consiglio prevede la possibilità di convocare, in ventiquattro ore, un'assemblea straordinaria - ha proseguito Rollandin - e quindi sabato 4 ottobre procederemo ad una nuova votazione. Si sarebbe potuto fare anche in maniera diversa, ma abbiamo preferito non forzare la mano».

Diametralmente diversa la valutazione della minoranza: «i quattro voti nulli sono stati fatti volutamente - ha commentato Alberto Bertin di Vallée d'Aoste Vive - Renouveau - è un segnale chiaro nei confronti di una scelta che non è condivisa dalla stessa maggioranza che esprime il Governo».
«La scelta di nominare un assessore tecnico dichiarato ineleggibile destabilizza l'opinione pubblica - ha aggiunto Maquignaz, che perderebbe il posto da consigliere in caso di reintegro, da parte della Corte di Cassazione, di Albert Lanièce - sono cosciente del fatto di essere in minoranza all'interno dell'Union Valdôtaine ma questa vicenda mi mette in imbarazzo e quindi ho scelto di astenermi».

La seduta consiliare si era aperta con la discussione sulla convalida dell'elezione di Piero Prola e di Gabriele Maquignaz, subentrati a Carlo Norbiato ed Albert Lanièce: «la convalida del 1° luglio scorso - ha spiegato in aula il capogruppo UV Diego Empereur - aveva un significato fortemente politico. Questo Consiglio non è un'aula di tribunale, ma è un organismo istituzionale con ruolo legislativo e funzioni politiche: siamo per il rispetto delle regole, che dovrebbero essere essenziali, chiare e facilmente applicabili. Riteniamo effettuare un'opportuna e profonda riflessione sulle regole che sono state approvate dal Consiglio Valle nella scorsa legislatura e dobbiamo farlo con la competenza e serenità. Qualcuno in quest'aula vorrebbe da noi delle scuse: io credo piuttosto, visto l'esito dei ricorsi, che qualcuno chiedere scusa a Luciano Caveri».

Sia Prola sia Maquignaz sono stati convalidati consiglieri all'unanimità: «oggi per me è come se fosse il primo giorno di scuola - ha dichiarato l'ex sindaco di Verrès - le mie vacanze sono state agitate e mi dispiace che questi problemi abbiano riguardato anche alcuni miei amici. Questa vicenda mi ha profondamente amareggiato: avevo svolto le necessarie verifiche a monte e mi ero posto nelle condizioni di essere eleggibile. Ringrazio elettori e colleghi e mi auguro di essere all'altezza del mio compito».


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Sab Ott 04, 2008 5:42 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA) ha scritto:
10:47 CONSIGLIO: VDA; ELETTO ASSESSORE TECNICO SANITA'

(ANSA) - AOSTA, 4 OTT -
Albert Laniece, medico di 42 anni, è stato eletto oggi dal Consiglio Valle alla carica di Assessore tecnico alla Sanità, Salute e Politiche sociali della Regione autonoma Valle d'Aosta.

E' questa la seconda volta, dopo il 1993, che la Giunta regionale comprende assessori tecnici, vale a dire che non fanno parte dei 35 consiglieri regionali. Il precedente riguarda gli assessorati alle Finanze e ai lavori pubblici guidati - nella prima Giunta presieduta da Dino Viérin (1993) - rispettivamente da Massimo Leveque e Bruno Ferrero.

Il neo assessore, dopo essere stato 'bocciato' nell'adunanza di mercoledì scorso, per la presenza di due franchi tiratori e quattro voti 'errati', oggi ha ottenuto 22 voti sui 23 che disponeva la maggioranza; si è astenuto l'unionista Gabriele Maquignaz. I 12 consiglieri di opposizione (Pdl, Pd, Vda Vive-Renouveau hanno votato contro).


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Ott 07, 2008 2:13 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Blog segretario PD ha scritto:
Il Partito Democratico solidale coi lavoratori
Pubblicato 7 Ottobre, 2008


Il Partito Democratico esprime solidarietà ai lavoratori della Engineering.it, colpiti da un provvedimento aziendale le cui modalità sono inaccettabili.

