Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

A PROPOSITO DI OPPOSIZIONE
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12, 13  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Mar 24, 2011 5:43 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa 24.03.2011 ha scritto:
Polemica
«Caso Trentaz-Marguerettaz» l’aula sceglie di non discutere

Delusione palese, espressa con toni polemici sia dal capogruppo di Alpe Roberto Louvin, sia da Raimondo Donzel (Pd), per il mancato dibattito sulla vicenda della causa legale intentata dall’ex dirigente del Casinò, Roberto Trentaz, contro l’assessore regionale al Turismo Aurelio Marguerettaz. Il presidente del Consiglio Alberto Cerise ha informato l’Assemblea che «in assenza del presidente della Regione Augusto Rollandin cui competeva la risposta a termini del regolamento il question time deve ritenersi decaduto». «Il Consiglio regionale - ha detto Roberto Louvin - è convocato anche per giovedì (oggi, ndr) e quindi Rollandin avrebbe potuto rispondere e chiarire la vicenda». La conferenza dei capigruppo ha confermato la decisione di considerare decaduto il question time.



Già sono rimasti in otto ( 8 ) i consilieri dell'opposiazione, e ora che fanno così tanta paura, per una maggioranza così strabordante,
ci si mette anche la più alta figura istituzionale regionale a mettere i bastoni tra le ruote e a sabotare il lecito mestiere dell'opposizione.
Ma che sia invece proprio questa maggioranza ad avere paura?

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Gio Mar 24, 2011 5:43 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Ven Mar 25, 2011 7:55 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA) Data: 25/03/2011 14:25 ha scritto:
REGIONI:VDA;COSTITIZIONE GIUDIZIO CAUSA TRENTAZ-MARGUERETTAZ
(ANSA) - AOSTA, 25 MAR -
La Giunta ha deciso oggi di costituirsi in giudizio nel procedimento riguardante la causa civile intentata dall'ex amministratore del Casino' de la Vallee nei confronti dell'assessore regionale al turismo Aurelio Marguerettaz, ma all'epoca dei fatti assessore alle Finanze con delega al casino'. Roberto Trentaz ha citato per danni davanti al Tribunale di Aosta, Aurelio Marguerettaz e il liquidatore della gestione straordinaria del Casinò, Romano Bo, chiedendo quasi 900.000 euro di danni perche' il suo allontanamento dalla carica sarebbe stato determinato da ''pressanti pressioni''.

Sulla questione il gruppo Alpe del Consiglio Valle ha convocato per oggi pomeriggio una conferenza stampa per spiegare le ragione della presunto conflitto di interessi in cui si troverebbe l'assessore. Infatti, in sua difesa, nei confronti di Trentaz, Marguerettaz ha citato la Regione che lui stesso rappresentava al momento dei fatti contestati dall'ex amministratore del casino'. Nel commentare la determinazione assunta oggi dalla Giunta, il Presidente, Augusto Rollandin, ha precisato che ''il fatto riguarda Marguerettaz nell'esercizio della sue funzioni di assessore'', mentre Trentaz ha chiamato in causa l'assessore a titolo personale e non come assessore.(ANSA).

(ANSA) Data: 25/03/2011 18:04 ha scritto:
REGIONI: VDA; MOZIONE ALPE E PD PER DIMISSIONI MARGUERETTAZ
(V. 'REGIONI:VDA,COSTITUZIONE GIUDIZIO...' DELLE 14.25)
(ANSA) - AOSTA, 25 MAR -
L'assessore regionale Aurelio Marguerettaz si trova in ''un sostanziale e insanabile conflitto di interessi con la Regione autonoma della Valle d'Aosta'' e per questo il gruppi di Alpe e Pd hanno presentato nei suoi confronti una mozione di sfiducia. La mozione, firmata da Roberto Louvin, Carmela Fontana, Alberto Bertin, Giuseppe Cerise, Albert Chatrian, Raimondo Donzel, Patrizia Morelli e Gianni Rigo, e' stata deposita oggi, dopo che la Giunta regionale si e' costituita nel causa civile a carico di Marguerettaz intentata da Roberto Trentaz.

''Si tratta - ha spiegato Louvin, capogruppo di Alpe - di una procedura mai utilizzata fino ad oggi, ma prevista dall'articolo 6 della Legge regionale 21/2007 concernenti disposizioni in materia di modalita' di elezione del Presidente della Regione e degli Assessori, di presentazione e di approvazione della mozione di sfiducia e di scioglimento del Consiglio regionale''. Un commento politico sulla mozione e' stato espresso dal vice capogruppo del Pd, Raimondo Donzel che ha definito ''grave il fatto che un cittadino si faccia scudo del suo ruolo politico, non vorrei che i modelli seguiti dai politici a livello romano diventino patrimonio locale''. Ha quindi aggiunto: ''E' stupefacente che in tre mesi, sulla vicenda casino', Marguerettaz abbia scritto oltre cento lettere, mentre per risolvere i problemi degli utenti ferroviari e' riuscito a malapena scriverne una''.

Roberto Louvin ha poi spiegato che ''Marguerettaz ha convenuto in giudizio l'amministrazione regionale, chiedendo al Tribunale di Aosta, in caso di accoglimento delle richieste risarcitorie avanzate nei suoi confronti dall'ex Amministratore delegato ed ex Direttore della societa' Casino de la Vallee Spa Roberto Trentaz, di 'dichiarare e condannare la Regione Valle d'Aosta, nella persona del Presidente pro tempore'' e a ritenere Marguerettaz ''indenne e manlevato da ogni somma che egli fosse eventualmente condannato al pagamento nei confronti della parte attrice''. Si tratta di una somma di circa un milione di euro.(SEGUE).

