Indice del forum

AREA DEMOCRATICA

BLOG: http://www.areademocratica.blogspot.com/

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum

L'Acqua
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SALUTE E SANITA'
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
carmelo.pace







Età: 51
Registrato: 04/01/07 12:34
Messaggi: 265
carmelo.pace is offline 

Località: Chàtillon
Interessi: Tutto quello che mi piace
Impiego: CIGS


MessaggioInviato: Dom Gen 14, 2007 5:52 pm    Oggetto:  L'Acqua
Descrizione:
Rispondi citando

Stato del Pianeta
Traduzioni in italiano a cura del WWF Italia
La scarsità d'acqua in aumento minaccia la sicurezza alimentare della Cina.
Di Lester R. Brown


Un rapporto poco diffuso a Pechino rivelava, a metà agosto, che la situazione idrica della Cina è molto più drammatica di quanto si pensi. Le falde acquifere della Cina settentrionale, che produce più della metà del grano cinese e un terzo del suo mais, si stanno abbassando più velocemente di quanto si credesse.

L’eccessivo pompaggio dell’acqua ha svuotato le falde acquifere, riducendo la quantità d’acqua che può essere pompata; questa non riesce ad essere sostituita dall’acqua piovana, ed obbliga a scavare pozzi profondi che raggiungono le falde acquifere, le quali, a loro volta, non riescono a riformarsi.
Lo studio, condotto dall’Istituto di Monitoraggio Geologico Ambientale (GEMI) di Bejing, riporta che sotto la Provincia di Heibei, nel cuore della pianura settentrionale della Cina, il livello medio della profondità dell’acqua si è abbassato di 2,9 metri nel 2000. Vicino ad altre città, si è abbassato di 6 metri.

He Qingcheng, capo della squadra di monitoraggio delle falde del GEMI, crede che la situazione idrica che si sta deteriorando così velocemente dovrebbe meritare molta più attenzione. Egli sostiene che con lo svuotamento delle falde acquifere profonde sotto la pianura settentrionale della Cina, la regione sta perdendo la sua ultima riserva idrica - la sua unica salvezza.

La sua preoccupazione si ritrova in un nuovo rapporto della Banca Mondiale, che dice: “I pozzi scavati intorno a Bejing ora devono raggiungere la profondità di 1.000 metri prima di trovare l’acqua, ed è un costo che si aggiunge agli altri.” Con un linguaggio forte, inusuale per la Banca Mondiale, prevede “conseguenze catastrofiche per le generazioni future”, a meno che l’uso e le scorte d’acqua non siano riequilibrati rapidamente.


Un altro segnale della gravità della situazione idrica nella pianura settentrionale della Cina è dato dalla frenesia con cui si scavano pozzi negli ultimi anni. Alla fine del 1996, le cinque provincie della pianura settentrionale della Cina - Heibei, Henan, Shandong e le città delle provincie di Bejing e di Tianjin - avevano 3,6 milioni di pozzi, di cui la maggior parte servivano per l’irrigazione.



Nel 1997 ben 99.000 pozzi furono abbandonati, perché vuoti. Furono scavati altri 221.900 pozzi. La ricerca disperata d’acqua in Cina è evidente, dal momento che si continuano a scavare pozzi in profondità.

La metà settentrionale della Cina si sta prosciugando. La richiesta d’acqua ai tre fiumi che scorrono verso est nella piana settentrionale della Cina - l’Hai, il fiume Giallo e lo Huai - è eccessiva, tanto che i tre fiumi diventano secchi nella stagione secca, talvolta per lunghi periodi. Nei primi anni ’80 la portata del fiume Giallo nella provincia di Shandong - l’ultima delle otto provincie attraverso la quale il fiume Giallo scorre nel suo flusso verso il mare, e la provincia cinese che produce più grano - si è ridotta da 40 miliardi di metri cubi (1 metro cubo = 1 tonnellata) all’anno a 25 miliardi di metri cubi durante gli anni ’90.

Mentre le falde acquifere si abbassano, le sorgenti si prosciugano, i torrenti non scorrono più, i fiumi sono in secca e i laghi spariscono. Un tempo la provincia di Heibei aveva 1.052 laghi. Ne rimangono solo 83. La mancanza d’acqua nella piana settentrionale della Cina e l’uso eccessivo delle scorte sostenibili sono più di 40 miliardi di tonnellate all’anno. Al momento si supplisce a questa mancanza con le miniere d’acqua nel sottosuolo, ma quando le falde acquifere sono prosciugate e non si può più scavare nel sottosuolo, le scorte d’acqua diminuiranno molto. Nel bacino del fiume Hai - dove l’industria e le città, incluse Pechino e Tianjin, ora hanno la priorità - l’agricoltura che utilizza l’irrigazione potrebbe scomparire entro il 2010, facendo un passo indietro nella direzione dell’agricoltura basata sulla pioggia, meno produttiva.


