Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Riforme:governo eletto dal Consiglio regionale o no?
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 11, 12, 13
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo

La Giunta regionale deve essere...
a)eletta in blocco dal popolo
87%
 87%  [ 7 ]
b)eletta con elezione diretta dei singoli assessori, voto limitato e Presidenza a turno
0%
 0%  [ 0 ]
c)eletta dal Consiglio su proposta di un Presidente eletto direttamente dal popolo
0%
 0%  [ 0 ]
d)eletta dalla maggioranza del Consiglio, scelta tra due o più coalizioni dal popolo
12%
 12%  [ 1 ]
e)eletta dalla maggioranza del Consiglio, eletto con il metodo proporzionale come oggi
0%
 0%  [ 0 ]
Voti Totali : 8

Autore Messaggio
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2007 3:56 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Pensavate di riposare qualche giorno e invece no...

14:32 REFERENDUM: VDA; DA VENERDI' CAMPAGNA COMITATI PROMOTORI
(ANSA) - AOSTA, 15 OTT - Si aprirà a Chatillon, venerdì prossimo alle ore 21 nel Salone delle manifestazioni della Biblioteca comprensoriale, la campagna elettorale dei comitati promotori dei referendum del 18 novembre che chiameranno a votare tutti i valdostani per 4 leggi sulle regole di elezione del consiglio e della giunta regionale e una legge per un ospedale nuovo. La campagna sarà aperta da Patrizia Morelli, il senatore Carlo Perrin, Mario Borgio e Roberto Giornetti.
I Comitato hanno poi già fissato altri comizi con inizio sempre alle ore 21: sabato 20 ottobre a St-Christophe (Sala conferenze della Biblioteca comunale) e Chambave (Centre Culturel, Via Chanoux); Domenica 21 ottobre a Sarre (Sala consiliare), Etroubles (Sala consiliare) e Arnad (Salone del Municipio). (ANSA).
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Lun Ott 15, 2007 3:56 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Mar Ott 16, 2007 11:33 am    Oggetto:  SA invita all'astensione e il gruppo PER IL PD IN VDA???
Descrizione:
Rispondi citando

Riporto qui l'ANSA dove anche Stella Alpina invita all'astensione. Sono io che non ho letto e sentito nulla o il gruppo per il partito democratico in valle d'aosta non si è ancora espresso? Ragionevolmente avendo appoggiato Bich immagino siano per il voto, ma se si esprimessero anche loro in merito credo sarebbe un bel gesto.

10:36 REFERENDUM: STELLA ALPINA; APPELLO PER L'ASTENSIONE
(ANSA) - AOSTA, 16 OTT - La Stella Alpina "consiglia gli elettori valdostani a non recarsi alle urne in occasione dei referendum del 18 novembre". Il consiglio è del Coordinamento regionale riunitosi ieri ad Aosta ha preso posizione sui quattro referendum di riforma del sistema elettorale e sulla costruzione di un nuovo unico ospedale regionale, "dopo numerosi ed approfonditi incontri". La decisone, come si legge in una nota del movimento, "é stata presa a maggioranza".
La Stella Alpina ribadisce nelle premesse del deliberato "la validità della legge elettorale così come votata dal Consiglio regionale e condivisa anche da una parte significativa dell'opposizione". Sottolinea poi che "con l'approvazione di tale legge siano stati recepiti alcuni aspetti innovativi quali la dichiarazione preventiva delle alleanze e le cosiddette 'quota rosa'".
Per quanto riguarda la proposta di legge sottoposta a referendum concernente la costruzione di un nuovo ospedale, il Coordinamento della Stella Alpina esprima una valutazione negativa "in quanto, da una parte, si vanificherebbero tutti gli interventi ed i costi sostenuti finora per la ristrutturazione dell'ex-Mauriziano e, dall'altra, si creerebbe una situazione di stallo mancando, a tutt'oggi, sia la copertura finanziaria sia la reperibilità delle aree necessarie all'edificazione". (ANSA).
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Mar Ott 16, 2007 2:10 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ed ecco finalmente allo scoperto gli autori dei manifesti di astensione che non riportano nessuna firma.
17:33 REFERENDUM: 'PAS DE SENS PAS DE VOTE, SLOGAN CAMPAGNA UV
Evidentemente sono ancora tante le persone che non amano la chiarezza...
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Mer Ott 24, 2007 8:58 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Allego a questo post il calendario dei comizi referendari e il link per vedere come stà andando la campagna referendaria.
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Datene ampia diffusione per la voglia di conoscere e capire, per la libertà di votare!