(ANSA) Data: 25/03/2011 18:13 ha scritto:
REGIONI: VDA; MOZIONE ALPE E PD PER DIMISSIONI MARGUERETTAZ (2)
(ANSA) - AOSTA, 25 MAR -
''La situazione assolutamente paradossale, di un esponente di vertice del governo regionale che cita in giudizio la sua stessa amministrazione, configura - si legge ancora nella mozione - una posizione di lite pendente fra l'amministratore e l'ente che amministra''. La materia del contendere, ''come si desume dagli atti processuali - si legge nelle premesse del documento - scaturisce da presunti comportamenti non corrispondenti a canoni di lealta' da parte dell'amministratore convenuto in giudizio nei confronti della stessa Regione, comportamenti che discenderebbero in particolare - stanti le allegazioni in atti - da abnormi richieste informative nei confronti della societa' controllata per l'acquisizione di dati sulla sua attività (oltre 100 lettere in tre mesi)''.

Secondo quanto esposto dalla mozione Marguerettaz avrebbe ''bypassato il management della Casino Spa nella gestione delle relazioni sindacali, nell'insinuazione di dubbi nella giunta regionale circa la correttezza dell'operato dei membri del Consiglio di Amministrazione, nel boicottaggio sistematico delle iniziative dello stesso Consiglio, nelle pressioni esercitate su singoli componenti del Consiglio di Amministrazione per indurli 'spontaneamente' alle dimissioni nonche' nell'essere stato 'ispiratore e vero deus ex machina' in una operazione che ha condotto all'elaborazione del dossier denominato 'Relazione Generale del Liquidatore sulla Gestione Straordinaria del Casino de la Vallée, meglio noto come Dossier Bo''.

Per i firmatari della mozione, ''la vicenda processuale si qualifica pertanto come azione volta ad accertare la responsabilita' personale del dottor Marguerettaz e a conseguirne la condanna al risarcimento di danni provocati all'infuori dell'attivita' amministrativa della regione o comunque attraverso l'uso distorto delle sue prerogative di amministratore pubblico''. La mozione giunge quindi alla conclusione che ''conseguenza naturale di tali comportamenti, se ne fosse ravvisata la fondatezza, sarebbe la costituzione in giudizio della Regione contro il proprio assessore e non gia' a sostegno o in garanzia dello stesso''.(ANSA).

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
raimondo








Registrato: 04/01/07 11:37
Messaggi: 216
raimondo is offline 






MessaggioInviato: Sab Mar 26, 2011 9:17 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

AaostaSera.it 25/03/2011 ha scritto:
Alpe e Pd chiedono la sfiducia di Maguerettaz.
E intanto la Regione si costituisce in giudizio

Aosta - Nel frattempo la giunta ha approvato la costituzione in causa nel procedimento civile
intentato da Roberto Trentaz, ex ad della gestione straordinaria del Casino de la Vallée contro Marguerettaz.


L'assessore al Turismo, sport, trasporti e commercio Aurelio Marguerettaz ha "un sostanziale e insanabile conflitto di interessi con la Regione": per questo Alpe e Partito Democratico presenteranno, nel prossimo Consiglio regionale, una mozione di sfiducia, la prima della storia valdostana per un singolo assessore.

In mattinata, la giunta ha approvato la costituzione in causa nel procedimento civile intentato da Roberto Trentaz, ex amministratore delegato della gestione straordinaria del Casino de la Vallée contro Marguerettaz e il liquidatore della gestione straordinaria Romano Bo. “Marguerettaz - ha ribadito oggi Rollandin - ha operato in quanto responsabile delle questioni relative al Casinò: dunque la Regione tiene conto di questo e presenta le proprie controdeduzioni su argomenti che coinvolgono l’amministrazione regionale” (si veda, a riguardo l'articolo correlato).
Alpe e Pd chiedono la cessazione della carica di assessore e di conferire l'interim delle deleghe di governo al presidente della Regione.
"E' grave che un cittadino si faccia scudo del suo ruolo pubblico e politico - ha commentato Raimondo Donzel, consigliere regionale e segretario del Pd valdostano - e non vorrei che alcuni modelli romani diventino modelli anche chez nous". Poi, una stoccata: "E' stupefacente che in tre mesi Marguerettaz abbia scritto oltre cento lettere ai membri del consiglio di amministrazione del casinò, mentre per risolvere i problemi della ferrovia è riuscito a scriverne una. Si comprendono quali sono le priorità di questo governoregionale: c'è un'accelerazione fulminea quando c'è un interesse, altrimenti ci si impantana nella burocrazia".

Per Louvin,
"la situazione è paradossale: un esponente del governo regionale si trova in posizione di lite pendente fra l'amministrazione e l'ente che amministra: un uso distorto delle sue funzioni". L'opposizione in Consiglio regionale non è entrata nel merito della vicenda giudiziaria tra Marguerettaz e Trentaz: "La giustizia civile farà il suo corso - ha aggiunto Louvin - ma è rilevante la responsabilità personale del dottor Marguerettaz. La sfiducia è una scelta estrema, ma non abbiamo ottenuto le dovute risposte nell'ultima seduta del Consiglio Valle, e oggi la giunta ha manifestato la sua volontà di fare da paravento per una vicenda in cui servirebbe chiarezza"

di Alessandro Mano



Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


La Stampa 26.03.2011 ha scritto:
IL CASO. LA REGIONE SI COSTITUISCE IN GIUDIZIO NEL PROCESSO INTENTATO DA TRENTAZ
Uno “scudo” per Marguerettaz
Mozione di sfiducia di Alpe e Pd: “Insanabile conflitto di interessi”

AOSTA
La Regione farà parte del processo civile Trentaz-Marguerettaz. E l’opposizione (Alpe e Pd), indignata «per lo scudo offerto all’assessore»presenta una mozione di sfiducia nei confronti di Aurelio Marguerettaz per un «sostanziale e insanabile conflitto di interessi». Spiega: «Se fosse ravvisata la fondatezza dei comportamenti illegittimi, la conseguenza naturale sarebbe la costituzione in giudizio della Regione contro il proprio assessore e non a sostegno dello stesso».Tutto accade in poche ore. Al mattino la giunta approva all’unanimità la delibera proposta dal presidente Augusto Rollandin. Nel pomeriggio i due gruppi di opposizione decidono di presentare la mozione di sfiducia. Lunedì alle 10,30 sarà discussa dai capigruppo.

