Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

CLAN IN VALLE
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> GIUSTIZIA, LEGALITA', ETICA
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
erika








Registrato: 04/01/07 08:32
Messaggi: 786
erika is offline 






MessaggioInviato: Sab Feb 21, 2009 10:47 am    Oggetto:  CLAN IN VALLE
Descrizione:
Rispondi citando

Citazione:
Chiedo a tutti voi di leggere quest'interpellanza del PD che si discuterà in Consiglio regionale e se ne avete la possibilità di ascoltare anche la risposta del Presidente.

INTERROGAZIONE

RICORDATO che il 26 gennaio 2009 al Teatro Giacosa di Aosta, con gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, nel corso dell’incontro sul tema “ Libertà di espressione e diritto di vivere” organizzato dall’Assessorato regionale istruzione e cultura e dal SAP (Sindacato Autonomo di Polizia) in occasione del quarto incontro del “Percorso della legalità”, uno dei relatori, il giornalista dell’ANSA Lirio Abbate, nel suo intervento rivolto agli studenti ha affermato “Aprite gli occhi, ragazzi. Il clan dei Casalesi e dei Corleonesi ha investito molto in Valle d’Aosta. Qui ha ripulito il denaro della mafia, sporco di sangue”;

EVIDENZIATO che a queste parole forti, questo messaggio, per quanto di nostra conoscenza, nessuno (istituzione, organo, associazione) ha sentito il dovere di rispondere o di precisare in merito e tenendo presente che il diritto alla legalità si afferma anche attraverso la cultura della responsabilità;

i sottoscritti Consiglieri regionali


INTERROGANO

il Presidente della Regione per sapere:
1) se le affermazioni fatte dal giornalista corrispondono alla realtà e in questo caso che cosa è stato fatto nella logica della legalità;
2) se invece le affermazioni fatte non hanno riscontro alcuno perché non è stata avvertita la necessità di informare gli studenti che hanno partecipato e la popolazione che ha letto i giornali.

F.to: Gianni RIGO
Raimondo Davide DONZEL
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Sab Feb 21, 2009 10:47 am    Oggetto: Adv






Torna in cima
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Lun Feb 06, 2012 3:58 pm    Oggetto:  Re: CLAN IN VALLE
Descrizione:
Rispondi citando

erika Sab Feb 21, 2009 10:47 am ha scritto:
Chiedo a tutti voi di leggere quest'interpellanza del PD che si discuterà in Consiglio regionale e se ne avete la possibilità di ascoltare anche la risposta del Presidente.

INTERROGAZIONE

RICORDATO che il 26 gennaio 2009 al Teatro Giacosa di Aosta, con gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, nel corso dell’incontro sul tema “ Libertà di espressione e diritto di vivere” organizzato dall’Assessorato regionale istruzione e cultura e dal SAP (Sindacato Autonomo di Polizia) in occasione del quarto incontro del “Percorso della legalità”, uno dei relatori, il giornalista dell’ANSA Lirio Abbate, nel suo intervento rivolto agli studenti ha affermato “Aprite gli occhi, ragazzi. Il clan dei Casalesi e dei Corleonesi ha investito molto in Valle d’Aosta. Qui ha ripulito il denaro della mafia, sporco di sangue”;

EVIDENZIATO che a queste parole forti, questo messaggio, per quanto di nostra conoscenza, nessuno (istituzione, organo, associazione) ha sentito il dovere di rispondere o di precisare in merito e tenendo presente che il diritto alla legalità si afferma anche attraverso la cultura della responsabilità;

i sottoscritti Consiglieri regionali


INTERROGANO

il Presidente della Regione per sapere:
1) se le affermazioni fatte dal giornalista corrispondono alla realtà e in questo caso che cosa è stato fatto nella logica della legalità;
2) se invece le affermazioni fatte non hanno riscontro alcuno perché non è stata avvertita la necessità di informare gli studenti che hanno partecipato e la popolazione che ha letto i giornali.

F.to: Gianni RIGO
Raimondo Davide DONZEL

Cara Erika, credo che l'argomento sia molto complesso e che non esistano soluzioni facili e risolutive. Non credo neppure che esistano ricette magiche. La mafia cambia di continuo, si adegua al territorio, entra nel corpo vivo della società come un tarlo che la divora lentamente dal dentro. Spesso quando si manifestano i primi sintomi, la metastasi è già estesa e difficile da curare.

