Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

Universtà-Vda. Chiude il corso di laurea di psicologia
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> ISTRUZIONE
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Lun Nov 30, 2009 7:02 pm    Oggetto:  Universtà-Vda. Chiude il corso di laurea di psicologia
Descrizione:
Rispondi citando

12Vda.it Lunedì 30 Novembre 2009 09:00 ha scritto:

Luca Scacchi, ricercatore alle facoltà di psicologia, attacca Augusto Rollandin sulla chiusura del corso di laurea

Il ricercatore Luca Scacchi Luca Scacchi, ricercatore in psicologia sociale, della facoltà di psicologia dell'Università della Valle d'Aosta risponde al presidente della Regione e del Consiglio dell'UniVdA, Augusto Rollandin, in merito alla chiusura del corso di laurea specialistica in psicologia: «Rollandin attribuisce la responsabilità di tale scelta al Senato accademico dell’Ateneo ed a motivazioni tecniche, "strutturali" e non politiche - dichiara - ma sono i fatti, e non la mia personale opinione, a smentirlo». «Il Senato accademico - prosegue Scacchi - aveva approvato di utilizzare quanto previsto dalle deroghe concesse per gli Atenei non statali per attuare, a partire dal prossimo anno accademico, la trasformazione del corso di laurea specialistica in Psicologia, quindi non chiudendolo. E' stato il Consiglio dell'Università, presieduto da Rollandin, a respingere tale proposta nella riunione dello scorso 11 novembre e quindi, chiudere la specialistica di psicologia è una scelta del Consiglio e non del Senato Accademico. Anzi, lo stesso Senato accademico, nelle sue deliberazioni del 20 novembre, esprime "rammarico e preoccupazione per la decisione del Consiglio dell'Università relativa alla mancata trasformazione del corso di laurea specialistica di Psicologia" ed auspica "che in un futuro, venendosi a modificare le situazioni che hanno portato alla predetta decisione, la stessa possa essere ridiscussa, ritenendo in ogni caso necessario lo sviluppo verticale dell’Ateneo"».

L'ingresso dell'Università della Valle d'AostaRollandin aveva evidenziato, dopo la richiesta da parte degli studenti del corso, di un incontro «in tempi brevissimi» con la Presidenza del Consiglio di amministrazione dell'Università, che «i primi e naturali referenti delle Facoltà sono il Senato accademico ed il Rettore e che pertanto ad essi si rimanda, facendo inoltre presente che, in ogni caso, questioni di tale specificità sono di competenza dell'intero Consiglio e non esclusivamente della Presidenza». «L'incontro urgente - ha aggiunto Augusto Rollandin - deve essere quindi richiesto non a me, ma al Senato accademico. In ogni caso le motivazioni addotte dal Rettore dell'Università, Pietro Passerin d'Entrèves, sono state scelte di tipo strutturale e quindi non politiche. La scelta fatta dal Senato è comunque funzionale al fatto che i laureati devono trovare uno sbocco lavorativo: è importante, infatti, che ci sia un raccordo tra quello che è il mondo della scuola e della formazione e la reale possibilità di assorbimento dal punto di vista occupazionale da parte della realtà economica valdostana».

Secondo Luca Sacchi, che è anche membro del direttivo regionale della "Flc- Cgil" «tale scelta ha una motivazione sostanzialmente politica e non strutturale, e tanto meno tecnica».
«L'obiettivo "strutturale" di un corso di laurea, e di un Ateneo - prosegue il ricercatore - è infatti quello di fornire formazione e competenze, non quello di farsi carico direttamente della "reale possibilità di assorbimento dal punto di vista occupazionale da parte della realtà economica valdostana". Tanto più che nessun corso di laurea è in grado "strutturalmente" di farsi carico permanentemente della reale possibilità di assorbimento occupazionale nella realtà economica valdostana dei suoi laureati. Quindi due sono le possibilità: o questo obiettivo è dichiarato come rilevante solo per un particolare corso di laurea e non per gli altri, fatto, visto che il corso di laurea in questione sia l'unico corso specialistico aperto nell'Ateneo e con quasi il cinquanta per cento di iscritti non residenti in Valle d’Aosta, oppure i corsi di laurea dell’Ateneo saranno aperti e chiusi secondo le valutazioni e le esigenze delle singole contingenze e delle singole volontà politiche. Una scelta quindi tanto più grave in quanto svaluta e rende instabile qualunque offerta formativa espressa dall’Ateneo valdostano».
Scritto da douze