La lite giudiziaria è quella tra Roberto Trentaz, ex direttore generale del Casinò, contro il vicepresidente e assessore Aurelio Marguerettaz e Romano Bo, liquidatore della Gestione straordinaria. L’ex manager chiede oltre un milione di danni perché indotto alle dimissioni da comportamenti illegittimi di Marguerettaz. L’assessore non solo respinge le accuse, vuole a sua volta un risarcimento danni per essere stato citato in giudizio e chiede al giudice che Trentaz sia condannato per lite temeraria, cioè pretestuosa. La vicenda da giudiziaria diventa politica perché Marguerettaz chiama in causa la Regione. I suoi avvocati chiedono al giudice di ritenerlo «indenne e manlevato da ogni somma di cui egli fosse eventualmente condannato al pagamento». Cioè siano Regione e le compagnie assicurative a pagare «nella denegata ipotesi di accoglimento anche parziale» delle richieste di Trentaz. Il motivo: «Tutte le iniziative svolte da Marguerettaz sono state nell’ambito della linea politica programmatica e operativa della giunta regionale ed, in molti casi, sono conseguenza anche del dibattito consiliare e delle interrogazioni della minoranza».

Marguerettaz agiva come assessore, quindi le sue responsabilità deriverebbero dal mandato di governo. Gli avvocati di Trentaz non l’hanno citato come assessore, ma come persona che avrebbe approfittato del suo incarico per spingere il manager alle dimissioni. Scrivono: «Ad essere in contestazione non è la legittima aspirazione politica degli organi di governo regionale di affidare la gestione della società a persone che godano della stima e della fiducia della maggioranza politica che la sostiene, bensì le modalità attraverso cui questo scopo è stato perseguito, modalità che hanno costretto Trentaz non solo ad abbandonare prematuramente gli incarichi di consigliere e di amministratore delegato, ma anche ad interrompere consensualmente (ma non per questo meno bruscamente ed obtorto collo) il rapporto di lavoro dirigenziale».

L’opposizione nel chiedere le dimissioni di Marguerettaz cita le sue cento lettere di chiarimenti indirizzate a Trentaz in tre mesi. «Magari si fosse impegnato così per la ferrovia», commenta Raimondo Donzel, segretario del Pd. Roberto Louvin, capogruppo di Alpe, spiega: «La mozione di sfiducia è un atto estremo per una situazione molto grave». Nella mozione si legge: «Situazione paradossale, un esponenente di vertice del governo che cita in giudizio la sua stessa amministrazione. L’azione processuale è volta ad accertare le responsabilità personali di Marguerettaz al di fuori dall’attività amministrativa o comunque attraverso l’uso distorto delle sue prerogative di amministratore pubblico».


ENRICO MARTINET

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
«[...] Oggi vi dico, amici, non indugiamo nella valle della disperazione, anche di fronte alle difficoltà dell'oggi e di domani, ho ancora un sogno. [...] Martin Luther King jr. (28 agosto 1963)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Dom Mar 27, 2011 4:48 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Enrico Tibaldi ha scritto:
La querela di WGP, un'arma a doppio taglio

Mi hanno dedicato una conferenza stampa a tutto tondo per annunciarmi una querela. Avrei diffamato, secondo la loro tesi, Water Gen Power (WGP), la società genovese che intermedia la fornitura del materiale e delle tecnologie di fabbricazione cinese per conto della Compagnia Valdostana delle Acque (CVA).

Mi occupo da sempre dell’azienda elettrica valdostana, non solo perché il settore energetico mi appassiona, ma soprattutto perché essa appartiene di fatto a tutti i valdostani, anche se nella formula della società per azioni a partecipazione pubblica: il suo buon funzionamento deve essere quindi degno dell’attenzione di chi siede in Consiglio Valle. Essendo giornalista soffro poi di una spiccata curiosità nei confronti di quelle situazioni che non sono immediatamente nitide e trasparenti.

Ho presentato numerose iniziative sull’attività di CVA per fare luce su certi aspetti che riguardano proprio l’approvvigionamento di tecnologia cinese per il rinnovo delle nostre centrali. L’ultima, in ordine di tempo, è un’interrogazione a risposta immediata del 9 marzo scorso nella quale ho evidenziato alcune circostanze piuttosto inconsuete che si stavano verificando nell’impianto di Champagne II (Villeneuve).
Se vuoi leggere tutto l'articolo clicca sul seguente link:





Gentile Enrico Tibaldi,
come lei forse saprà io faccio parte di un partito che assieme a Raimondo Donzel sta cercando di portare una ventata di aria fresca in Valle. Anche se a dire il vero l’aria che sta tirando qui da un pò di tempo e assai “gelida” e di primavera politica non si riesce ancora a parlare. Tuttavia sappia che lei è nei miei pensieri per la buona dose di coraggio che ha avuto nel denunciare questa strana anomalia battezzata come Water Gen Power (WGP), Personalmente mi rifaccio all’episodio dei “ signori ” impegnati nel consiglio direttivo dell’Autostrada. Loro non hanno fatto il proprio dovere, nel difendere gli interessi della popolazione valdostana, e quasi quasi vengono assolti con onore. Lei che ha avuto la forza e la dignità di esporsi per difendere l’azienda elettrica valdostana e perché ne ha le competenze, viene subito preso di mira

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Dom Mar 27, 2011 5:21 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa 27.03.2011 ha scritto:
Sav, tutti al loro posto dopo la bufera-rincari
AOSTA
Ribadiamo la fiducia ai nostri rappresentanti nelle società di gestione delle tratte autostradali Aosta-Courmayeur (Rav) e Aosta-Quincinetto (Sav)».

