Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Il fenomeno Lega
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno

Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12, 13, 14  Successivo
 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Ago 16, 2011 10:50 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Leggo diversi giornali, ma frequento anche le discussioni sul web dalla metà degli anni '90. In questi quindici, venti anni non è cambiato soltanto il modo di discutere sulle mailing-list e sui forum, ma ancora di più è cambiato il clima e lo stile politico, il linguaggio della comunicazione. Direi che - limitatamente ai forum - è cambiato anche il modo di essere troll e di fare i provocatori. Una mutazione che non è da imputare, nelle cause di lungo respiro, a personaggi o ambienti specifici, ma che personaggi e ambienti ben precisi hanno testimoniato e rafforzato.

L'avvento della Lega e quello del marketing-style berlusconiano hanno introdotto - "sdoganato", come si usa dire - la battuta offensiva, la scorciatoia propagandistica, la cazzata ad effetto, e il dilagare del "tempo televisivo" ha seppellito la tendenza alla "conversazione" in favore del battibecco. Molti, particolarmente labili sul piano della personalità e permeabili al clima prevalente, hanno imboccato con tutte le scarpe. Una moltitudine vociante ha assunto lo stesso atteggiamento del Bossi che dichiara di pulirsi il culo con il tricolore, che parla di Roma ladrona, di "libertà" del nord e che oggi sbraita gutturalmente contro Brunetta investendolo con un: nano veneziano non romperci i coglioni.

Il senso del ridicolo è stato annientato dalle immagini di gente che dovrebbe governare un grande paese, la quale va a riempire ampolline con l'acqua del Po, magari tenendo alzato il dito medio. Il senso estetico polverizzato da uno "statista" che va in giro per il mondo a fare le corna, e cucù, e chiama gli antagonisti politici "coglioni". Tralasciamo, poi, di parlare della demenzialità di massa promossa dalla Tv spazzatura, che non può non influenzare la generalità della comunicazione. Sommando questo e altro, c'è da meravigliarsi che ci sia gente - in perfetta, e idiota, buona fede - che partecipa ad una discussione pensando che sia assolutamente legittimo scrivere commenti talmente urlati che sembrano rutti di ippopotamo? E naturalmente pensando che sia molto democratico riprodurre l'ottusità e l'ignoranza più plebea, come se il "popolo" fosse tutto, o quasi, composto da trogloditi da osteria....o guerrieri celti.

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Mar Ago 16, 2011 10:50 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mer Ago 17, 2011 12:12 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Ora, uno che ha avuto un ictus, cioè una disgrazia, che parla come un disco rotto e graffiato, sempre per la disgrazia che è un evento di cui non si può discutere, che per questa sua fatica a parlare - meglio così, tanto più che coglionate becere non ha mai detto - viene largamente compatito e sopportato, arrivi a dire a Brunetta, che certamente è arrogante e presuntuoso, ma ancor più certamente è più intelligente di lui, buzzurro di Gemonio, di stare zitto gratificandolo con l'epiteto "nano di venezia", è il colmo. In effetti nanerottolo lo è, ma è una disgrazia, almeno pari alla sua, sulla quale non si dovrebbe sfottere, solo se si avesse un minimo di decenza, mi sembra davvero troppo. Niente da fare: quello è proprio un cretino.

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Ago 30, 2011 1:03 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Vi giuro che non è uno scherzo, ma una dichiarazione del "minus habens" di Gemonio: "Riguardo alle mie condizioni di salute, vi informo che assumo (da tempo) un cocktail di antidepressivi, psicofarmaci, ansiolitici, vitamine e acqua del Po, studiato da una equipe di medici e che mi mantiene in questo equilibrio precario”. Adesso ho capito perchè è un rottame... Mamma mia, da chi siamo sgovernati... Sinceramente, poi ci ho pensato su e mi sono detto che non è che bossi è matto o fuori di testa, che siamo governati da gente assurda; il problema è all'opposto cioè che è il marketing della politica. Bossi sa benissimo che la questione in generale dell'acqua del Po è una boiata pazzesca, come sa pure che tanto la sua base elettorale è stupida come capre, quindi bisogna ben pubblicizzare gli slogan e le massime, nonchè i riti creati apposta per creare fidelizzazione. Il problema è sempre quello, dei semplicioni che mai si accorgono di quanto vengono presi per i fondelli.

