Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

UNA PIAZZA, UN PONTE
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 15, 16, 17
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Sab Dic 10, 2011 9:57 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Patuasia 8 dicembre 2011 ha scritto:

Nonostante i crampi

Eppure bisogna andare avanti. Nonostante i crampi. Lo dobbiamo per chi ci seguirà (in fondo siamo stati più fortunati di coloro che hanno avuto in eredità una guerra). Occorre accantonare il cinismo e dare speranza alle forze che un qualche cambiamento vogliono operare. Si va avanti a piccoli passi. Mi sembra che in Valle i partiti di minoranza comincino a dare una forma al malumore che, seppur nascosto, esiste eccome. In quanto minoranze non incidono minimamente sulle scelte operate dal regime, ma il loro attivismo (era ora!), le loro proposte, la loro criticità verso la gestione del patrimonio collettivo, creano uno spazio di discussione più ampio e prospettive alternative. Nonostante la forte crisi che attraversa la politica, di politica abbiamo bisogno. Mantenere l’attenti, non significa non saper valutare con positività gli interventi più incisivi che, negli ultimi tempi, hanno contraddistinto l’opposizione di Pd e Alpe ( Patusia mi scuserà l'inversione sigle). La prudenza, il guanto di velluto, il passo felpato, hanno lasciato il posto a maggiore sonorità e sicurezza. Forse hanno capito che il loro elettorato è stanco di questo sistema e necessita di una presa di posizione chiara da parte della politica che lo rappresenta. I cittadini hanno dimostrato che sanno fare da soli: la nascita di numerosi comitati, associazioni…, sganciati dai partiti lo testimonia, saper interpretare con fiducia e ottimismo questo tipo di partecipazione diretta, può fare la differenza nella prossima tornata elettorale.



Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Sì. bisogna andare avanti Arrow
_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Sab Dic 10, 2011 9:57 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Feb 28, 2012 3:04 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Sarebbe bene che si capisca che le parole sono soltanto delle pietre messe di traverso nella corrente di un fiume, sono lì, solo per farci arrivare all'altra sponda, quella che conta è l'altra sponda, quella abitata e condivisa dalla maggioranza delle persone che desiderano il bene comune. Noi molto più semplicente un mercoledi, 24 gennnaio 2007, avevamo intitolato questo trhead una piazza...un ponte. Le pietre ci sembravano parole un po' pesanti....appunto come le pietre.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Mag 22, 2012 4:32 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Dedico questo post ai compagni di Rifondazione comunista e ai numerosi supporters della sinista - sinistra. IL Pd non gode di buona stampa, in nessun paese europeo il partito di maggioranza relativa è sottoposto alle critiche severissime che la stampa rivolge al nostro partito; sempre critiche e critiche sia quando si vince sia quando si perde. Nel contesto nazionale ho notato tra l'altro, che il Pd siciliano è sottoposto ad un fuoco di sbarramento senza paragoni da parte di Sel e Idv. Però qualcosa di buono il Pd siciliano ha portato in porto con l'appoggio esterno al governo dei tecnici del governatore Lombardo. Mi riferisco alla legge elettorale voluta fortissimamamente dal nostro partito che ha consentito l'elezione di Leoluca Orlando a Palermo e di Valerio Marletta, esponente di Rifondazione comunista, a Palagonia, che è un grosso centro agricolo di 17.000 abitanti in provincia di Catania.