Tra ora e il 2010, quando si prevede che la popolazione cinese sarà cresciuta di 126 milioni di persone, la Banca Mondiale prevede che la domanda d’acqua da parte delle città dell’intero paese aumenterà da 50 miliardi di metri cubi a 80 miliardi, pari a una crescita del 60%. Nel frattempo la richiesta d’acqua per l’industria aumenterà da 127 miliardi di metri cubi a 206 miliardi, pari a una crescita del 62%.

Con l’acqua che vale 70 volte di più che nell’industria e nell’agricoltura, i coltivatori perdono quasi sempre nei confronti delle città. Mentre le falde acquifere continuano ad abbassarsi, i costi del pompaggio aumentano e renderanno l’acqua del sottosuolo troppo cara perché i coltivatori la possano usare per l’agricoltura.

Oltre alla diffusa scarsità idrica, molte forze ambientali ed economiche stanno riducendo la produzione cinese di grano. I coltivatori cercano di massimizzare le loro entrate dai piccoli appezzamenti di terra, coltivando per esempio frutta e verdura, che valgono più del grano.

La Cina sta lottando strenuamente dal 1994 per rimanere autosufficiente nella produzione del grano. Lo ha fatto alzando i prezzi molto al di sopra del livello del mercato mondiale, arando molto e contribuendo così a formare il più grande bacino di polvere al mondo, e pompando oltremodo le falde acquifere sotto la pianura settentrionale della Cina.


La combinazione di vari fattori, quali i prezzi deboli, le falde acquifere che si abbassano e una forte siccità, hanno fatto scendere il raccolto di grano a 335 milioni di tonnellate, rispetto al raccolto limite di 392 milioni di tonnellate del 1998. Tutto ciò farà diminuire il consumo previsto di 46 milioni di tonnellate. L’emergenza di questo deficit - il più ampio nella storia della Cina -, aggiunto al deficit dell’anno scorso di 34 milioni di tonnellate, fa sorgere degli interrogativi circa la futura sicurezza alimentare.


Tali scarsità ravvicinate di produzione di grano di questi ultimi due anni, in un momento in cui l’importazione è trascurabile, hanno ridotto le scorte a circa 81 milioni di tonnellate. Con una disponibilità di scorte così esigua un altro raccolto scarso nel 2002 indurrebbe la Cina ad importare grandi quantità di grano per arrestare la crescita dei prezzi.

L’importazione cinese di grano potrebbe aumentare velocemente, come dimostra l’esperienza recente con i semi di soia. Quando i prezzi calmierati del grano crebbero nel 1994, le risorse furono spostate dai semi di soia - il quarto raccolto del paese dopo il frumento, il riso e il mais. Il risultato fu che il raccolto di semi di soia diminuì del 6% dal 1994, mentre la domanda raddoppiò. Con un cambiamento repentino la Cina è passata da un’esportazione minima di semi di soia nel 1993 all’importazione più ampia del mondo nel 2001, importando 14 milioni di tonnellate dei 30 milioni che consuma.

Se la Cina dovesse avere un’altra annata di raccolto scarso di grano nel 2002, sarà probabilmente obbligata a importare molto più dei 7 milioni di tonnellate di frumento e dei 5 milioni di tonnellate di mais che deve promettere di importare se entra nell’Organizzazione Mondiale del Commercio alla fine del 2001, come previsto.

Con le falde acquifere che si stanno prosciugando, la Cina sta cercando di rendere uguale la quantità d’acqua che si utilizza a quella delle scorte. Ha di fronte tre strade diverse: conservazione dell’acqua, deviazione dell’acqua dal sud del paese al nord, e importazione di grano. La deviazione dell’acqua dal sud al nord per trasportare l’acqua dal bacino del fiume Yangtze costerà decine di miliardi di dollari e costringerà centinaia di migliaia di persone a spostarsi. Un investimento pari a questo fatto nell’utilizzazione migliore dell’acqua per l’industria e in apparecchi casalinghi e per l’irrigazione più efficienti produrrebbe probabilmente più acqua. Dal momento che ci vogliono 1.000 tonnellate d’acqua per produrre una tonnellata di cereali, importare grano è il modo migliore per importare acqua.