Inoltre a me Bossi e Berlusconi, ricordano un film di tanti anni fa: un tycoon di New York sta discutendo con suo figlio, che non ha la vocazione da pescecane come lui, e ad un certo punto si alza, si avvicina alla finestra e invita il ragazzo ad avvicinarsi. Gli indica la strada sottostante, dicendo: "Vedi, so benissimo che la metà di quella gente che vedi laggiù sa che sono un delinquente. Ma a me basta l'altra metà per avere il mio mercato e avere tutto questo" - facendo cenno con il braccio verso lo studio megagalattico tappezzato di pannelli di quercia.

Quindi ha ragione chi dice che il problema è il marketing politico, ossia la cosiddetta gente - ossia non Berlusconi, che è uno dei tanti traffichini italiani, ma i berlusconiani, e non Bossi, che è uno dei tanti Bertoldi del bergamasco, ma i bossiani ... come diceva Petrolini a chi lo fischiava dalla galleria: "Io nun ce l'ho co' te, ma con chi te sta vicino e nun te butta de sotto". Tuttavia, alla fine, non credo che Bossi sia consapevole della propria idiozia: anche lui fa parte di quelli che non dicono ciò che pensano, ma pensano ciò che dicono - traduzone: dicono cazzate per marketing, ma ci credono pure, visto che il posto dentro di loro è libero, non è occupato da idee e convinzioni migliori di quelle cazzate.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Gio Set 01, 2011 2:37 pm    Oggetto:  l'uv perde i pezzi...
Descrizione:
Rispondi citando

Oggi la lega dichiara che alle prossime regionali andrà da sola...
insomma, l'alleanza uv-sa-fa-pdl-lega sta già perdendo un pezzo...
ma nessuno se n'è accorto????

e soprattutto non avevamo scelto pdl e lega proprio a seguito dell'elezione di Cota in regione?
Forse ricordo male....
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Set 01, 2011 6:25 pm    Oggetto:  Re: l'uv perde i pezzi...
Descrizione:
Rispondi citando

erika ha scritto:
Oggi la lega dichiara che alle prossime regionali andrà da sola...
insomma, l'alleanza uv-sa-fa-pdl-lega sta già perdendo un pezzo...
ma nessuno se n'è accorto????

e soprattutto non avevamo scelto pdl e lega proprio a seguito dell'elezione di Cota in regione?
Forse ricordo male....

La Stampa 01.09.2011 ha scritto:
POLITICA. DOPO L’INCONTRO TRA GLI ISCRITTI
Lega alle urne da sola per le Regionali 2013

La Lega Nord si presenterà alle prossime elezioni regionali del 2013 e correrà da sola, senza apparentamenti. È quanto è emerso dall’incontro che il presidente del Piemonte - e segretario della Lega nella stessa regione - Roberto Cota ha avuto martedì sera con gli iscritti valdostani del Carroccio. Cota ha offerto aiuto, già nelle scorse settimane, a un movimento che in Valle d’Aosta ha finora stentato a decollare e che, negli ultimi mesi, ha visto anche il dualismo tra il segretario regionale Sergio Ferrero e il «legato federale» Walter Togni, parlamentare padano inviato ad Aosta per un «affiancamento» dei vertici. Lo scontro per ora diventa armistizio e i due evitano polemiche vicendevoli. Togni si limita a dire che «Cota ha ribadito quanto ho già sostenuto anche io in tempi recenti, e cioè che la Lega deve avere una sua più forte identità anche in Valle e deve rilanciarsi». Ferrero esprime soddisfazione: «L’aiuto di Cota è un fatto positivo e contribuirà a ridare visibilità alla Lega. E magari contribuirà a far venire in Valle anche altri big del partito».
[D. M.]