E’ la frase con la quale il 10 febbraio scorso il presidente della Regione Augusto Rollandin, nell’aula consiliare, aveva chiuso un lungo e acceso dibattito su una risoluzione presentata dal gruppo Alpe a proposito dei rincari, definiti «abnormi e iniqui» scattati il 1˚ gennaio di quest’anno sui percorsi autostradali in Valle. La risoluzione, in cui peraltro si chiedeva la revoca del mandato dei rappresentanti regionali in seno al Cda di Sav, era stata bocciata dalla maggioranza rinforzata già allora dal Pdl.

Ora, per quanto riguarda la Sav, prima società delle due i cui incarichi erano in scadenza, la fiducia espressa da Rollandin è stata in gran parte confermata. Venerdì la giunta ha confermato nell’incarico di rappresentanti della Regione nel consiglio di amministrazione di Sav sia il presidente uscente Domenico Calza sia i consiglieri Jean Claude Favre e Luca Zuccolotto. Fine dell’avventura nel cda di Sav, invece, per Marino Renghi, sostituito da Massimo Gaudio. Il rinnovo della compagine regionale in Sav ha interessato anche i revisori dei conti, ruoli per i quali sono stati indicati Stefano Fracasso in qualità di componente effettivo e Jean-Claude Mochet come supplente.

Le critiche maggiori contenute nella risoluzione si erano appuntate sui rappresentanti regionali di Sav e in particolare sul presidente uscente Domenico Calza, reo di avere espresso parere favorevole agli aumenti. Il consiglio di amministrazione di Sav spa, società nella quale la Regione ha quote azionarie pari al 28,72 per cento e che dal 2005 al 2009 ha dichiarato utili per oltre 25 milioni di euro dei quali 6 finiti nella casse regionali, aveva votato (con l’assenso dei rappresentanti regionali) a favore di aumenti dei pedaggi pari al 18,95 per cento, un record italiano.

Per il momento la giunta regionale non si è occupata del rinnovo dei rappresentanti nel consiglio di amministrazione della Rav spa, il cui cda scadrà soltanto il 31 dicembre. Nella società Rav, che gestisce la tratta autostradale Aosta-Courmayeur, la Regione ha una partecipazione azionaria del 42 per cento, e i rappresentanti regionali, dal presidente Pierluigi Marquis ai consiglieri Piero Bal e Eugenio Torri, avevano detto «sì» a un aumento dei pedaggi che aveva toccato quota 14,15 per cento.
"FIDUCIA RIBADITA"
"La Regione conferma tre nomi su 4 nel Cda Se ne va solo Renghi"
ALESSANDRO CAMERA


Eccola, calda calda la risposta di facciata e istituzionale di cui sopra al consigliere Enrico Tibaldi.
Tuuta la mia solidarietà!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Mar 29, 2011 4:14 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa 27.03.2011 ha scritto:
QUANDO IL POTERE PERDE LA BUSSOLA

Etica. Parola cancellata e non soltanto dalla politica. La vicenda giudiziaria che ha coinvolto il vicepresidente della Regione Aurelio Marguerettaz e che, per sua scelta, si è allargata all’Amministrazione regionale, è esemplare di come il potere abbia perduto la bussola. Nel senso che ha dimenticato una delle regole ferree della propria sopravvivenza, cioè la protezione da se stesso, dalla propensione a un’egemonia totalizzante che rischia di annientarlo. Marguerettaz è stato denunciato dall’ex direttore del Casinò Roberto Trentaz che lo accusa di averlo costretto alle dimissioni con atti illegittimi.

Marguerettaz dice il contrario, ma chi abbia ragione non ha alcuna importanza. Lo sfondo politico della vicenda è più che evidente. Riguarda i ruoli che la politica si ritaglia nominando suoi esponenti a guidare ogni cosa, da un canale irriguo a un’azienda, oppure individuando manager targati. L’involontario comportamento suicida del potere avviene quando esaspera la sua forza contornandosi di boiardi più o meno potenti. La politica ha scambiato la fiducia con l’appartenenza partitica o il servilismo. Si offre l’incarico al collega di partito o di maggioranza da premiare o da recuperare, oppure si cerca un uomo di provata fedeltà. In tal modo appare logico che ogni governo spazzi gli incarichi del passato e sostituisca i manager con altri. Così è avvenuto nella vicenda Trentaz, premiato dal governo Viérin e bocciato da quello guidato da Perrin che aveva affidato il dossier Casinò a Marguerettaz. Il sistema di eliminazione degli avversari è gonfio di incognite: non promette etica ma vendetta.
ENRICO MARTINET



Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Questo è un articolo che fa onore al giornalista ENRICO MARTINET . Finalmente qualcosa si sta muovendo anche in Valle d'Aosta?

12 VdA.it ha scritto:



_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Mar 29, 2011 5:04 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa 29.03.2011 ha scritto:
POLEMICA
Tibaldi ribatte a Wgp “Si svelano verità scomode”

[C. P.]