Con la vecchia legge elettorale nessuno dei due avrebbe mai potuto diventare sindaco con una maggioranza autonoma. Naturalmente, come per alcuni amici che ho su Facebook, sono contentissimo per la vittoria di questo giovane che si è imposto in una terra dove malaffare e inefficienza della pubblica amministrazione l'avevano fatta da padrone per decine di anni. Al primo turno aveva ottenuto il 23% dei voti, mentra l'unica lista che lo sosteneva aveva avuto il 9%. Al ballottagio ha ottenuto uno stratosferico 73,43% dei voti ed è diventato il primo sindaco siciliano di Rifondazione comunista. Uno di pochi d'Italia iscritto a questo partito. Ora dovrà fare i conti con un'esposizione debitoria del comune paurosa, 20 milioni di euro, che per un comune così piccolo rischia di far precipitare l'ente nel baratro del dissesto finanziario. "Mi attende un lavoro difficile, ma con l'aiuto di tutti ce la possiamo fare". Queste le prime dichiarazioni del neo sindaco. Ci congratuliamo con Marletta e gli auguriamo buon lavoro.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Valerio Marletta

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Lug 19, 2012 11:21 am    Oggetto:  Elezioni politiche, inizia il dibattito
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Elezioni politiche, inizia il dibattito
Dibattito aperto da Giuliana Lamastra
venerdì 6 luglio 2012

Si avvicinano le elezioni per il rinnovamento italiano che in Valle d'Aosta sono caratterizzate dal collegio uninominale. In questo sistema per vincere è fondamentale la scelta del candidato deputato e del candidato senatore. Riccarand propone che Alpe, Pd, Italia dei Valori, Federazione della Sinistra, Associazione Loris Fortuna, Movimento 5 Stelle uniscano le loro energie e si mettano al servizio per la creazione di una vasto schieramento progressista, ecologista, civico per le elezioni politiche con scelte dei candidati tramite primarie di coalizione. Cosa ne pensate?



Citazione:
Aosta 10 luglio 2012

Vedo che sul forum di ALPE ci sono già commenti e proposte di Riccarand... (sempre il primo della classe per condizionare il dibattito successivo?). Personalmente non conosco le nostre contro deduzioni per formulare una linea che si possa considerare valida a tutti gli effetti...vedi eventuale alleanza con il Movimento 5 Stelle, che come è ben risaputo non vuole alleanze - almeno in fase di partenza. Perchè non proporre già anche al nostro interno un pensiero - anche generalizzato - per sentire le varie proposte o eventualmente anche campane fuori dal coro?

Giorgio Bruscia

Aosta 18 luglio 2012

Caro Giorgio,
per il PD le alleanze si fanno sulla base di programmi e contenuti condivisi. Sia che si tratti di elezioni comunali, regionali o politiche. Certo anche la legge elettorale condiziona le scelte dei partiti o dei movimenti. Il sistema maggioritario alle Comunali, il proporzionale con sbarramento alle regionali e il collegio uninominale alle politiche influenzano le scelte.

Questa premessa ci porta a dire che il PD VdA ha una stretta collaborazione con il PSI (mai citato dagli esponenti politici dell'Alpe) e ha consolidato una collaborazione fattiva con IdV e su singole questioni con Rifondazione comunista ed esponenti di Sel. In particolare in Consiglio regionale si è rafforzata la collaborazione con il gruppo di Alpe che ha portato in questi ultimi anni anche a importanti risultati politici. Dunque il PD VdA è tutt'altro che chiuso in una torre d'avorio, ma aperto concretamente al dialogo con gi altri partiti e movimenti dell'area della sinistra e dell'autonomismo "critico". La primavera della legalità ha poi rafforzato il confronto politico con tutte le forze citate, anche con l'Associazione Loris Fortuna, e dimostrato che l'unità politica non si fa per sommatoria di sigle, ma su contenuti condivisi. Per questo ritengo più delicato, anche se non impossibile, il confronto con il Movimento 5 stelle che attualmente non riconosce la lealtà delle nostre battaglie politiche in Valle d'Aosta e ci accomuna nel giudizio negativo alle forze di maggioranza. La lotta contro il pirogassificatore può essere un momento di convergenza, ma non so quanto sia trasponibile sul piano delle elezioni politiche: noi siamo aperti al confronto.