Citazione:

L' idiota in politica. Antropologia della Lega Nord
(per chi non l'avesse capito, e va di fretta: si riferisce al "buffone" di corte, Umberto Bossi)
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


Autore: Dematteo Lynda
Traduttore: Schianchi M.
Editore: Feltrinelli
Collana: Serie bianca
Data di Pubblicazione: 2011
ISBN: 8807172070
ISBN-13: 9788807172076
Pagine: 266
Formato: brossura
Prezzo: € 16.00

Descrizione

Alla fine degli anni ottanta, quando gli elettori lombardi sanzionano l'arroganza e la corruzione della classe politica votando per la Lega Nord, si fanno sedurre dall'intemperanza anche lessicale di Umberto Bossi. La sua "idiozia" politica, le maschere che di volta in volta indossa diventano la chiave del suo successo. Il suo stile verbale rievoca il buffone della tradizione medievale, non rispettando niente e nessuno, e deridendo a più riprese le istituzioni. Con lui la pratica politica smarrisce ogni riferimento di senso, diventando una giravolta di annunci, minacce, promesse e intenzioni, in una parola "spettacolo". Il suo linguaggio e le sue maniere rimandano ai personaggi della Commedia dell'arte: il politico Bossi si trasfigura nella maschera Bossi. Come emerge da questo approccio etnografico, la Lega Nord non si limita a rappresentare le maschere più profonde dell'immaginario collettivo attraverso l'invenzione di un linguaggio tutto "suo", ma ha campo libero per fare politica nel senso più classico del termine, cioè creando miti. La Lega si dimostra più gramsciana della sinistra, conquistando l'egemonia culturale e investendo in modo ramificato tutti i settori della società. La semplicità lessicale, popolare e dialettale agìta contro l'arroganza delle classi colte e urbane si trasforma nel suo contrario: l'arroganza della semplicità.
Prefazione di Gad Lerner.
[url=http://www.libreriauniversitaria.it/idiota-politica-antropologia-lega-nord/libro/9788807172076]
L' idiota in politica. Antropologia della Lega Nord[/url]

La domanda delle cento spade, oggi, è la seguente: è più idiota bossi (rigorosamente minuscolo) o chi lo vota?

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Ven Set 23, 2011 5:19 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

l'Unità 22 settembre 2011 ha scritto:
«Finirà con le monetine»,
è rivolta leghista


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!


«Oggi la Lega è morta! Mi vergogno di quello che state facendo con il mio voto. Il ministro Maroni era l'unica speranza, ora è finita. E tutto solo per salvare Berlusconi. Vergognatevi: noi lo stiamo già facendo!». Uno sfogo e insieme una protesta, contro la decisione della Lega di salvare dall'arresto il deputato del Pdl Marco Milanese. La linea dettata da Umberto Bossi non va giù ai militanti che scrivono sul forum non ufficiale dei Giovani padani. E lo dicono chiaro e tondo, che questa volta il Carroccio ha sbagliato.

Luca Malacarne, sulla pagina Facebook di Roberto Castelli, scrive: «Spero che la lega non venga danneggiata troppo dalla vicenda Milanese». Ed è decisamente il più moderato. Giovanni Palmieri, all'annuncio del dirigente leghista della sua partecipazione a Porta a Porta chiede: «Parlerete di Cogne, Meredith o Milanese? Ce l'avrete anche duro, ma ogni volta che si chiede di arrestare un "collega" s'ammoscia...patetici, purtroppo».

Paolo Patierno scrive sulla bacheca di Radio Padania Libera: «Non voglio metterti in difficoltà credimi, quindi non ti chiedo di rispondermi. Sei contento che Milanese sia stato salvato da un provvedimento che riguardando te o me nessuno avrebbe impedito? E' questo tipo di "giustizia" che muove chi aderisce al movimento padano?». E Giuliana Giai aggiunge: «Con la scelta di oggi alla Camera vi siete giocati definitivamente il mio voto. Potete cancellare, bannare, fare tutto ciò che volete, ma resta la realtà dei fatti: non siete meglio di chi avete salvato. Consegnate il Paese alla rovina economica, etica e politica». I più se la prendono con il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, che a luglio aveva spinto per il sì all'arresto di Alfonso Papa. «Maroni di nome, ma non di fatto», è la battuta pungente sfoderata da qualcuno. Mentre qualcun altro dà del «buffone» al leader padano, Bossi.