Nessuna informazione preventiva, nessuna concertazione sono il segno di una concezione “autoritaria” delle relazioni col personale che non può essere tollerata, alla luce della disponibilità al dialogo sempre dimostrata dalle parti sociali.

Il Partito Democratico, preoccupato da ripetuti segnali non positivi, aveva già denunciato proprio nel Consiglio regionale di Sabato scorso la situazione delicata dell’occupazione industriale e le difficoltà delle imprese ad operare in Valle d’Aosta.

Auspichiamo un’immediata apertura di un tavolo di trattativa con le Organizzazioni Sindacali che concerti le soluzioni più opportune per risolvere la crisi aziendale.

Sollecitiamo l’Amministrazione regionale ad una tempestiva azione di mediazione, nello stesso tempo, ad una maggiore attenzione nelle scelte di governo in un settore strategico per il futuro della Valle d’Aosta.

In questa direzione il Gruppo Regionale del Partito Democratico presenterà nel Consiglio già convocato per i giorni 22 e 23 ottobre una specifica iniziativa in questa direzione.


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Ott 07, 2008 6:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA) ha scritto:
12:03 PD: VDA; INACCETTABILI MODALITA' LICENZIAMENTI ENGINEERING
(V. LAVORO: ENGINEERING ANNUNCIA 52...' DELLE 11.43)

- AOSTA, 7 OTT -
"Un provvedimento aziendale le cui modalità sono inaccettabili: nessuna informazione preventiva, nessuna concertazione sono il segno di una concezione 'autoritaria' delle relazioni col personale che non può essere tollerata, alla luce della disponibilità al dialogo sempre dimostrata dalle parti sociali". Così il Partito democratico della Valle d'Aosta giudica la decisione della società Engineering di licenziare 52 dipendenti della sede di Pont-Saint-Martin.

Il Pd, esprimendo solidarietà ai lavoratori, precisa anche che 'preoccupato da ripetuti segnali non positivi, aveva gia' denunciato proprio nel Consiglio regionale di Sabato scorso la situazione delicata dell'occupazione industriale e le difficoltà delle imprese ad operare in Valle d'Aosta".

"Auspichiamo - si legge ancora nella nota diffusa oggi - un'immediata apertura di un tavolo di trattativa con le Organizzazioni sindacali che concerti le soluzioni più opportune per risolvere la crisi aziendale". Il partito sollecita anche l'Amministrazione regionale a "una tempestiva azione di mediazione e, nello stesso tempo, a una maggiore attenzione nelle scelte di governo in un settore strategico per il futuro della Valle d'Aosta". (ANSA).



_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mer Ott 08, 2008 11:57 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

giancarlo borluzzi ha scritto:

Senza entrare nel merito della questione , rilevo che si inquadra nel malvezzo sindacale italiano : persone che vivono col denaro degli iscritti , non so quanto effettivamente liberi di non iscriversi al sindacato , che leggono leggono leggono di contratti ma masticano poco o generalmente niente di economia e non investono soldi in imprese , si ergono a giudici di chi rischia in base a un progetto di cui non devono rendere conto ai sindacati . Questi dovrebbero limitarsi a badare alla situazione di tizio o caio se ha problemi con l'azienda ma non tentare , spesso riuscendoci , di mettere i bastoni nelle ruote delle aziende stesse . Queste non devono trovarsi tra i piedi sindacati che , per attestare la propria dannosa esistenza e il proprio vivere alle spalle nonchè a danno dei veri lavoratori , si illudono di saperne di economia e operano solo col malvezzo degli scioperi . La disaffezione all'intraprendere è dovuto anche al non voler , giustamente , confrontarsi con sindacati che non conoscono le regole alla base del libero mercato e minano alla base progetti industriali che correrebbero veloci senza intromissioni indebite di sindacati non responsabili davanti a nessuno . Che poi ci sia l'hobby del deificare comunque l'opera sindacale e considerare l'imprenditore uno sfruttatore o giù di lì è la ciliegina sulla torta . I licenziamenti sono il frutto di regole economiche che , se demagogicamente calpestate , possono portare al fallimento dell'azienda con perdita del posto di lavoro non solo per i licenziandi ma per tutti . Nei paesi comunisti comandava lo Stato , in questa Italia i sindacati impediscono sovente a chi vuol intraprendere di farlo secondo logiche sue , quelle di chi mette i soldi e quindi lo fa in base a un suo piano , dovendo rispondere a chi , in ogni caso , vuole metterci comunque il becco senza cognizione di causa .