Ma soprattuto al confronto con la parte viva e reattiva della società valdostana che si mobilita nelle associazioni e nei comitati. Oggi più che mai la politica non può vivere confinata nelle sedi di partito, anche se queste per noi, che ci siamo dati un codice etico e un manifesto dei valori e vogliamo una politica pulita, restano punto cardine della vita democratica del paese.

In ogni caso tutte le forze politiche sono comunque chiamate a un forte rinnovamento. I "vecchi" guru della politica locale valdostana che chiedono ai D'Alema di Roma passi indietro comincino a farlo anche a livello locale. Non si tratta della sterile polemica sul giovanilismo. Si tratta del fatto che le scelte strategiche del futuro politico della Valle devono essere in capo alla nuova generazione politica che guida i partiti e i movimenti della sinistra e non a chi, con qualità, impegno, perseveranza, intelligenza che sempre vanno rispettate e riconosciute, il suo tempo l'ha fatto...
Raimondo Donzel

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Ven Lug 27, 2012 9:54 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Non me lo sono mica sposato il Pd! Quando ero giovane non c'era il Pd nei miei sogni, ma non c'era neanche il crollo del muro di Berlino, ottima alternativa ad altri cinquanta anni di guerra fredda o a pochi giorni di olocausto nucleare. Quindi è molto pragmaticamente che guardo al Pd, senza preconcetti. E' da un sacco di tempo che dico che avrei votato il partito che a sinistra avesse più voti, ora quel partito è il Pd e voto il Pd perché sono contrario al "meglio nemico del bene", al piccolo è bello, e perché odio la perfezione dei piccoli perfezionisti.

Trovo molto bello del Pd...i temi della democrazia...un vincolo solido con il socialismo europeo...l'incontro con i cattolici, specie in un paese come il nostro, Bersani e Franceschini...e molte altre cose. Ovviamente mi piace anche Ferrero, più di Vendola, ma capisco che sta presidiando una nicchia di elettorato molto ristretta. Alcune sue analisi persino le condivido, ma voto rigorosamente Pd. Nel contesto ho semplificato, sì perchè nel Pd ci sono anche Marino e Fassina. Ma sempre per quella ragione strategica di cui dicevo, mancano tutti quelli che dai Ds non hanno voluto aderire, e che per questo li giudico meno bene della Bindi e di Fioroni.

Non sanno che fortuna sia avere ancora in Parlamento, un partito da: "un italiano su quattro", questi perfezionisti dell'imperfetto. Ma che ci vuoi fare, tutti i rivoluzionari non si rassegnano alle regole della democrazia e sono dei leader naturali in cerca d'espressione. Ma di questi tempi, pure fortunati per loro, al massimo possono tirare quattro bombe carta in Val di Susa.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Ago 09, 2012 6:14 pm    Oggetto:  Re: Elezioni politiche, inizia il dibattito
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Aosta 18 luglio 2012

Caro Giorgio,
per il PD le alleanze si fanno sulla base di programmi e contenuti condivisi. Sia che si tratti di elezioni comunali, regionali o politiche. Certo anche la legge elettorale condiziona le scelte dei partiti o dei movimenti. Il sistema maggioritario alle Comunali, il proporzionale con sbarramento alle regionali e il collegio uninominale alle politiche influenzano le scelte.

Questa premessa ci porta a dire che il PD VdA ha una stretta collaborazione con il PSI (mai citato dagli esponenti politici dell'Alpe) e ha consolidato una collaborazione fattiva con IdV e su singole questioni con Rifondazione comunista ed esponenti di Sel. In particolare in Consiglio regionale si è rafforzata la collaborazione con il gruppo di Alpe che ha portato in questi ultimi anni anche a importanti risultati politici. Dunque il PD VdA è tutt'altro che chiuso in una torre d'avorio, ma aperto concretamente al dialogo con gi altri partiti e movimenti dell'area della sinistra e dell'autonomismo "critico". La primavera della legalità ha poi rafforzato il confronto politico con tutte le forze citate, anche con l'Associazione Loris Fortuna, e dimostrato che l'unità politica non si fa per sommatoria di sigle, ma su contenuti condivisi. Per questo ritengo più delicato, anche se non impossibile, il confronto con il Movimento 5 stelle che attualmente non riconosce la lealtà delle nostre battaglie politiche in Valle d'Aosta e ci accomuna nel giudizio negativo alle forze di maggioranza. La lotta contro il pirogassificatore può essere un momento di convergenza, ma non so quanto sia trasponibile sul piano delle elezioni politiche: noi siamo aperti al confronto.