Calendario Comizi referendari.xls
 Descrizione:

Scaricare
 Nome file:  Calendario Comizi referendari.xls
 Dimensione:  31 KB
 Scaricato:  228 Volte

Torna in cima
Profilo Messaggio privato
raimondo








Registrato: 04/01/07 11:37
Messaggi: 216
raimondo is offline 






MessaggioInviato: Mer Ott 24, 2007 9:22 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Approfitto dello Spazio Libero del Forum di Area Democratica,
per invitare tutti:

Citazione:
1. a informarsi sui quesiti referendari, a chiarirsi le idee e a confrontarsi con il dialogo aperto e leale
2. a informare, a sollecitare gli indifferenti (nostri vicini di casa, nei posti di lavoro, al bar, allo stadio) a prendere coscienza dell'importanza dell'evento referendario
3. a non alzare i toni, a far parlare le idee e non le arroganti provocazioni o le minacce
4. a difendere la democrazia, che non è stata solo una conquista della lotta della Resistenza, ma che è una conquista quotidiana che deriva dai nostri comportamenti improntati a rispetto, tolleranza, civiltà (intesa come senso civico) e partecipazione alla vita pubblica.


Grazie a coloro che su questo Forum contribuiscono "quotidianamente" a dare ossigeno alla DEMOCRAZIA e alla LIBERTA'

Raimondo Davide DONZEL

_________________
«[...] Oggi vi dico, amici, non indugiamo nella valle della disperazione, anche di fronte alle difficoltà dell'oggi e di domani, ho ancora un sogno. [...] Martin Luther King jr. (28 agosto 1963)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Mar Nov 06, 2007 9:28 am    Oggetto:  VEUX?????????
Descrizione:
Rispondi citando

Aiuto..dai più vivi sostenitori del francese non mi aspettavo uno strafalcione del genere![/img]
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
bruno courthoud








Registrato: 22/08/07 15:34
Messaggi: 123
bruno courthoud is offline 






MessaggioInviato: Mer Nov 07, 2007 12:11 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

cara erika
secondo me lo strafalcione dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, il vero stato della lingua francese (che amo e apprezzo) in VDA:
1) è stata a suo tempo la lingua storica ufficiale in VDA; ora lo è solo più sulla carta (statuto);
2) essa è ora, giustamente, una lingua storica imparata a scuola come una qualsiasi altra lingua straniera;
3) essa è strumentalizzata,"manipolata", violentata e stuprata quotidianamente da chi vorrebbe far invece credere che siamo una regione francofona;
4) la quantità immensa di soldi che sono stati e vengono impiegati per "reintrodurre" il francese in VDA sono praticamente soldi buttati al vento se i risultati sono questi; essi rappresentano inoltre un'operazione antistorica.
5) stiamo facendo ridere mezzo mondo e chiunque abbia un minimo di interesse e di rispetto per la lingua francese (come di ogni altra lingua), non può che dolersi di questo penoso "stato delle cose". Occorre, secondo me, avere il coraggio di affrontare lo "stato delle cose" e di provvedere di conseguenza:
1) la lingua francese, lingua storica in VDA, deve essere insegnata come si deve a chi interessa e non imposta a chi non la sente come propria;
2) chiunque abbia "amore" per la lingua francese e il suo passato in VDA deve opporsi ad ogni uso strumentale e manipolatore di tale lingua, soprattutto da parte di chi vuole, a questo scopo, "far finta" di conoscerla.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
pasolini








Registrato: 11/01/07 21:32
Messaggi: 141
pasolini is offline 






MessaggioInviato: Gio Nov 15, 2007 1:58 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Piùpress ha scritto:
Data: 13112007
Ora: 16:35

“La posizione di Piero Ferraris a favore dell'astensione ai referendum del 18 novembre è incomprensibile e immorale”. Raimondo Donzel, neo segretario del Partito democratico, non lesina aggettivi per commentare una recente intervista in cui Piero Ferraris, consigliere regionale di “Per il Partito democratico in Valle d'Aosta, si è dichiarato favorevole al non voto. “Il suo atteggiamento è noto - ha sottolineato Donzel, durante una conferenza stampa questo pomeriggio - ma qui non troverà spazio per comportamenti di questo genere”.

E quando Donzel parla di un “atteggiamento noto” da parte di Ferraris si riferisce alle posizioni che, già in passato, Ferraris aveva assunto in aperta contrapposizione con la direzione dei Democratici di sinistra in occasione della discussione sui referendum in Commissione regionale e sul suo “impegno defilato” durante la campagna per le elezioni politiche del 2006. “A titolo personale può dire quello che vuole - ha sottolineato il segretario del Pd - ma non può parlare a nome del Partito democratico”.

