Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

ILVA di TARANTO
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> AGRICOLTURA, AMBIENTE, TUTELA DEL TERRITORIO, ECOLOGIA
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Ven Lug 27, 2012 3:46 pm    Oggetto:  ILVA di TARANTO
Descrizione:
Rispondi citando

Lavoro o salute? Il dilemma dell'Ilva di Taranto

Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

Pubblicato Venerdì, 27 Luglio 2012
Ermes Antonucci

Lavoro o salute? In rete qualcuno ha rielaborato la questione in modo brutale: stare a casa senza stipendio ma con la salute, o andare a lavorare condannando i nostri figli al cancro? In un modo o nell’altro, questo è il dilemma che si presenta alla società e alla politica, dopo la decisione del gip di Taranto di sequestrare sei reparti dell’impianto siderurgico più grande d’Europa, l’Ilva, per le attività inquinanti. Secondo il gip “l’impianto ha causato e continua a causare malattia e morte, anche nei bambini, e chi gestiva e gestisce l’Ilva ha continuato in tale attività inquinante con coscienza e volontà per la logica del profitto, calpestando le più elementari regole di sicurezza”. In due parole: disastro ambientale. Immediatamente è scattata la mobilitazione dei lavoratori, circa 15mila (da Genova a Taranto), stando alle parole del ministro dell’Ambiente Corrado Clini, che ha anche espresso la contrarietà del governo sulla chiusura dello stabilimento (“Non va bloccato ma reso sostenibile”).

La questione, comunque, va inquadrata sotto la giusta prospettiva. Che l’Ilva di Taranto abbia prodotto e produca “emissioni nocive che, come hanno consentito di verificare gli accertamenti dell'Arpa, sono oltre i limiti e hanno impatti devastanti sull'ambiente e sulla popolazione” (ciòè scritto nella disposizione del gip), appare difficile da smentire. A darne conferma sono i rapporti delle agenzie per l’ambiente, le innumerevoli inchieste di giornali e tv, le proteste delle associazioni ambientali, gli stessi operai sanno cosa succede una volta usciti dalla fabbrica. Resta da capire quindi, ed è probabilmente questo il tema cruciale, se l’azienda abbia o meno imboccato la via dell’eco-compatibilità, come affermato dai lavoratori, dal gruppo Riva e dal presidente della Regione Nichi Vendola, leader di Sinistra Ecologia (da notare) e Libertà.

Evidentemente no, se si considera la decisione del gip, che tra l’altro definisce gli atti d’intesa conclusi negli anni per migliorare le prestazioni ambientali dell'impianto come “la più grossolana presa in giro compiuta dai vertici dell’Ilva”. Parole dure, che costituiscono un sostegno alla tesi degli ambientalisti, e cioè che “la magistratura è intervenuta perché la politica ha fallito”. Nessuno di quegli accordi negli ultimi anni è riuscito a risolvere la situazione, e il protocollo d'intesa “per interventi urgenti di bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione di Taranto” firmato ieri tra Regione e Governo finisce col costituire un disperato tentativo di mostrarsi (tardivamente) attivi nella risoluzione del problema. Praticamente, sottoposta alla necessità di posti di lavoro e sviluppo economico, per di più in una regione meridionale, e approfittando della preziosa sacca elettorale di operai, la politica ha finito, non con l’abbandonare gli ideali ambientalisti, ma comunque col subordinarli ai più consistenti fini economici. Il tempo per conciliare economia ed ambiente si è avuto, ed è stato gettato al vento. In tutta la faccenda questa è l’unica constatazione che si può fare, e ora pesa come un macigno sul futuro di migliaia di operai.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Ven Lug 27, 2012 3:46 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> AGRICOLTURA, AMBIENTE, TUTELA DEL TERRITORIO, ECOLOGIA Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008