Ma soprattuto al confronto con la parte viva e reattiva della società valdostana che si mobilita nelle associazioni e nei comitati. Oggi più che mai la politica non può vivere confinata nelle sedi di partito, anche se queste per noi, che ci siamo dati un codice etico e un manifesto dei valori e vogliamo una politica pulita, restano punto cardine della vita democratica del paese.

In ogni caso tutte le forze politiche sono comunque chiamate a un forte rinnovamento. I "vecchi" guru della politica locale valdostana che chiedono ai D'Alema di Roma passi indietro comincino a farlo anche a livello locale. Non si tratta della sterile polemica sul giovanilismo. Si tratta del fatto che le scelte strategiche del futuro politico della Valle devono essere in capo alla nuova generazione politica che guida i partiti e i movimenti della sinistra e non a chi, con qualità, impegno, perseveranza, intelligenza che sempre vanno rispettate e riconosciute, il suo tempo l'ha fatto...
Raimondo Donzel


Caro Raimondo
il Pd non è un partitino identitario nato per sbandierare il proprio purismo. Il purismo è la cosa più stupida che possa fare un partito di massa che si pone l'obbiettivo di governare un grande Paese. L'unico modo democratico di governare (da non scambiare con comandare) una società come la nostra, in cui si muovono pulsioni, aspettative, interessi diversi e variegati, è quello di fare la sintesi con una parte di essi. Questo comporta necessariamente cedere un pò di sovranità e cercare continuamente punti di convergenza con settori sempre più ampi della società, o meglio di una parte di essa. Una certa sinistra, invece, ha sempre concepito la politica come la ricerca ossessiva della perfezione. Questo purismo l'ha portata alla frammentazione esasperata, fino all'atomo. Ovvero ad un processo inverso di quello che serve a costruire una grande forza popolare, progressista e di governo.

Se si legge l'intervista di Bersani e le linee guida della Carta di Intenti del Pd con questi occhiali, il tutto assume un aspetto diverso. Per questo ritengo la sintonia del Pd con Sel e il distacco dall'Idv, un atto di chiarezza e un segno di speranza per il futuro. Finalmente, anche in Italia, si stanno mettendo le basi per una sinistra riformista e progressista di livello europeo. Non c'è niente di male ad avere un'identità (senza la quale non avrebbe senso neppure l'esistenza di una forza politica); non è questo il punto. Il discrimine è la motivazione di fondo di un soggetto politico. C'è chi si prefigge il ruolo di custode di un'ideologia (a questo mi riferivo quando parlo di purismo), chi di governare un Paese. Per il ruolo di custode non è necessario fare compromessi con nessuno; l'importante è restare puri. Per governare è necessario trovare punti di incontro tra le varie anime e i diversi interessi in campo.

Chi si prefigge questo compito deve necessariamente aprirsi agli altri, cercare continui compromessi e momenti di sintesi. L'intervista di Bersani, letta con la logica del purismo, può apparire assurda. Letta con la logica di chi si propone di governare il Paese, assume un'altro rilievo. Tutto qui. Quanto ai "partitini" è la logica del purismo che li porta ad essere piccoli, perché pur puro che tu sia avrai sempre a tuo fianco qualcuno che si sente più puro di te...Questa logica ha diviso da sempre la sinistra rendendola debole e subalterna ai poteri forti. Ma questo è un altro, tragico, capitolo.