Secondo Lorenzo Gillo, presidente della costituente del Pd, “l'Assemblea riunita sabato a Saint-Christophe si è espressa all'unanimità a favore dei referendum” così come Enrico Bich - l'altro candidato alla guida del Pd e sostenuto dallo stesso Piero Ferraris - si è dichiarato nettamente a favore della consulatzione referendaria.

Rimane ora da capire cosa succederà nella composizione dei gruppi sia in Consiglio regionale che nell'assemblea del Comune di Aosta. “Valuteremo caso per caso - ha dichiarato Donzel - sentiremo i singoli consiglieri e si costituiranno dei gruppi con coloro che vorranno farne parte e che seguiranno gli orientamenti espressi dall'Assemblea del Pd”.


A proposito di strafalcioni, eccone uno fatto da Piero Ferraris che ha, con il suo appello
all'astensione sui referenda, scatenato l'ira del Pd VdA e del suo segretario Raimondo Donzel:
"Sui referendum Piero Ferraris non può parlare a nome del Partito democratico"

_________________
P.Paolo Pasolini

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

L'Italia sta marcendo in un benessere che è egoismo, stupidità, incultura, pettegolezzo,
moralismo, coazione, conformismo: prestarsi in qualche modo a contribuire a questa
marcescenza è, ora, il fascismo.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
bruno courthoud








Registrato: 22/08/07 15:34
Messaggi: 123
bruno courthoud is offline 






MessaggioInviato: Lun Nov 19, 2007 10:32 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Trascrivo qui e vi sottopongo alcune considerazioni sul referendum che ho svolto sui blog di Eddy Ottoz e Vincenzo Calì.Contrariamente a quanto sostengono oggi Césal (UV), Vasini (FA) e Marguerettaz SA) ritengo che l'unico ad uscire sconfitto, anzi assassinato, dall'esito referendario sia il referendum propositivo, così come previsto dall'attuale legge (abbiamo sperato tutti nel raggiungimento del quorum, ma, diciamo la verità, sarebbe stato un miracolo).Infatti, qualunque sia oggi o domani la maggioranza al governo, i casi non possono che essere due:1) le proposte referendarie sono condivise dalla maggioranza: in questo caso vengono recepite e il referendum non viene indetto 2) le proposte referendarie non sono condivise dalla maggioranza: in questo caso verrà, obtorto collo come ha fatto Caveri, indetto il referendum e si assisterà allo squallido spettacolo (perso in partenza) del non voto. Mi pare che l'unica soluzione seria, se vogliamo tenerci il referendum propositivo non solo sulla carta, sia l'abolizione del quoru così come suggerisce anche da Eddy Ottoz (altrimenti, bando alle ipocrisie e sopprimiamo tout court il referendum).
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Mar Nov 20, 2007 4:46 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Io invece credo che i veri sconfitti non sono ne i referendum ne i comitati promotori... ma i veri sconfitti sono i valdostani.
Domenica piangevo per l'amarezza di questo risultato, mi disperavo perchè al seggio sono venute tante persone anziane che pur trascinandosi ben sanno quanto sia importante votare ma soprattutto ero arrabbiata perchè questo popolo montanaro che credevo essere forte e combattivo si è arreso. Non diciamo quindi più "LES MONTAGNARDS SONT LA"...
Un dato significativo ed importante credo sia che le persone che sono venute hanno dimostrato di non essere delle pecore al servizio di qualcuno ma hanno espresso con chiarezza la loro opinione e spesse volte anche detto no. Ora certo, mi fanno pena coloro che abbassano la testa, coloro che hanno paura, coloro che credono di non potersi esprimere su determinati temi ma sono orgogliosa di quei 28.000 che nonostante il freddo (non solo termico!) hanno voluto contare proprio come è nello spirito del nostro partito. Il cittadino elettore attivo è il centro e il motore di questo Partito. Partiamo da qui!!!!
Spero che questa vittoria di Pirro che tanto sventolano possa servire a tutti loro, ma soprattutto a tutti noi. Solo con il rinnovamento e la discontinuità con questi metodi si arriva da qualche altra parte.
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
bruno courthoud