Ed ecco come si esprime un tipico esponente fascista.
Se a qualcuno fosse venuto in mente che con la destra
si possa comunque governare, riporto qui una sua risposta
sul blog di Fabrizio Favre.
Le regole economiche in Italia come in Valle d'Aosta sono
ormai quelle di: Acquisire i guadagni in privato e rendere
publici i debiti.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
faustocoppi








Registrato: 08/01/07 17:44
Messaggi: 201
faustocoppi is offline 






MessaggioInviato: Mer Ott 22, 2008 11:09 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA) ha scritto:
16:23 TRADIZIONI: MUCCA LEGA NORD A BATAILLE SENZA SIMBOLI.
(ANSA) - AOSTA, 20 OTT -
Bordeaux, la bovina di seconda categoria di Andrea Chabloz di Verrayes, è scesa ieri nell'arena della Croix Noire di Aosta, per la finalissima della Bataille de Reines, con al collo un 'campanaccio' su cui era raffigurato il Sole delle Alpi, simbolo della Padania, ma senza nastrini e foulard 'verdi' dell'iconografia del Carroccio.

Sponsorizzata dalla Lega Nord, la bovina è stata eliminata fin dalle prime battute della finale. Il presidente del comitato organizzatore 'Amis Batailles de Reines', Bernard Clos, a margine della manifestazione ha commentato: "La politica deve restare fuori dai cancelli dell'arena. Non potevamo permettere che Bordeaux scendesse in campo con le decorazioni di un movimento politico. Il combat final è la festa degli allevatori e una tradizione che non deve essere strumentalizzata".

L'annuncio di una bovina sponsorizzata aveva sollevato la scorsa settimana un'alzata di scudi da parte del Partito democratico, di VdA-Vive-Renouveau e del Comite de valdotains. "Accettiamo le regole seppure le riteniamo asssurde - ha commentato Sergio Ferrero, segretario regionale della Lega Nord - un foulard non, ripeto non cambia le cose". Sugli spalti della Croix Noire ieri era presente anche l'eurodeputato leghista Mario Borghezio. (ANSA).


PER UN PUNTO MARTIN PERSE LA CAPPA
Si racconta che il monaco Martin non divenne priore perché sulla porta del convento, volendo scrivere:
"Porta patens esto. Nulli claudatur onesto" ossia " Stia aperta la porta, non si chiuda a nessun uomo onesto", mise un punto dopo la parola "nulli":
Porta patens esto nulli. Claudatur honesto, cioè "La porta non rimanga aperta per nessuno! Sia chiusa all'uomo onesto! "

Qui alla Croix Noire di Aosta, non si trattava Sol di un punto, bensì di un Sol delle Alpi

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

faustocoppi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Dom Ott 26, 2008 12:52 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Grande manifestazione a Roma al circo Massimo.
Nei dodici milioni che hanno votato per il PD, che comprendono i quattro e mezzo che hanno firmato la Petizione per l'Italia, che a loro volta comprendono quei due milioni e mezzo che manifestavano a Roma, li c'è la sinistra reale di questo paese, reale e moderna che non aspetta patenti da nessuno perché cosciente ed orgogliosa di esserlo.

Che ce ne siano pure altre di espressioni di sinistra altrettanto grandi, ne abbiamo bisogno, ma che dimostrino di esistere davvero, non solo nelle chiacchiere e nel risentimento.

Se lo vorranno si potrà anche vedere di fare un percorso insieme, a cominciare dagli Abruzzi dove i partiti nani non possono voler giocare il ruolo dei partiti giganti e devono imparare a stare al loro posto. E questo vale anche per Cacciari, sempre in cerca di protagonismi. Quando non ci sarà più lui forse il suo posto lo prenderà qualcun altro. E ora se qualcuno mi dice che il PD non è un partito progressista, non lo prendo neppure in considerazione.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Dom Ott 26, 2008 10:34 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Siamo tanti, siamo qui, siamo tutti del Pd

Manifestazione 25 ottobre, Piramide


Ecco i soliti «facinorosi». In partenza da piazzale dei Partigiani a Roma ai piedi della Piramide diretti al Circo Massimo all'urlo di: «Siamo tanti, siamo qui, siamo tutti del Pd». Sono i democratici in arrivo da tutta Italia, freschi di ore di viaggio in pullman, per gruppi da cinquanta, almeno.