Non ho la presunzione di giudicare il meridione che è una realtà diversissima da quella dove sono nato e dove vivo. Quando leggo di esponenti del Pd collusi con la malavita organizzata ci stò male. Poi però vedo anche la reazione del partito che li espelle (cosa che non sempre fanno gli altri) e penso che non tutto è perduto. Ogni tanto si legge di fatti tragici, con morti, minacce ed intimidazioni ad amministratori onesti (spesso del mio partito) e ho la certezza che prima o poi questo cancro verrà debellato. Fino a che c'è qualcuno che resiste, la battaglia non è persa. E' uno di quegli argomenti che potevano essere approfonditi in forum come questo, nel quale scrivevano persone di ogni luogo. Uno scambio di esperienze ci avrebbe aiutato a capire e a maturare le nostre convinzioni sulla base di una conoscenza vera. Ma ormai i lettori qui sono diventati lettori e non rispondono più, magari perchè è più semplice leggere che fornire anche la benchè minima soluzione. Credo che la mafia che si vive qui sia diversa da quella che si vede nei film o si legge sui giornali.

La mafia non è solo in meridione. Forse là c'è rimasta quella più "povera" e violenta. La mafia è dove ci sono i soldi, i casinò, è nelle banche, gioca in borsa, elegge parlamentari, controlla i media. Il nostro è un piccolo territorio nel complesso delle regioni nordiste. Tutto pensavamo meno che di trovarci la mafia e l''ndrangheta in casa. Ci stiamo schierando, in ritardo, ma stiamo facendo la nostra battaglia a viso aperto, noi del Pd. E' per questo Erika, che scrivo queste quattro righe sotto al messaggio che tu postati il Sab Feb 21, 2009 10:47 am con "Oggetto: CLAN IN VALLE". Posso aggiungere che la notte, che si era abbattuta sin dal 21 febbraio 2009, esattamente tre anni, oggi si stia schiarendo e si possano vedere alcuni barlumi di luce. Ancora in questi giorni in cui stiamo risolvendo alcuni problemi (pernessi di soggiorno ai lavoratori cladestini, ecc), siamo i soli a muoverci e a schierarci alla luce del sole. Si potrebbero raccontare numerosi episodi di esperienza. Ma non è questo il punto. Sono appunto anni che stiamo lavorando su questa questione, e quando qualcuno ci dà genericamente dei mafiosi mi fa girare i coglioni.

Quello che manca è la cultura. Quello che si legge un pò ovunque e sui media locali, spesso ne è una riprova. Quando si mette la merda nel ventilatore e si mettono insieme vittime, carmefici e chi lotta per cambiare le cose, quando si danno giudizi sommari e generici basati su luoghi comuni, quando si rinuncia ad analizzare la complessità della società con tutte le sue articolazioni, non si è rivoluzionari nè moralizzatori. Si è complici di questo stato di cose.


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
sandrela







Età: 26
Registrato: 28/01/14 10:47
Messaggi: 1
sandrela is offline 






MessaggioInviato: Mar Gen 28, 2014 10:56 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

MILANO - Numerose reazioni all'intenzione di Gherardo Colombo di lasciare la magistratura come reazione per «vedere riabilitati i corrotti».
_________________
SANDRELA
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Sab Feb 01, 2014 5:27 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

sandrela ha scritto:
MILANO - Numerose reazioni all'intenzione di Gherardo Colombo di lasciare la magistratura come reazione per «vedere riabilitati i corrotti».


La legalità, in questo Paese, è ancora qualcosa che non ha molte chances. Mi sono convinto che, affinché la giurisdizione funzioni, è necessario esista una "cultura generale di rispetto delle regole". Mentre in Italia quella tra cittadino e legalità è una relazione sofferta, la cultura di questo Paese di corporazioni è basata soprattutto su due categorie: "furbizia e privilegio". Anche se a volte la magistratura può sembrare cieca, testarda ed inesorabile. Tanto per essere chiari, non mi riferisco ai problemi di mr. B. di cui non mi interessa niente. La Magistratura italiana a volte si fa notare per essere una casta forte con i deboli e debole con i forti. Basta leggere le cronache che riguardano il cosiddetto "popolino".

Gli italiani non sono ancora dei cittadini
e speriamo che lo vogliano diventare, altrimenti guai in vista per tutti quanti. Spero che Colombo sappia, che gli Italioti sono immaturi da sempre per una democrazia compiuta. Un popolo che, a fasi storiche si innamora sempre di qualcuno per essere guidato non puó essere messo alla pari con le democrazie del centro-nord Europa, siamo levantini, il termine sudditi mi pare piú che appropriato


Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> GIUSTIZIA, LEGALITA', ETICA Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008