«Un’arma a doppio taglio». Il consigliere del Pdl, Enrico Tibaldi, parla in questi termini della querela per diffamazione annunciata dalla Water Gen Power nei suoi confronti. La Water Gen Power è la società di Genova che fornisce materiale cinese a diverse centrali della Cva, in particolare quella di Champagne I a Villeneuve. Tibaldi scrive nel suo blog cosa intende per arma a doppio taglio: «Il querelante è spesso convinto di impugnare il manico e non si rende conto che ha la lama che lo minaccia. Se la mia denuncia sui fatti e misfatti accaduti si è consumata nella sola sede politica – il Consiglio regionale, appunto – e le mie affermazioni e considerazioni consapevoli, poiché fondate su elementi certi, sono state rese tutte in aula, ora la questione assurgerà alla conoscenza della magistratura, ambito nel quale c’è il rischio per il querelante di trovarsi di fronte a sorprese inattese o a verità scomode». Tibaldi rincara la dose: «Una recente visura camerale mi ha permesso, tra l’altro, di appurare che la premiata e referenziata ditta Wgp è stata costituita nell’agosto 2008 (un mese dopo l’insediamento della giunta Rollandin), ha un capitale sociale di 10 mila euro e un dipendente in organico, ma gestisce commesse milionarie per conto di Cva». Tibaldi sottolinea infine una «coincidenza»: «La querela giunge pochi giorni prima dell’allargamento della maggioranza al Pdl in Regione, ipotesi nei confronti della quale ho sempre espresso a viva voce le mie perplessità, che peraltro mantengo. Sarà un caso, ma la coincidenza temporale di certe azioni nutre nei miei pensieri più di un sospetto. In questi giorni la grancassa mediatica ha dato fiato alle trombe di Mario Bianchi. Io attendo serenamente la notifica dell’avvio del procedimento e mi riservo di suonare le campane a giochi conclusi».
"Il consigliere regionale querelato dall’azienda accusata di fornire pezzi arrugginiti a Cva"


Prosegue la "polemica"

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli


Ultima modifica di giorgio il Ven Mag 06, 2011 12:40 am, modificato 3 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Mar 29, 2011 5:19 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa 29.03.2011 ha scritto:
REGIONE. SARÀ DISCUSSA IN AULA LA MOZIONE DI SFIDUCIA DI PD E ALPE
Marguerettaz, verdetto il 6 aprile


Il presidente Alberto Cerise guida il Consiglio regionale Ha spiegato come saranno organizzati i lavori della prossima seduta
L’assessore Aurelio Marguerettaz responsabile di Turismo e Trasporti La mozione di sfiducia di Alpe e Pd è stata presentata venerdì

L’«affaire Marguerettaz» sbarcherà in Consiglio regionale già nella prossima seduta, fissata per mercoledì 6 aprile, quando sarà discussa la mozione di sfiducia nei confronti dell’attuale assessore al Turismo e Trasporti firmata da Alpe e Pd. Lo hanno deciso i capigruppo delle forze politiche rappresentate in assemblea, che si sono riuniti ieri mattina. «La mozione – spiega il presidente del Consiglio, Alberto Cerise – sarà discussa nel corso della prossima adunanza. La Conferenza dei capigruppo ha deciso di inserirla al punto quattro all’ordine del giorno, immediatamente dopo le comunicazioni dei presidenti del Consiglio e della Regione e le eventuali interrogazioni a risposta immediata».

La mozione di sfiducia di Alpe e Pd, motivata dai proponenti sulla base di «un sostanziale e insanabile conflitto di interessi» tra l’assessore e la Regione, è stata presentata venerdì scorso, dopo la decisione della giunta regionale di costituirsi in giudizio nel procedimento relativo alla causa civile intentata dall’ex amministratore del Casinò de la Vallée, Roberto Trentaz, nei confronti di Aurelio Marguerettaz, all’epoca assessore alle Finanze, oltre che contro il liquidatore di «Gestione straordinaria» Romano Bo. Secondo Trentaz, che chiede quasi 900 mila euro di danni, il suo allontanamento sarebbe stato determinato dalle pressioni dello stesso Marguerettaz il quale, secondo il presidente della Regione Augusto Rollandin, avrebbe agito «nell’esercizio della sue funzioni di assessore».

La mozione di sfiducia è uno strumento che non è mai stato utilizzato finora nei lavori del Consiglio regionale della Valle d’Aosta. È stata introdotta, infatti, con la nuova legge elettorale che ha ricevuto il via libera nel 2007. Per essere approvata, deve conquistare la maggioranza assoluta dei consiglieri, che si esprimeranno per appello nominale.
[D. M.]
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mer Apr 20, 2011 7:30 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

AostaSera.it 20/04/2011 ha scritto:
La Valle conferma la candidatura per la Coppa del mondo del 2016
Aosta - Lo ha ribadito l’assessore regionale al Turismo, Aurelio Marguerettaz, durante i lavori del Consiglio regionale di oggi, rispondendo ad una interpellanza del Partito Democratico.

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

La Valle d’Aosta conferma la propria candidatura per ospitare le finali di sci alpino del 2016. Lo ha ribadito l’assessore regionale al Turismo, Aurelio Marguerettaz, durante i lavori del Consiglio regionale di oggi, rispondendo ad una interpellanza del Partito Democratico. “Ci siamo mossi subito - ha dichiarato Marguerettaz - e a febbraio abbiamo messo intorno al tavolo tutti i soggetti coinvolti, dagli albergatori agli Enti locali, perché questo è un lavoro che non può essere svolto in solitudine. Dato che per un progetto del genere ci vogliono come minimo cinque milioni di euro, abbiamo chiesto ai nostri operatori se volevano partecipare a questa scommessa, perché è tutta la Valle d'Aosta che deve muoversi”.

“Se siamo ancora nella fase di acquisizione delle risposte - ha replicato il consigliere PD Raimondo Donzel - e se gli operatori del settore devono essere convinti dell'importanza della Coppa del Mondo in Valle d'Aosta, credo ci debba essere un lavoro maggiore: la politica ha il compito di unire i soggetti per conseguire gli obiettivi. Resta il fatto che in stazioni sciistiche, anche minori, si svolgono diverse gare di Coppa del Mondo."

di Domenico Albiero

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mer Apr 20, 2011 8:10 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

12VdA Mercoledì 20 Aprile 2011 10:00 ha scritto:
Dopo il finanziamento di 230 mezzi,
esauriti i fondi disponibili per l'acquisto di nuove attrezzature agricole


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Un trattore agricolo

Nei primi mesi del 2011 sono state presentate sessanta domande per i contributi per trattori nuovi all'Assessorato regionale all'agricoltura e risorse naturali che hanno costretto l'Ufficio servizi zootecnici del Dipartimento agricoltura a sospendere momentaneamente l’accoglimento delle domande di contributi: «i fondi previsti, di circa un milione di euro - spiega l'assessore Giuseppe Isabellon - sono esauriti e con essi sono state finanziate 230 richieste. C'è, comunque, l'intenzione di rifinanziare il capitolo per rendere disponibili ulteriori fondi in tempi brevi».