C'è la Puglia con i giovani del Salento, c'è la applauditissima Sicilia con lo striscione contro la mafia, c'è Novara, quelli dell'Emilia Romagna hanno portato una band che canta: «Calma calma la destra ci sta rovinando» al seguito dei giovani democratici di Bologna che si abbassano, fermano il corteo e poi ripartono correndo. C'è il gruppo di donne agguerrite della Liguria. Tutte bandiere del Pd. Qualcuna anche duple face. Una faccia al Pd, l'altra a Che Guevara o a seconda delle preferenze, Che Guevara finisce come laccio - nodo alla bandiera. Sulla manifestazione incombono anche le previsioni meteo, che per sabato davano pioggia. Per m'occasione i manifestanti hanno pronti gli ombrelli, «ché piove comunque, governo ladro» spiega un pensionato. «Sono qui perché il governo al posto della pensione mi aumenta la pressione».

E poi ci sono i «cervelli italiani», i ricercatori, ma «ancora in Italia ancora per poco - dice Tina cattedra, rappresentante del Pd di Bitritto - finché l'ultima stangata di Berlusconi non regalerà anche i restanti all'estero». I giovani sfilano con autoritratti, sono loro fotografati sugli striscioni che portano, nel bel mezzo del «mirino del governo», ma loro non ci stanno e non si fanno abbattere, sfilano in corteo consapevoli e combattenti.
«Damose da fa» recita lo striscione dell'omonima associzione, perché oltre la manifestazione di dissenso «c'è molto da fare» spiega il presidente.

E poi c'è la Valle d'Aosta che con il suo segretario orgoglioso di questa riuscitissima manifestazione ci dice : Abbiamo vinto noi che ci abbiamo sempre creduto, mentre altri remavano contro. E' tale il successo che chi ha contestato Veltroni (e con lui chi ha fatta sua la proposta politica) ora deve fare ammenda. Rivolgendosi ai suoi ripete: E adesso avanti sereni.


Ps.
Bel messaggio caro segretario. E chi vuol intendere intenda.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
faustocoppi








Registrato: 08/01/07 17:44
Messaggi: 201
faustocoppi is offline 






MessaggioInviato: Dom Ott 26, 2008 6:23 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Un partito di sinistra che voglia scollinare il centro, fa bene a non sventolare costantemente la parola sinistra e socialismo, è il modo migliore di esserlo davvero, almeno lo sarebbe secondo Palmiro Togliatti. Nessuno ricorda il discorso di Salerno? Distonico rispetto al Politbureau, ma necessario per radicare nel nostro paese un nuovo corso che altrimenti sarebbe stato estirpato dalle forze alleate di occupazione.
Alcuni all'interno del PD VdA ovviamente preferiscono la politica plateale, magari senza contenuti, e rigorosamente secondo la ricetta impossibile, altrimenti non insisterebbero tanto nel consigliare al PD come inciampare. Ma non hanno niente da fare questi signori in questo momento?
Non devono riflettere sul fatto d'essere Mussiani o ex di Angius della linke o socialista del PSE? Che si diano una mossa e perdano meno tempo in commenti che rovinano pure le discussioni future tra forze che si potranno alleare solo se talune forze radicali impareranno ad essere diverse. Guardate ai verdi che hanno partecipato alla manifestazione del 25, credo che loro, con quel gesto siano in nota per essere alleati del PD alle prossime elezioni con sbarramento all'8 per cento, o in quelle europee al 5 %.
Questo naturalmente in campo nazionale. Qua in questa regione montana le strade sono tutte in salita. Lo stesso Di Pietro sorridente era li, indisturbato e tollerato, con i suoi capannelli a cercar firme, di sicuro per non perdere il treno.
Ma vedrete che quando ci sarà una forza vera ed unita anche a sinistra del PD,
si troverà il modo di discutere, di firmare un programma e di riprendere il cammino insieme. Adesso purtroppo c'è solo polvere, troppa polvere.