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Mar Ago 14, 2012 10:27 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Caro Giorgio,
non credo che Raimondo si rivolgesse a te o a quanti sono nel pd in modo costruttivo e non per occupare poltrone.
Abbiamo simpatici personaggi passati in altri lidi, perchè, come ricorderai, in una delle prime riunioni della mozione 2 già accennavano a grandi ideali come un posto in un cda.
Abbiamo anche notabili ancora attaccati ad un UV che sbandiera di essere di sinistra e poi continua a fare scelte di destra.
Abbiamo anche giovani di renziana memoria che criticano le scelte del partito, ma di costruttivo non portano nulla ne nelle riunione, ne nelle feste...
Ora basta leggere l'ultimo artcilo di fondo del peuple per capire che noi non abbiamo nulla a che spartire con chi contesta la presenza nei comitati o attacca i giovani che non sono stati eletti definendoli dei politici mascherati da raccoglitori di firme.
Costruiamo un'alternativa credibile e responsabile.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Ven Ago 31, 2012 3:39 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Pian piano la situazione politica italiana si sta semplificando e si intravede finalmente la speranza di arrivare alle prossime elezioni politiche in uno scenario politico di tipo europeo. Il progressivo disgregarsi del berlusconismo, sta nornalizzando il Paese ed ogni soggetto politico sta tornando, pian piano, al proprio posto. A sinistra si va rafforzando un'asse Pd-SeL. Non è escluso che dopo le elezioni si inizi un percorso di fusione. Al centro Casini, Fini e Rutelli stanno cercando di costituire un soggetto politico "moderato", nella speranza di diventare determinanti nel dopo elezioni. Probabilmente riusciranno a ingaggiare qualche attuale ministro "tecnico" che darà credibilità politica al soggetto che vanno costruendo.

A destra si stanno compattando tutti i populisti (ex-berlusconiani, Grillo, Di Pietro, Travaglio, ecc...). Basta dare un'occhiata alla rispettiva stampa per rendersene conto (da Libero a Il Fatto Quotidiano). Stessi titoli, stessi argomenti, stesse campagne politiche, stesso linguaggio. E' un blocco sociale più coeso di quello che si pensi, basti pensare a quanto accaduto nel secondo turno a Parma. Nel 2013 i cittadini italiani potranno scegliere se dare una maggioranza forte a qualcuno (destra o sinistra) o se costringere una delle due parti ad allearsi con il centro (che in questo caso sarà quello che dà le carte). Certo, molto dipenderà dalla legge elettorale con cui voteremo e dal fatto che Berlusconi si tolga definitivamente di torno, ma gli scenari sono ormai ben delineati. In ogni caso, qualunque sarà il nostro futuro, sarà deciso dal voto degli italiani, che se ne assumeranno l'intera responsabilità, così come avviene in ogni democrazia.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Ven Ago 31, 2012 9:50 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Luciano Violante (Discorso di insediamento come Presidente della Camera dei deputati): "Bisogna sforzarsi di capire, senza revisionismi falsificanti, i motivi per cui migliaia di ragazzi e soprattutto di ragazze, quando tutto era perduto si schierarono dalla parte di Salò e non di quella dei diritti e delle libertà". Ho volutamente riportato questa citazione perchè è da qualche tempo che sento parlare alcuni compagni molto ottimisti sul M5S. Sentire frasi come questa: "Ragazzi, Grillo è un qualunquista e populista, ma non vuol dire che lo saranno i grillini che verranno eletti."...mi fanno un pò arrabbiare perchè si potrebbe dire: "Anche Di Pietro è un antiberlusconiano doc, ma Scilipoti è poi finito nella maggioranza berlusconiana."