Ormai l'attacco è partito e arriva da tutte le direzioni a 360°.
Altro che se questa non è una motivazione prettamente politica
e non tecnica e "strutturale" come dice l'Augusto

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Lun Nov 30, 2009 7:02 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Dic 01, 2009 9:25 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

La Stampa 01 Dicembre 2009 ha scritto:
UNIVERSITA’.VERTICE CON LA REGIONE
Psicologia, chiusura più lontana
AOSTA

Chiusura sì, ma rimandata. E’ una dell’ipotesi che potrebbero interrompere il braccio di ferro tra la facoltà di psicologia dell’ateneo valdostano e il presidente dell’Università e della Regione, Augusto Rollandin.

«Si è aperto uno spiraglio che ci terrà con il fiato sospeso fino a venerdì. Speriamo che le nostre speranze non vengano deluse». Sono fiduciosi i rappresentanti degli studenti dopo l’incontro di ieri mattina con Rollandin, il rettore Pietro Passerin d’Entrèves e al direttore amministrativo Franco Vietti. «Abbiamo proposto di rimandare la chiusura di due o tre anni - ha spiegato Natalie Argentour, che ha partecipato all’incontro come futura rappresentante degli studenti della triennale (le elezioni si terranno la prossima settimana) -. Il fatto che la nostra richiesta sia stata presa in considerazione è già un segnale positivo. I problemi per chi, come me, dovrebbe cambiare ateneo sono molti e abbiamo avuto modo di spiegarli sia al rettore, che ci ha espresso la sua comprensione, sia a Rollandin. Parte dei crediti maturati andrebbero persi, inoltre molti degli studenti hanno un lavoro e una famiglia in Valle ed un trasferimento del corso di laurea comporterebbe non pochi disagi». E’ ancora presto per cantare vittoria ma, come dice la preside della facoltà Maria Grazia Monaci «è un buon risultato. Se la richiesta di posticipare la chiusura dovesse essere accolta per la nostra università sarebbe un buon risultato. Certo, mi dispiace per gli studenti del primo anno che non potrebbero usufruire di questi benefici, ma in due anni possono succedere molte cose. Vedremo».

Rollandin ha valutato in modo positivo l’opportunità di riaprire un tavolo tecnico per verificare la possibilità di iscrizione al corso specialistico per gli studenti che quest’anno frequentano il secondo e il terzo anno della laurea triennale di psicologia, ma non quelli del primo, visto il numero esiguo di iscritti. «La decisione di chiudere la laurea specialistica della facoltà da parte del Consiglio dell’università (approvata all’unanimità) e a seguire quella del Senato accademico (a maggioranza, con l’astensione del rappresentante degli studenti e di un preside nonché il voto contrario del preside della facoltà di psicologia), ha determinato preoccupazioni per gli studenti, in particolare per coloro che sono alla fine del percorso triennale e che speravano di poter conseguire in Valle la laurea specialistica - ha premesso Rollandin -. Per questo motivo saranno analizzati gli aspetti economici della proposta in particolare rispetto ai professori e le strategie per poter andare incontro il più possibile agli studenti che sono già a metà del loro percorso formativo».

A chiedere che si riveda la decisione di chiudere è anche il gruppo Vda Vive che ieri ha presentato una risoluzione in cui si invita il presidente a «riconsiderare la decisone presa dal consiglio di amministrazione dell’ateneo e dal Senato accademico» a «promuovere una nuova e più attenta valutazione tecnica». La segreteria regionale dell’Idv lancia un J’accuse preciso: «Si teme che la riduzione della potenzialità universitaria valdostana rientri in un disegno occulto di abbassamento del livello culturale regionale, per favorire solo le classi altolocate e per diminuire le menti libere pensanti, che in un futuro non molto distante potrebbero fare rinascere i fiori della democrazia». Di diverso avviso il consigliere Pdl Massimo Lattanzi secondo cui «è necessario evitare che i corsi dell’Univda producano solo dei disoccupati».
LAURA SECCI


Di certo c'è anche una posizione del Pd-Vda sul contesto Università.
Ma se non mi sono sbagliato o qualche cosa mi è sfuggita, anche questa volta nessuna intervista,
nessuna posizione riferita al Pd è presente su questo quotidiano. Il motivo?