Lupus in fabula:
«Noi il cacio sui maccheroni» Di Pietro loda Veltroni e il PD chiarendo che è pronto l'accordo anche per l'Abruzzo.
Come il cacio sui maccheroni. Così è, nel suo lessico fiorito, per Antonio Di Pietro il suo partito - l'Italia dei Valori - rispetto al popolo del PD. Dopo la grande manifestazione chiusa da Walter Veltroni, ribattezzata dai giornali "PD-day", e nonostante Bondi del Pdl spinga per un allontanamento dei due partiti d'opposizione, Di Pietro annuncia il disgelo nei rapporti. Al Circo Massimo dice, «ci siamo sentiti a casa» e annuncia anche per le elezioni in Abruzzo si starebbe per raggiungere un accordo sulle candidature tra PD e Idv. Alla faccia di tanti menagramo.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

faustocoppi
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Dom Ott 26, 2008 6:59 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ti dirò, caro Fausto Coppi, nulla da eccepire sul discorso di Veltroni e di cui posso condividere quasi tutto il contenuto. Ma non è, quello di Veltroni, il timbro che mi "muove". Lui non è l'oratore che più apprezzo, ricordando cinquanta anni di orazioni. Ma ciò che è importante non è tanto Veltroni e la sua capacità di bucare la piazza, quanto quella piazza che ormai ha dimostrato di essere ben radicata con i fondamenti del Pd e nel paese. Mi sono sempre meravigliato che nel giudizio della gente Prodi valesse un decimo di Veltroni mentre il valore di Prodi è dieci volte quello di Veltroni, ma il Pd è anche il partito di Prodi, e questo è ciò che conta.

E poi, è vero, l'importante non è dire: «sono di sinistra», ma è:« cosa riesco a fare per la sinistra», e Prodi, ad esempio, è stato il solo fino ad ora a battere Berlusconi, per ben due volte, e ad impostare per il paese una politica di salvaguardia dei conti pubblici e di redistribuzione del disponibile verso le fasce deboli. Non sono così superficiale da leggere sull'etichetta chi è uno, quando posso capirlo da quello che fa. E ciò vale anche per il nostro onorevole Nicco, troppo orientato ad incrociare il voto unionista facendogli una finta concorrenza stando in sella ad un cavallo con due staffe diverse. Io tirerei un sospiro di sollievo se potessi votare ad Aosta per qualcun altro che magari ha pure la tesserea del Pd.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Lun Ott 27, 2008 9:44 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

NOI ERAVAMO AL CIRCO MASSIMO, BERLUSCONI AL MASSIMO PUO' ANDARE AL CIRCO!
Ecco uno dei tanti striscioni....
Una manifestazione bellissima, ordinata e rispettosa. Un discorso pungente del nostro Segretario e tanti contenuti!
In tutta risposta Berlusconi mette la maschera brutta e va all'attacco di Walter Veltroni. Teme che il Pd si ricompatti con l'Idv di Di Pietro, che non esita a definire «un uomo malvagio». E per non lasciarsi nessun sassolino nella scarpa col tacco, spara a zero anche sul Pd e sul suo leader. Per il Cavaliere infatti non c'è differenza. Non si può parlare, nessun dialogo è possibile. «Con una opposizione ragionevole e democratica sì, ma non con una opposizione del genere». Non si sa quale intenda, a parte un'opposizione che gli dia ragione. Mentre da «quella che c'è» gli sono arrivare «finora solo critiche infondate».
E Walter Veltroni ha perso le elezioni che invece hanno consegnato il Governo al centrodestra: dunque «si rassegni», «pensi a riposarsi e ci lasci governare»
GRAVISSIME QUESTE DICHIARAZIONI!!! E ringrazio il buon Silvio di non aver sganciato una bomba su tutti questi brigatisti, comunisti presenti al Circo Massimo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3, ... 11, 12, 13  Successivo
Pagina 2 di 13

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008