Capire non significa giustificare e difendere scelte sbagliate. Questi ragazzi, per portare avanti la loro battaglia sulla "democrazia diretta" hanno scelto un movimento padronale (M5S) in cui non esiste il minimo di democrazia. Il loro capo nei suoi comizi non presenta uno straccio di progetto politico (se non qualche scemenza sull'uscita dell'Italia dall'euro, sul non pagamento del debito estero, sul ritorno alla lira svalutata al 50% e via dicendo...), ma dispensa insulti e offese a destra e a sinistra (ultimamente solo a sinistra). Per rispondere alla provocazione di Bersani a venire a discutere con noi alle nostre feste, si sono presentati solo per provocare ed insultare, perchè il capo non vuole che partecipino ai dibattiti. E' solo lui il mattatore che dirige tutto dal tabernacolo del suo blog, con gli articoli che gli scrive il socio in affari mister Casaleggio.

Democrazia significa confronto tra idee e proposte, non risse a base di insulti e vaffanculi. I giovani che andarono a combattere a Salò prima della disfatta non erano certo opportunisti. Sicuramente credevano in qualcosa. Ma si schierarono con la parte sbagliata. I giovani del M5S sono sicuramente idealisti, ma presentandosi a Bologna a provocare anzichè a confrontarsi con le idee degli altri, hanno dimostrato che ormai hanno preso una china sbagliata, senza ritorno. Per quanto mi riguarda che se ne vadano pure affanculo con il loro guru. Punto. Se vogliono introdurre in Italia la "democrazia diretta" inizino ad applicarla al loro interno e soprattutto imparino a rispettare le idee degli altri.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Set 13, 2012 4:02 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Libero.it ha scritto:
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Vendola, Di Pietro, Bonelli, Ferrero e Diliberto insieme a Roma per i referendum sul lavoro:
miglior spot per il centrodestra non potrebbe esserci


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Vedere mostri è un brutto segno di faziosità. Vedere esponenti di partiti che non approvando la legge di riforma del lavoro, promuovono un referendum abrogativo, è politica. Se sarà ammesso, il popolo si esprimerà. Ma una cosa questo episodio ineluttabilmente racconta: che se in una coalizione tra Pd e Sel, che si presumeva uno dei punti fermi della prossima campagna elettorale per una scelta esplicita di Bersani, il coalizzando Vendola si schiera senza indugio, ma anzi con entusiasmo contro il governo Monti, mentre l'altro coalizzatore ne appoggia l'operato, questa coalizione nasce morta, anzi, secondo logica, non dovrebbe nascere affatto. Se poi all'interno del PD, ci fosse una parte consenziente con l'iniziativa abrogativa, a morire non è solo la coalizione, ma il Pd stesso. Secondo me.

Nel merito, la questione referendaria è superata dall'impossibilità di consultare nel periodo elettorale, ma sopratutto dal fatto che con la prossima legislatura, se ci sono cose da modificare, lo si potrà fare con i voti necessari. Se non ci fossero i voti, logicamente anche l'esito del referendum sarebbe molto questionabile. E' dunque prevalente la scelta strumentale, propagandistica della provocazione referendaria, ed è qui l'errore strategico che imputo a Vendola: realizzare un accordo con il Pd, che obtorto collo la legge Fornero l'ha votata, e proporre un'azione antigovernativa in contrasto con la sua linea politica di collaborazione con il governo

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Set 20, 2012 6:46 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

giorgio ha scritto:
Dedico questo post ai compagni di Rifondazione comunista e ai numerosi supporters della sinista - sinistra. IL Pd non gode di buona stampa, in nessun paese europeo il partito di maggioranza relativa è sottoposto alle critiche severissime che la stampa rivolge al nostro partito; sempre critiche e critiche sia quando si vince sia quando si perde. Nel contesto nazionale ho notato tra l'altro, che il Pd siciliano è sottoposto ad un fuoco di sbarramento senza paragoni da parte di Sel e Idv. Però qualcosa di buono il Pd siciliano ha portato in porto con l'appoggio esterno al governo dei tecnici del governatore Lombardo. Mi riferisco alla legge elettorale voluta fortissimamamente dal nostro partito che ha consentito l'elezione di Leoluca Orlando a Palermo e di Valerio Marletta, esponente di Rifondazione comunista, a Palagonia, che è un grosso centro agricolo di 17.000 abitanti in provincia di Catania.