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mer Giu 22, 2011 5:19 pm    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA Data: 22/06/2011 14:49 ha scritto:

UNIVERSITA':UNIVDA;ROLLANDIN,DA SENATO STOP CORSO EDUCAZIONE RPT CON TESTO CORRETTO
(ANSA) - AOSTA, 22 GIU -
La decisione di non attivare il corso di laurea in scienze dell'educazione all'atto della trasformazione del corso di laurea in scienze della formazione primaria, all'interno dell'Universita' della Valle d'Aosta, ''e' stata inserita nel piano di sviluppi 2010-2012 su proposta dalla facolta' di scienze della formazione, fatta propria dal Senato Accademico e dal Consiglio dell'Universita'''. Lo ha detto il presidente della Regione, Augusto Rollandin, rispondendo ad una interrogazione con risposta immediata del Pd.

''Il Consiglio dell'Universita' ha ritenuto di confermare le scelte gia' assunte - ha precisato Rollandin - e al momento le nuove iscrizioni sono sospese. Il che non esclude che in futuro, se si verificheranno le condizioni, il Consiglio dell'universita' possa valutare in coerenza con la strategia di sviluppo dell'Ateneo la riattivazione del corso di laurea in Scienze dell'educazione''. Il presidente ha poi ricordato che ''la laurea in scienze della formazione primaria passa dagli attuali quattro anni a cinque anni di corso, cioe' di fatto diventa una laurea magistrale a ciclo unico''.

Secondo i proponenti dell'interrogazione ''resta incomprensibile la ratio del Piano, che a volte pare un programma di dismissione. A fronte di enormi investimenti, che peraltro noi abbiamo condiviso, pensiamo che non sia possibile costruire un'Universita' con corsi che si aprono e si chiudono. Nel Piano poi non compare nessuna prospettiva per l'apertura di nuovi corsi in ambito scientifico, cosi' come spesso sollecitato''. (ANSA).


_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Mar Feb 28, 2012 12:54 am    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

(ANSA)] Data: 23/02/2012 19:17 ha scritto:
UNIVERSITA': VDA; PD, NON C'E' PIANO SVILUPPO PER L'ATENEO
(ANSA) - AOSTA, 23 FEB -
Il Pd della Valle d'Aosta boccia il secondo progetto preliminare del campus universitario di Aosta e chiede un piano strategico globale per l'ateneo regionale. ''In assenza di un piano di sviluppo dell'universita' - ha spiegato Raimondo Donzel, segretario regionale del partito in una conferenza stampa - e' estremamente difficile dare delle valutazioni di merito su un progetto che, allo stato delle cose, appare sovradimensionato''.

Il Pd ha elaborato una serie di osservazioni di carattere tecnico e urbanistico che sono state depositate ieri (ultimo giorno utile) al Comune di Aosta. I rilievi riguardano, tra gli altri aspetti, l'area urbanistica interessata che - secondo Giuseppe Rollandin - dovrebbe comprendere anche alcune parti di territorio cittadino (come per esempio la pizza della Repubblica) che sono state escluse nell'ultima versione dall'elaborato.

Critiche vengono anche evidenziate riguardo all'articolazione degli spazi interni: un'aula magna da 200 posti sottodimensionata, uno studentato (da 100 posti) insufficiente, se rapportato alla capienza prevista di 2.000 studenti e l'inutilita' di una zona fitness e di un asilo aziendale ''di cui non si e' ancora verificata la necessita''', ha ancora spiegato Rollandin. Eccessivi - secondo il Pd - sono anche i costi di investimento attesi: ''128 milioni di euro per 31 mila metri quadrati di superficie - spiega ancora Giuseppe Rollandin - significano un costo unitario al metro quadrato di 4.116,75
che e' molto alto per un'opera di questo genere''.

''Al di la' delle considerazioni tecniche - ha aggiunto Sara Timpano, responsabile dei Giovani democratici della Valle d'Aosta - abbiamo molti dubbi sul futuro dell'Universita' della Valle d'Aosta che dopo una spinta iniziale si e' fermata''.(ANSA).



_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> ISTRUZIONE Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008