Le modalità di ottenimento di contributi per l'acquisto di macchine e attrezzi agricoli sono state l'argomento di un'interrogazione con risposta immediata presentata dal consigliere Raimondo Donzel del Partito Democratico, in apertura della riunione del Consiglio Valle di mercoledì 20 aprile: «sollecitiamo per l'ennesima volta - ha dichiarato in aula Donzel - un problema che è ormai costante e cioè l'assenza del Governo su questioni rilevanti. La situazione è completamente sfuggita di mano. Meno male che tutto funzionava bene e che si era già intervenuti con tempestività. E' quindi un'invenzione della minoranza sottolineare che ci sono problemi nel settore agricolo per la sostituzione dei mezzi. Bisogna, invece, prendere atto che esistono piccole realtà che hanno grandi difficoltà a cambiare gli attrezzi e molte di queste decidono di chiudere l'attività. I sessanta trattori nuovi sono stati autorizzati dal Governo regionale e questo significa che i richiedenti ne avevano diritto e non è per un loro piacere».
Scritto da douze

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Ven Apr 22, 2011 12:22 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

giorgio ha scritto:
La Stampa 29.03.2011 ha scritto:
POLEMICA
Tibaldi ribatte a Wgp “Si svelano verità scomode”

«Un’arma a doppio taglio». Il consigliere del Pdl, Enrico Tibaldi, parla in questi termini della querela per diffamazione annunciata dalla Water Gen Power nei suoi confronti. La Water Gen Power è la società di Genova che fornisce materiale cinese a diverse centrali della Cva, in particolare quella di Champagne I a Villeneuve. Tibaldi scrive nel suo blog cosa intende per arma a doppio taglio: «Il querelante è spesso convinto di impugnare il manico e non si rende conto che ha la lama che lo minaccia. Se la mia denuncia sui fatti e misfatti accaduti si è consumata nella sola sede politica – il Consiglio regionale, appunto – e le mie affermazioni e considerazioni consapevoli, poiché fondate su elementi certi, sono state rese tutte in aula, ora la questione assurgerà alla conoscenza della magistratura, ambito nel quale c’è il rischio per il querelante di trovarsi di fronte a sorprese inattese o a verità scomode». Tibaldi rincara la dose: «Una recente visura camerale mi ha permesso, tra l’altro, di appurare che la premiata e referenziata ditta Wgp è stata costituita nell’agosto 2008 (un mese dopo l’insediamento della giunta Rollandin), ha un capitale sociale di 10 mila euro e un dipendente in organico, ma gestisce commesse milionarie per conto di Cva». Tibaldi sottolinea infine una «coincidenza»: «La querela giunge pochi giorni prima dell’allargamento della maggioranza al Pdl in Regione, ipotesi nei confronti della quale ho sempre espresso a viva voce le mie perplessità, che peraltro mantengo. Sarà un caso, ma la coincidenza temporale di certe azioni nutre nei miei pensieri più di un sospetto. In questi giorni la grancassa mediatica ha dato fiato alle trombe di Mario Bianchi. Io attendo serenamente la notifica dell’avvio del procedimento e mi riservo di suonare le campane a giochi conclusi».
"Il consigliere regionale querelato dall’azienda accusata di fornire pezzi arrugginiti a Cva"

Prosegue la "polemica"

La Stampa 22.04.2011 ha scritto:
Cva compra l’azienda che tratta con la Cina
Acquisito il 35 per cento della società intermediaria delle turbine “arrugginite”
VILLENEUVE - Scontro Enrico Tibaldi ha presentato iniziative in Consiglio regionale per contestare le forniture di Gen Power alla centrale di Champagne
Alla guida Mario Bianchi è il presidente di Water Gen Power azienda che fornisce materiali alla Compagnia Valdostana delle Acque
Ruggine su un macchinario arrivato alla centrale di Champagne