Il Pd coglie in un'immagine la contraddizione della Lega. Uno spadone «ammosciato», quello di Alberto Da Giussano, che campeggia su sfondo verde, sotto la scritta: «La Lega salva la cricca». I democratici dichiarano di voler «tappezzare tutto il Nord». La domanda posta dalmanifesto, «Ma dov'è finita la Lega di una volta?», corre di bocca in bocca anche tra gli elettori leghisti. «Continuino così e si troveranno con le monetine in fronte», scrive un altro militante, che come gli altri si firma con nickname di fantasia. E ancora: «Il teatrino di Venezia - affermano - è servito solo per illudere il popolo padano, per tenerlo a bada in vista di decisioni impopolari». «Io non mi rispecchio più nel coprire delinquenti e affaristi - dichiara qualcuno - A Pontida ci andrò, ma per buttare le uova, la Giuliana Giai Con la scelta di oggi alla Camera vi siete giocati definitivamente il mio voto. Potete cancellare, bannare, fare tutto ciò che volete, ma resta la realtà dei fatti: non siete meglio di chi avete salvato. Consegnate il Paese alla rovina economica, etica e politica.prossima volta. Viva la Lega...ma quella pura e dura, non corrotta e supina!».

Ps. C'è infine chi, definitivo, annuncia: «Dopo questo scandaloso salvataggio di un delinquente, saluto ufficialmente la Lega Nord. Stop, la misura è colma. Cambio partito».



Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Dom Set 25, 2011 10:20 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Un disastro. La carezza sulla testa di Berlusconi a Bossi l’altro giorno dopo la votazione sull’arresto di Milanese, la dice tutta, anche per chi continua ingenuamente e alloccamente a credere nella buona fede dei dirigenti leghisti (parlo dei capi). Quella carezza voleva solo dire "siamo uniti sino alla fine", lui ha dato ricchezza a Bossi e soci, loro ricambiano con la fedeltà assoluta del cane verso il padrone che gli dà la zuppa.

Un disastro, con una lega che oltre che mal governata dai suo capi iscritti fra i dipendenti dello sceicco, è anche ipocrita nei riguardi dei suoi elettori. Prendete la questione delle pensioni: sappiamo benissimo che la gente vede qualsiasi riforma delle pensioni come un vulnus alle proprie condizioni di lavoratore, e ha ragione, la gente, perché questa riforma sull’età pensionabile sarebbe anche giusta se fosse preceduta o almeno accompagnata da riforme sulle pensioni altre, dai politici ai grandi comis dello Stato. Ecco perciò che Bossi, ignorando totalmente le altre pensioni, quelle che ho citato, si batte contro la riforma delle pensioni, o meglio, "finge" di battersi perché il suo popolo dovrà pensare: "hai visto il Bossi, ci difende a noi povera gente", che non è vero un tubo, perché la Lega oggi è un partito disastro, un partito che, in mano a questi Bossi, Calderoli e anche Maroni fa del male a tutto il Paese.

Ps. Maroni poi è un ipocrita che finge di fare il diverso, ma poi voterà contro l’arresto di Romano, così come ha votato contro l’arresto di Milanese.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Ott 04, 2011 7:02 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Feltri sputa odio sul Presidente Giorgio Napolitano e mai un cenno sul dito medio immortalato con le foto su tutti i giornali che hanno fatto il giro del mondo; mi riferisco all'idolo Umberto Bossi, idolo di Vittorio Feltri, ovviamente. Il leghista Feltri ancora una volta parla della spazzatura di Napoli e del parassitismo del meridione ai danni del settentrione d'Italia per offendere il capo dello Stato. Il leghista Feltri dimentica i vantaggi che quel "parassitismo" ha portato nelle casse settentrionali, vantaggi successivamente trasferiti all'estero dai suoi amici faccendieri, guarda caso, tutti ben radicati nel nord Italia. Il leghista Feltri dimentica che il San Raffaele di Milano, un solo ospedale, ha un debito pari alla metà del debito della sanità dell'intera Regione Campania; quel San Raffaele che un pò di tempo fa, con spot pubblicitari televisivi, chiedeva fondi a tutta l'Italia per la ricerca. Viene da chiedere: - saranno stati davvero per la ricerca?

Il leghista Feltri dimentica che la sana immagine di italianità nel mondo, è sempre stata riconosciuta e sostenuta da due eccellenze meridionali, e da sempre invidiateci: la canzone classica napoletana e la pizza (quest'ultima diffusa in tutte le città del pianeta). Il leghista Feltri dimentica che, oggi, quella sana immagine di italianità è stata deturpata da elementi della "sua Padania": dal suo padrone, nonché puttaniere, e da quell'ominide con camicia verde che espone il dito medio, che il mondo non avrebbe mai voluto vedere. Il leghista Feltri, vergogna nazionale!