A prescindere dalla decisione che prenderà, se concentrarsi solo sulla conservazione oppure fare anche una deviazione dal sud al nord, la Cina dovrà, quasi sicuramente, rivolgersi al mercato mondiale per l’importazione di grano. Se importasse anche solo il 10% del suo bisogno di grano - 40 milioni di tonnellate - diventerebbe in un sol giorno la maggiore importatrice di grano, scatenando grandi tensioni sul mercato delle importazioni e facendo salire i prezzi mondiali. Se ciò accadesse, non avremmo bisogno di leggerlo sui giornali: ce ne accorgeremmo alle casse dei supermercati.
Lester R. Brown

(Traduzione di Stefania Alatri)

_________________
Carmelo Pace


Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Adv



MessaggioInviato: Dom Gen 14, 2007 5:52 pm    Oggetto: Adv






Torna in cima
carmelo.pace







Età: 51
Registrato: 04/01/07 12:34
Messaggi: 265
carmelo.pace is offline 

Località: Chàtillon
Interessi: Tutto quello che mi piace
Impiego: CIGS


MessaggioInviato: Sab Gen 20, 2007 10:50 am    Oggetto:  Le Vie dell’Acqua
Descrizione:
Rispondi citando


_________________
Carmelo Pace


Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Sab Gen 20, 2007 5:30 pm    Oggetto:  Morire d'acqua "malata" in Europa
Descrizione:
Rispondi citando

Migliaia di persone, soprattutto giovanissimi, muoiono ogni anno per malattie legate all'accesso ad acqua potabile non sicura. Un problema che riguarda un europeo su sette, soprattutto nelle regioni centro-orientali. Oggigiorno, la maggior parte degli europei assumono come un dato di fatto la disponibilità di acqua potabile. Eppure, in Europa, circa 120 milioni di persone - una su sette - non hanno accesso ad acqua potabile sicura. Scarse condizioni igieniche e scarsa informazione sui rischi che si corrono nel servirsi di acqua non perfettamente pura, provocano la morte di centinaia di europei ogni anno, mietendo vittime soprattutto tra giovani e giovanissimi. Basti pensare che, secondo i dati forniti dall'Oms, solo lo scorso anno si sono registrati 170 mila casi di malattie causate dalla mancanza di acqua potabile sicura, e i più colpiti sono stati i bambini tra i sei e gli 11 mesi. In media, 37 bambini muoiono ogni giorno per malattie come epatite A, diarrea sanguinosa e febbre tifoide.
_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
carmelo.pace







Età: 51
Registrato: 04/01/07 12:34
Messaggi: 265
carmelo.pace is offline 

Località: Chàtillon
Interessi: Tutto quello che mi piace
Impiego: CIGS


MessaggioInviato: Mer Mar 07, 2007 10:43 am    Oggetto:  Siccità
Descrizione:
Rispondi citando

Ambiente: Pecoraro, cambio climatico in atto, serve piano azione su acqua
Azioni concertate con tutti i soggetti: erogatori e utilizzatori per mitigare effetti crisi

“Il cambiamento climatico è in atto anche nel nostro paese. Siccità e desertificazione sono alcune delle conseguenze che in modo tangibile colpiscono l’Italia. L’allarme siccità richiede la messa a punto di strategie efficaci. Si tratta quindi di avviare un piano di azione a difesa della risorsa acqua”. Lo ha dichiarato il ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Alfonso Pecoraro Scanio.


“E’ necessario – ha aggiunto Pecoraro – un’azione concertata che coinvolga tutti i soggetti coinvolti, dagli erogatori agli utilizzatori, in modo da distribuire i sacrifici e ottenere più risultati con meno. Penso quindi a campagne d’informazione e misure mirate ad ottenere un abbattimento degli sprechi di acqua da parte degli utilizzatori, in primis nel settore agricolo ma anche nel comparto degli usi industriali e civili. Così pure verso gli erogatori per avere una metodologia di gestione dei laghi alpini e degli invasi coerente con una situazione di crisi e non di normalità. E’ evidente insomma che la risorsa acqua è oggi un bene sempre più prezioso che necessita di maggior attenzione e consapevolezza”.

_________________
Carmelo Pace


Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
carmelo.pace







Età: 51
Registrato: 04/01/07 12:34
Messaggi: 265
carmelo.pace is offline 

Località: Chàtillon
Interessi: Tutto quello che mi piace
Impiego: CIGS


MessaggioInviato: Ven Mar 16, 2007 11:27 pm    Oggetto:  Indicazioni operative per fronteggiare crisi idriche
Descrizione:
Rispondi citando


_________________
Carmelo Pace


Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
giorgio








Registrato: 06/01/07 01:27
Messaggi: 4558
giorgio is offline 

Località: Aosta




MessaggioInviato: Sab Ott 20, 2007 3:22 pm    Oggetto:  Re: Indicazioni operative per fronteggiare crisi idriche
Descrizione:
Rispondi citando

carmelo.pace ha scritto:



se interessasse...un pò di discussione...

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!
Solo gli utenti registrati possono vedere le immagini!
Registrati o Entra nel forum!

«Guai se i giovani di oggi dovessero crescere nell'ignoranza, come noi della "generazione del Littorio".
Oggi la libertà li aiuta, li protegge. La libertà è un bene immenso, senza libertà non si vive, si vegeta»
Nuto Revelli
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> SALUTE E SANITA' Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Puoi scaricare files da questo forum





AREA DEMOCRATICA topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008