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Il feeling tra la Compagnia valdostana delle acque e la Water Gen Power si è trasformato in matrimonio: la Cva ha acquisito il 35 per cento dell’azienda genovese con cui collabora già da alcuni anni. La Wgp era salita alla ribalta della cronaca dopo le interrogazioni del consigliere del Pdl Enrico Tibaldi, che aveva puntato il dito contro il materiale cinese de lei fornito, definito «scadente e arrugginito». La collaborazione tra Cva e Wgp era partita nel 2009. Wgp aveva all’epoca un fatturato di soli 6 mila euro, e pur avendo pochi mesi di vita (era nata il 5 novembre 2008) si era aggiudicata una commessa da 15 milioni di euro della controllata regionale per la sostituzione di impianti e turbine in varie centrali. Oggi il capitale sociale è di 60 mila euro e fa capo a tre soggetti: Mario Bianchi, che è anche il presidente e l’amministratore delegato, ha una quota pari a 19.500 euro; altrettanto detiene il consorzio Bbc (Lodi), mentre la quota maggiore è in mano a Cva, con 21 mila euro. La variazione di quote sociali risale al 15 marzo, e tutto è stato depositato il 4 aprile. Bianchi rimane il presidente, ma un uomo Cva, Paolo Giachino (è il vicepresidente e Ad di Cva trading) lo affiancherà in qualità di vice. Nel consiglio di amministrazione ci sono due consiglieri, Riccardo Beretti (rappresentante di commercio di Lodi) e Gianmaria Gabrieli (ex Ansaldo), che è anche direttore tecnico.
Lo stesso Mario Bianchi conferma le novità e spiega: «La collaborazione tra Cva e Wgp si è sviluppata in maniera ottimale. In questo modo miriamo a potenziare la sinergia tra le due ingegnerie. Per noi è un passo importante, anche perché Cva ha 30 centrali e il nostro interesse è di affermarci sul mercato internazionale. Riteniamo che l’esperienza della Compagnia valdostana delle acque possa essere di forte aiuto». A inizio marzo Tibaldi in Consiglio regionale aveva chiesto al presidente Rollandin spiegazioni sui ritardi e sulla qualità del materiale fornito dalla Wgp per l’impianto di Champagne 1, a Villeneuve. Il 25 marzo, Bianchi e Gabrieli erano arrivati in Valle, rispondendo alle accuse del consigliere e annunciano di volerlo querelare per diffamazione continuata mezzo stampa. All’epoca la Wgp era già partecipata da Cva da 10 giorni. Di fatto, a querelare il consigliere regionale è stata una partecipata della Cva e, quindi, della Regione.
Il colosso valdostano dell’energia rinsalda i suoi rapporti con la Cina da dove, con ogni probabilità, continuerà ad arrivare materiale. La Wgp è infatti alleata con la Chongquing Water Works. Nel frattempo Tibaldi è entrato in maggioranza, ma la sua posizione non cambia. Martedì il presidente Rollandin, un gruppo di consiglieri regionali e i vertici della Cva sono andati in visita alla centrale di Chavonne. A comunicarlo è Tibaldi che sul suo blog parla di una «gita di propaganda alla centrale di Champagne» e aggiunge: «Mi sembrava più corretto promuovere una seduta della Commissione consiliare competente, durante la quale si potessero effettuare domande e acquisire risposte ed altri elementi utili di conoscenza, nei confrontidei quali gli addetti alle funzioni di segreteria avrebbero provveduto alle necessarie verbalizzazioni e registrazioni.Il mio invito, formulato ieri (lunedì, ndr) nella riunione preconsiliare di maggioranza, è stato cortesemente respinto. Un buon inizio, non c’è che dire». Passata la «gita», Tibaldi continua a rimanere perplesso: «C’erano dei pezzi ancora arrugginiti, anche se la gran parte era stata verniciata di fresco e ben illuminata. Una cosa è sicura – dice in tono ironico – abbiamo rischiato un’intossicazione tanto era forte l’odore di vernice».
"POLEMICHE POLITICHE Tibaldi aveva contestato le forniture della Wgp ed era stato querelato"
"OBIETTIVO SINERGIA Il presidente Mario Bianchi «È un passo importante per affermarci sul mercato»"
[C. P.]

A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca (Giulio Andreotti). Da poco mi hanno detto che la frase non è di Andreotti, ma è del Cardinale Mazzarino alla corte di Francia. Tuttavia alla fine vuol dire : "Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio"

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Sab Apr 30, 2011 6:23 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa 30.04.2011 ha scritto:
POLEMICA. DURA REAZIONE DEI MEDICI DEL SINDACATO SUMAI
“L’Usl racconta il falso sui dentisti pubblici”
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Il dottor Massimo Ferrero

La notizia di una rivoluzione del servizio pubblico odontoiatrico? È falsa, secondo i medici ambulatoriali aderenti al Sumai, sindacato unico di medicina ambulatoriale, che accusano il primario del reparto di Odontoiatria e Odontostomatologia del Parini, Paolo Canzi, di aver detto cose non vere in una conferenza stampa. «L’affermazione del dottor Canzi - spiega il segretario regionale del sindacato Massimo Ferrero - che nel settore dell’odontoiatria pubblica valdostana sia in atto una rivoluzione che non ha eguali in altre regioni italiane è palesemente immotivata e non può essere che riferita alla sua totale incompetenza in materia odontoiatrica, in quanto la specializzazione in Otorinolaringoiatria da lui conseguita non consente di accedere a nessun concorso per dirigente di strutture pubbliche di odontoiatria né di praticare in alcun modo attività odontoiatriche».

Sulle affermazioni del direttore generale dell’Usl Stefania Riccardi e di Canzi sull’incremento delle visite e degli interventi chirurgici in otorinolaringoiatria, il sindacato precisa: «Il fatto che sia triplicata l’attività odontoiatrica non corrisponde al vero, quanto piuttosto il fatto che sono stati chiusi gli ambulatori Usl di Morgex e Châtillon». I medici aderenti al sindacato chiedono una rettifica da parte del primario e della direzione Usl precisando che «gli odontoiatri ambulatoriali hanno garantito negli anni una risposta qualitativamente valida alle richieste dei cittadini valdostani e il maldestro tentativo di screditare il lavoro svolto negli anni passati viene smentito dalle statistiche ufficiali». E concludono chiedendo «che le risorse disponibili vengano utilizzate per fornire di attrezzature e di personale qualificato gli ambulatori del territorio. Una “odontoiatria di serie A” implica un’equipe odontoiatrica e materiali adeguati, non passerelle pubblicitarie a uso dei media».
[L. S.]


Un caro amico che già scrive su questo forum potrebbe intervenire e con la sua esperienza potrebbe senza dubbio darci dei ragguagli precisi nel merito.
Speriamo che anche lui come Erika rifaccia ritorno come il figliol prodigo. Stiamo assistendo ad un attacco di carie generalizzato che sta distruggendo tutto dai denti al "camper tecnologico".

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
paolog







Età: 66
Registrato: 03/01/07 17:55
Messaggi: 196
paolog is offline 






MessaggioInviato: Sab Apr 30, 2011 11:49 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

L'amico e compagno Giorgio mi ha tirato pacatamente per la giacchetta, dunque come non rispondergli!

Penso che il Dott. Ferrero abbia ragione quando ci riferisce della chiusura dei due ambulatori Odontoiatrici di Morgex "distretto 1" e di Chatillon "distretto 3". Già due anni fa il sottoscritto - delegato Rsu Cgil dell’Asl valdostana - fece presente ai direttori di Distretto che con poche migliaia di euro e con il reincarico ad un medico Odontoiatra (in sostituzione del dr. Guglielminotti pensionato per raggiunti limiti di età), si poteva rimettere in funzione entrambi gli ambulatori sopra citati. Con questo piccolo escamotage saremmo ritornati a rispondere, con il minimo sforzo, alla domanda pressante e sempre attuale di odontoiatria per una larga fascia di cittadini valdostani.