Concludo con il mio sostegno al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che a breve sarà tra noi Valdostani


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Dom Ott 23, 2011 5:45 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Qualcosa diSinistra ha scritto:
Cancellati i ministeri al Nord
Pubblicato da Giorgio Pittella

Il Tribunale di Roma cancella i ministeri al Nord, voluti in estate dalla Lega, a seguito della propaganda elettorale attuata per (cercare di) tenere alte le percentuali di voti nelle regioni settentrionali. E ora arriva la decisione: condotta antisindacale, dopo un ricorso dei sindacati della presidenza del Consiglio (Sipre e Snaprecom).

Stando a queste organizzazioni sindacali, avrebbero saputo della creazione di queste sedi distaccate direttamente dai tg e dai medi e che, dichiara Alfredo Macrì, presidente del consiglio direttivo del Sipre, ”la decisione era stata adottata e portata avanti senza coinvolgere le organizzazioni sindacali o attivando, come previsto dalla legge, informazione preventiva e concertazione prima di procedere” all’inaugurazione. Questo è un decreto del giudice del lavoro, che di fatto annulla gli effetti dei decreti che istituivano le sedi periferiche dei ministeri a Monza, condannando anche la presidenza del Consiglio al pagamento di un terzo delle spese legali. Spese ovviamente a carico della collettività, cioè noi.

Siamo costretti, ancora una volta, a pagare con la nostra moneta la stabilità della coalizione ormai minoritaria che governa questo paese. Le sedi di Monza, come ricorderanno i più, erano state proclamate sulla spinta del primo turno delle amministrative di Milano, che vedeva Letizia Moratti perdente. Le analisi di allora riconducevano a una chiara flessione del sostegno leghista alla causa, e quale occasione migliore per rilanciarlo decentrando i ministeri?

Ora quella promessa elettorale la paghiamo noi, con tanta buona pace della Lega e di Roma ladrona.



Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Sab Ott 29, 2011 5:11 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Il merito questa volta è tutto di Mariastella Gelmini. Lei che, in diretta a Ballarò, nel suo impeccabile look da istitutrice, ha rispolverato la vicenda di Lady Bossi, baby pensionata, ma foraggiata anche dalla Bosina (Libera scuola dei popoli padani) di Varese di cui Manuela Marrone in Bossi è fondatrice e che ha ricevuto ben 800 mila euro di fondi pubblici "italiani", non soldi padani.

Ricapitolando: Gianfranco Fini, sulle pensioni, interviene tra l'altro ricordando come nel 1992 la seconda moglie del Senatur andò in pensione a soli 39 anni. Ma ecco che il ministro dell'Istruzione (la stessa del tunnel dei neutrini) prende subito la parola e assicura: "Non è vero, sono andata alla Bosina poco tempo fa e ancora insegnava". Forse neppure si è resa conto la ministra che per sostenere l'alleato Bossi (non l'ormai nemico Fini) bene avrebbe fatto a tacere. Già perché in questo modo ha rispolverato la recente storia del polo scolastico parificato in quel di Varese – elementari, medie e liceo linguistico – che si presenta come "la scuola del territorio".

La scuola è parificata e vi insegna per l’appunto (lo certifica la stessa Gelmini) la pensionata dallo Stato e lavoratrice per il privato d'ispirazione leghista (Manuela Marrone in Bossi), socia della cooperativa che gestisce la struttura. Ma siccome quello che conta sono i fatti, la suddetta scuola nel 2008 è stata inserita dalla Commissione Bilancio del Senato – a guida leghista – nel Fondo per la tutela dell’ambiente e la promozione dello sviluppo del territorio. Si tratta di una lunga lista di associazioni culturali, case di riposo, comuni, fondazioni, diocesi, parrocchie, università e scuole. Essere nell'elenco, per la Bosina, significa beneficare di finanziamento pubblico. Dunque grazie davvero al ministro Gelmini per averci ricordato come i leghisti oltre alle sorgenti del Po attingano anche e volentieri a quelle di Roma "ladrona".