Con la vecchia legge elettorale nessuno dei due avrebbe mai potuto diventare sindaco con una maggioranza autonoma. Naturalmente, come per alcuni amici che ho su Facebook, sono contentissimo per la vittoria di questo giovane che si è imposto in una terra dove malaffare e inefficienza della pubblica amministrazione l'avevano fatta da padrone per decine di anni. Al primo turno aveva ottenuto il 23% dei voti, mentra l'unica lista che lo sosteneva aveva avuto il 9%. Al ballottagio ha ottenuto uno stratosferico 73,43% dei voti ed è diventato il primo sindaco siciliano di Rifondazione comunista. Uno di pochi d'Italia iscritto a questo partito. Ora dovrà fare i conti con un'esposizione debitoria del comune paurosa, 20 milioni di euro, che per un comune così piccolo rischia di far precipitare l'ente nel baratro del dissesto finanziario. "Mi attende un lavoro difficile, ma con l'aiuto di tutti ce la possiamo fare". Queste le prime dichiarazioni del neo sindaco. Ci congratuliamo con Marletta e gli auguriamo buon lavoro.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Valerio Marletta


Come ha fatto una vecchia volpe della politica come Leoluca Orlando a vincere le elezioni comunali a Palermo? Semplice. "U Sinnucu" (il sindaco) ha promesso a tutti i dipendenti delle partecipate palermitane (migliaia e migliaia di disperati) che se fosse diventato sindaco sarebbero tornati i vecchi tempi della politica assistenziale. Un pò di confusione per le vie di Palermo, qualche cassonetto buttato in mezzo alla strada, e subito i milioni sarebbero arrivati a palate. Questo era il metodo democristiano che il buon Leoluca, da perfetto gesuita, conosce benissimo. Solo che questa volta ha fatto i conti malissimo, questa volta "il santo" è di marmo e non suda.

Sostanzialmente, il santo Monti, non è disposto a sborsare milioni
e milioni senza un serio progetto di risanamento. Anche oggi a Palermo i dipendenti stanno attuando una specie di guerriglia allo scopo di impaurire le autorità.Ma San Monti non è disposto a soccombere perche la GESIP (*) ha un'organico monstre di 1.800 dipendenti a fronte di una necessità di 800 unità. Dunque l'Orlando di lotta e di governo. C'è un carrozzone politico a Palermo che si chiama Gesip. C'è un leader sindacale di questo carrozzone che da mesi mette a ferro e fuoco questa città per avere da Monti almeno 5 milioni di euro. Ebbene il leader di questo carrozzone è ora candidato con Italia dei Valori per cercare di conquistare uno dei 90 posti all'assemblea regionale siciliana. Il Sindaco Orlando sarà pure di IdV, ma non ha dimenticato le sue origini democristiane di fede gesuitica.


(*) La Società Gesip, Gestione Servizi Impianti Pubblici Palermo SpA, è una società creata dal Comune di Palermo e da Italia Lavoro SpA, l’agenzia del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per lo sviluppo dei servizi a favore dell’occupazione.


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Sab Ott 12, 2013 3:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Le persone costruiscono ponti,
la mente progetta,
la gente ne fa muri poi c'è chi cammina,
gambe o meno, ci crede.

Vi aspetto tutti in piazza,
quella che trovate dopo aver attraversate il ponte.

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

…" Imparare a conoscere la lingua, la storia, la cultura, le abitudini, i pregiudizi e stereotipi,
le paure delle diverse comunità’ conviventi e’ un passo essenziale nel rapporto interetnico..."

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 15, 16, 17
Pagina 17 di 17

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008