Si è voluto invece spendere denaro pubblico (...e molto) per mettere in atto un progetto che vedeva l’uso di un camper attrezzato per visitare tutti gli anziani delle micro comunità. Questo, si dice!

Ora anche ad un profano, salta subito all'occhio dell'inadeguatezza del “camper”, perché per visitare le persone anziane, con i gradini da fargli “scalare”, gli spazi angusti e ristretti da gestire e una simil-poltroncina al posto di un lettino per le visite, ripeto, salta subito agli occhi come le cosiddette barriere architettoniche siano diventate solo degli optional. Mi domando come faranno gli anziani in carrozzella, allettati o con handicap motori ecc.ecc., ad essere visitati su questo camper. Un mezzo che, per quanto mi risulta, sembra già essere rotto dopo poche uscite sul territorio. Sulle affermazioni del Primario Otorino dr. Canzi e del Direttore generale Asl, d.sa. Riccardi, per ora non posso dare un giudizio personale, visto che non sono a conoscenza di tutti i dettagli. Posso però affermare che per visitare gli anziani delle microcomunità poteva bastare un medico specialista odonto o otorino automunito, cosa assai più logica.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
AREA DEMOCRATICA
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Dom Mag 01, 2011 5:53 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa 01.05.2011 ha scritto:
LA POLEMICA
“L’Usl dimentica di informarci che ha chiuso due ambulatori”
«E’ grave e ingannevole fare una conferenza stampa per presentare l’innovativa attività odontoiatrica pubblica e casualmente dimenticarsi di informare i cittadini che un ambulatorio in Alta Valle ed uno in Bassa Valle sono stati chiusi». Le associazioni Cittadinanzattiva e Tribunale per i diritti del malato intervengono nella polemica sollevata dal Sumai, il sindacato dei medici ambulatoriali che ha bollato come «false le affermazioni fatte dall’Usl e dal dottor Paolo Canzi (primario di otorinolaringoiatria e odontostomatologia del Parini, ndr) in una conferenza stampa convocata per presentare l’attività del reparto». Secondo il Sumai «non si è triplicata l’attività odontoiatrica pubblica. Anzi, sono stati chiusi gli ambulatori di Morgex e Châtillon, senza che la popolazione ne abbia avuta debita informazione».

Le due associazioni si chiedono se i cittadini siano stati informati e propongono, come precisa il segretario di Cittadinanzattiva Paola Giordano «di collaborare perché si realizzino servizi utili e non banali e costose campagne pubblicitarie che riempiono solo le tasche di chi le promuove. Sarà nostra premura monitorare tali servizi e confrontarci con l’Usl affinché recepisca i reali bisogni dell’utenza e non solo le interessanti proposte di certi direttori di struttura complessa».
[L. S.]



Bene, come potete notare la tirata per la giacchetta fatta dal sottoscritto a Paolog si è dimostrata assai costruttiva e interessante visto quello che è stato scritto proprio da Paolo. Mica male la sua posizione che da tempo è stata più chiara che mai. Alla luce poi di quello che sta capitando sui media, vedi ad esempio questo articolo, come non fare i complimenti a Paolo che ha senza dubbio anticipato una stato di fatto che dire "cariato" sembra solo un vocabolo eufemistico.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
paolog







Età: 66
Registrato: 03/01/07 17:55
Messaggi: 196
paolog is offline 






MessaggioInviato: Mer Mag 04, 2011 9:09 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Questo mio messaggio che fa seguito al precedente del Sabato 30.04. 2011 non vuole in alcun caso entrare nel merito della diatriba che è sorta tra il dott. Canzi e il dott. Ferrero. Il perché è presto detto e proprio per questo abbiamo discusso il caso sia con l’amico Giorgio, ma soprattutto con altri compagni preparati e acculturati sul caso specifico. Ci sembra in effetti più una resa dei conti fra medici, che una reale voglia di migliorare il problema dell'odontoiatria pubblica valdostana che mira anche al sociale. Però visto che il coperchio è stato sollevato e “buttando un occhio” dentro la pentola io non ho riscontrato alcunché, tanto meno la volontà di risolvere i reali problemi dei cittadini, abbiamo preso una decisione.
Noi come Partito democratico, rappresentato dalla consigliera Fontana, venerdì 06/05/2011 faremo un'interpellanza sull’argomento. Naturalmente con l’auspicio che Rsu della Cgil abbia messo al corrente il responsabile "f.p." J.P. Guichardaz affinché lo metta in agenda per un dialogo con l'Asl.
Cosa vorremmo, cosa chiediamo? Visto che il camper sarà rimesso in grado di funzionare, visto che verranno fatte ( cosa più razionale ) delle visite specialistiche ai bambini delle scuole primarie, chiediamo all'Azienda e all'Assessorato alla sanità di prendere in considerazione che alcune ricerche portano a dire che l'80% dei bambini necessita dell’ apparecchio per ortodonzia. Preso atto di questo fenomeno, la regione, intervenga con un bonus mirato e si prenda carico l’onere di coprire in maniera adeguata il costo dell'apparecchio ortodontico.
Alle famiglie valdostane con figli a carico e con un reddito medio da specificare dovrà andare questo “bonus”, mentre il costo per le famiglie a basso reddito ( Isi bassa, ecc. ) dovrà essere gratuito. Non vorrei sbagliarmi, ma il contributo regionale per l'apparecchio ortodontico pare ammontare a 700 euro, ma non sò specificare se è per tutte le famiglie, o a quelle con un reddito basso.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
AREA DEMOCRATICA
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12, 13  Successivo
Pagina 11 di 13

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008