LEGA LADRONA, ROMA NON PERDONA


Enti, ex-municipalizzate, consorzi: la Lega Nord ha occupato il tessuto economico e politico della Provincia con la spregiudicatezza della vecchia DC. Oltre alle indennità da sindaci, consiglieri, assessori, parlamentari la corte reale del Sant’Artemio, la casta padana della Lega ci costa 527.582,45 euro all’anno in prebende!
Il tutto senza rispettare né il pluralismo, né il principio dell’osservanza delle competenze tecniche.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Nov 17, 2011 6:54 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Abbiamo scritto ripetutamente che Bossi si è dovuto legare mani e piedi a Berlusconi per patti scritti davanti al notaio. Ora può liberarsene, e se non lui certamente Maroni cercherà di approfittarne per rilanciare questo movimento al nord. Hanno già detto che vorrebbero rifarsi all'esperienza della CSU bavarese... partito democristiano bavarese federato a quello nazionale, ma per riuscirci devono conquistare anche la Lombardia, dopo il Veneto e il Piemonte. La crisi e le scelte impopolari che il governo Monti dovrà imporre al Paese aiuteranno il progetto della Lega? Mah, certo è che la paura dell'impoverimento fa da stimolo all'egoismo.

La Lega ha assunto in questo frangente il metodo "andate avanti voi che io vi sparo nella schiena" e io, fossi stato Bersani (e anche Monti) non avrei accettato quella posizione. Per me Bersani avrebbe dovuto dire "ohè, ragazzi, qui non è il momento di pettinare le bambole, qui la situazione è grave per tutti e allora tutti dobbiamo prenderci la responsabilità di aiutare Monti a tirarci fuori dalla palude". Alla risposta negativa della Lega il Pd avrebbe potuto dire: "troppo comodo, o tutti o alle elezioni". Sono certo che la Lega dei furbastroni avrebbe cambiato posizione... Ma tanto è: un conto è la responsabilità di un partito di governo, un altro sono le pagliacciate degli spadoni e delle ampolle.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Sab Nov 19, 2011 10:57 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Come è stato detto da un giornalista, la Lega è un sindacato territoriale più che un partito. Come tutti i sindacati non sempre riece a fare il bene di chi pretende di proteggere. Di solito per queste cose funzionano meglio le organizzazioni lobbystiche, che lavorano più nell'ombra e con maggiore professionalità. E non può farlo perchè il Nord è eterogeneo. Difficile pensare di difendere allo stesso tempo lavoratori e imprenditori, agricoltori e partite iva. Infatti la Lega l'ha sempre buttata, e pare che oggi spinga ancor di più su questo acceleratore, sull'Idea di "popolo" in senso etnico del Nord. La qual cosa è insensata e priva di un fondamento storico. Basta vedere alle vicende delle immigrazioni interne degli anni 60, e al'eterogeneità stessa delle microcolture locali del NordItalia.

Ma comunque, si sa che per inventarsi un'etnia, quello che serve maggiormente, e di solito basta e avanza, è inventarsi un nemico etnico. Gli immigrati, i terroni, i Rom, adesso pare anche tutti gli altri popoli presunti dell'Europa tutta. Io penso che, ad oggi, la Lega sia il peggior parto della "politica" Italiana dal fascismo ad oggi. Anzi no, forse il primissimo fascismo, pur segnato dalle violenze squadriste (ma ricordiamoci che al tempo venire alle mani era cosa ben più comune in tutta Europa rispetto ad oggi) aveva qualche barlume di razionalità in più. In fondo il Fascismo aderì molto tardi alle tesi razziste, anche se lo fece con una certa solerzia.

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Sab Nov 19, 2011 11:32 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Noto che si continua a parlare di federalismo, usando impropriamente questo sostantivo. Si federano stati indipendenti o che comunque godono già di autonomia legislativa e impositiva o che ne hanno goduto in un passato recente, come la Cecoslovacchia separabile in Cechia e Slovacchia come erano all'inizio del secolo scorso. Così come sarebbe corretto parlare di Europa federata se finalmente gli stati che compongono l'Unione Europea decidessero di unirsi politicamente.