Registrato: 22/08/07 15:34
Messaggi: 123
bruno courthoud is offline 






MessaggioInviato: Mar Nov 20, 2007 5:45 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Condivido quanto dice Erika, rimane però il fatto che questa legge propositiva non può funzionare se non per problemi "asettici" e su cui pertanto non dovrebbe neanche essere necessario ricorrervi.
Alla prossima occasione, magari a parti invertite, si riproporrebbe l'identica situazione e rivedremmo le stesse buffonate cui ci hanno fatto assistere questa volta i propugnatori del non voto.
Se non vogliamo appendere in salotto questa legge, così, tanto per abbellirlo, secondo me l'unica soluzione è l'abolizione del quorum, così come proposto oggi anche dal gruppo dell'Arcobaleno. Paesi vicini a noi, che di referendum se ne intendono, forse l'avevan capito fin da subito. Arrivederci, bruno
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Mer Nov 21, 2007 9:18 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Spero e penso che se le parti fossero invertite questo non accadrebbe, ma la discussione si avrebbe sui contenuti.
Non credo che la maggioranza del Consiglio non possa tenere conto di 28.000 elettori come non credo che riforme che riguardino l'intera collettività possano essere fatte a colpi di maggioranza. Spero che il nostro Governo ad esempio per quello che riguarda la riforma elettorale dialoghi anche con la minoranza portando una legge condivisa da più persone.
Dati alla mano però credo sia piuttosto evidente che i 30 consiglieri non rappresentano più l'85% della popolazione. Non credete?
Trovo anche assurde le illazioni di Romano Dell'Aquila esternate ieri su La Stampa. Il 43% degli elettori di Nicco e Perrin era la percentuale sui votanti. Teniamo poi conto che alle politiche la gente partecipa maggiormente che non ai referendum, che faceva un freddo allucinante e mia nonna come altre non è andata ai seggi, che i poteri forti erano tutti in campo...
Ora se vogliamo analizzare i dati quindi analizziamo con serietà e diamo nuovamente importanza ai valori e all'etica. Il nostro Partito crede il cittadino elettore attivo il centro e il fondamento. Chi crede quindi che una volta seduto su una poltrona non deve più render conto a nessuno sbaglia partito. Chi poi ha appoggiato un candidato segretario per le primarie e non credeva nelle cose che diceva bastava si candidasse con una proposta alternativa. Non posso che dire che ci vuole per forza un RINNOVAMENTO....
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mer Nov 21, 2007 9:50 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

To: aosta@lastampa.it ; edicola@lastampa.it
Sent: Tuesday, November 20, 2007 8:05 PM
Subject: Il Pd e gli iettatori nostrani


Caro Direttore,

Giornata mortificante,
domenica in Valle d'Aosta. Il popolo valdostano, ha dimostrato di non essere ancora maturo per la democrazia. I maggiori referenti politici “quelli che hanno vinto” per intenderci, traggono affannati e nervosi sospiri di sollievo. Da lunedì poi si è detto di tutto. Si è cercato di gettare fango sul neonato Pd e di ridimensionare il suo gruppo dirigente. A chi, che in questo momento sta strepitando e schiamazzando nel vedere un Pd, apparentemente indebolito dall’ultimo confronto elettorale; a chi vuole dare forza per un assalto alla diligenza (da parte dell’immarcescibile minoranza ex Gv-Ds); a chi parla di pudore politico – incredibile pensando all’autore - di non avere preso le distanze da certe forze politiche; a chi non ha ancora capito che più di 28000 valdostani (sono un terzo del corpo elettorale che va a votare) ha esercitato un suo diritto sostenuto dalla Costituzione; a chi erroneamente ha l’ardire di pensare che gli ex riformisti dei Ds avranno ora buon gioco a delegittimare il neo segretario Pd, per l’appoggio ai referendum; a chi all’interno del Pd coltivasse ancora l’idea di continuare a percorrere il sentiero della “non trasparenza o della collusione”, dedichiamo loro un nostro modesto pensiero: E’ orami assolutamente impraticabile l’intenzione aperta o sommersa di spaccare il Pd sul nascere. Non si conti sulla sua supposta fragilità e non si suffraghi l’ipotesi che questo nuovo partito l'avvalori. Non abbiamo necessità di garantirci altri anni di riflessione. Il 14 d’ottobre è stata fatta una scelta memorabile e non sarà certamente questo inciampo del referendum a farci fare squallide e meschine retromarce. Pensiamo che il Pd auspichi coerentemente, che prevalgano non tanto l’interesse e la visibilità di ciascun consigliere o del partito, ma piuttosto l’interesse dei cittadini elettori attivi e della comunità valdostana.

Giorgio Bruscia.

Paolo Gianfranceschi

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 11, 12, 13
Pagina 13 di 13

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008