Ma parlare di federalismo in Italia è semplicemente sbagliato, perché l'unità d'Italia, fatta propria dalla Costituzione del '48, non contempla autonomie politiche, tranne che per le Regioni a Statuto Speciale alle quali sono state concesse autonomie amministrative per non turbare la realtà etnica delle stesse. Mentre la stessa Costituzione prevede invece il decentramento di parte del potere legislativo e impositivo a favore delle regioni in una logica di razionalizzazione, di responsabilizzazione, e di controllo. Quindi si tratta di Regionalismo e non di federalismo, termine usato non a caso, ma per "allargarsi" come si dice a Roma. Perciò incominciamo a parlare con proprietà, visto che in certi casi le parole sono pietre.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Gio Nov 24, 2011 11:34 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

VENEZIA
Fisco, scoperti coniugi "nullatenenti"
nascondevano 200 milioni all'estero


Denunciati un imprenditore e la moglie: l'anno scorso avevano dichiarato redditi per 5 euro,
pur avendo appena incassato 65 milioni dalla vendita di 180 ettari di terreno pregiato attraverso una società con sede in Lussemburgo




Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

L'operazione di verifica sull'imprenditore è stata
condotta dalla Guardia di finanza di Venezia (ansa)

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Lun Dic 05, 2011 2:41 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

Straordinari i legoidi. In n-anni e con una maggioranza schiacciante hanno saputo solo aumentare la spesa pubblica e ora danno lezioni di tagli, in piena crisi hanno avuto la faccia da trota di aprire addirittura sedi staccate (in realtà sezioni di partito pagate dal contribuente italiano) di ministeri e ancora parlano. Però quando gli chiedi come sono spuntati quei trecento (300) miliardi di euro di debito fanno finta di niente e cambiano discorso.

Proprio così....sono straordinari i leghisti, ieri ho seguito alcuni interventi del "parlamento padano", sembrava che i vari Maroni, Calderoli ed altri non fossero mai passati da Roma. E' più di dieci anni che stanno al Governo e non hanno ridimensionato nulla della "Roma ladrona", hanno lasciato tutto come hanno trovato: le stesse auto blu, i voli di Stato (italiano non padano!!), le diarie, i costi delle due Camere e via così; e ieri riuscivano ancora a parlare di Roma ladrona, in quella Roma i ladroni erano anche loro. Leghisti svegliatevi, vi stanno prendendo per il culo e adesso ritirano fuori la secessione, già me lo vedo un bell'esercito verde, condotto da un menomato fisico con la sua corte di menomati mentali !

Primo: Voi siete gli unici qui che non hanno il diritto di dire quello che sento. Avete appoggiato con stolto entusiasmo un governo che in dieci anni non ha fatto una sola cosa tra quelle che avevate elencate. E ora avete la spudoratezza di criticare chi in diciassette giorni (non diciassette anni) ha orchestrato una manovra da trenta miliardi;

Secondo: non commento i provvedimenti sino a che non avrò letto con attenzione ciò che contengono. Ma una cosa la voglio dire, da ex conterraneo di quella bella persona che è la Professoressa Fornero, moglie di un economista universitrio amico della Valle d'Aosta, che ho avuto modo di apprezzare negli anni, parlo di Mario Deaglio. La Prof. Fornero ad un certo punto della sua esposizione un groppo in gola le ha impedito di continuare. Si è interrotta con le lacrime agli occhi e la frase l'ha finita Monti per spiegare quell'ultimo provvedimento sul blocco temporaneo dell'adeguamento al costo della vita per le pensioni.

Che, con i proventi della tassa sui capitali scudati fa salve le pensioni minime e quelle per il doppio del minimo (960 euro). Quelle lacrime erano sincere e il travaglio di queste persone che per puro spirito di servizio hanno abbandonato le rispettive occupazioni per cercare di salvare questo sficato paese, l'ho percepito come reale e, quindi, più che apprezzabile rispetto, non solo al precedente incommentabile governo, ma a tutti i governi che ho avuto la sfortuna di osservare e subire in questi miei travagliatissimi ultimi anni di vita. Quindi sciacquatevi la bocca prima di dare del "pagliacci" a questi servitori dello Stato e accendete ceri per averne di uguali negli anni a venire.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SPAZIO DEMOCRATICO Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a pagina Precedente  1, 2, 3 ... 10, 11, 12, 13, 14  Successivo
Pagina 11 di 14

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008